ISCRIVITI E SEGUIMI!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario decide di cambiare carriera e dedicarsi completamente alla cucina e alla fotografia di food, tramite il suo blog Mangio Quindi Sono, aperto nel 2014. Ora vive nella campagna mantovana con suo marito, adora collezionare props e stilare liste di cose da fare.Nella sua dispensa non mancano mai miso tahine e avocadoQui trovate ricette salutari, consigli e trucchi per mangiare sano con piatti bilanciati ma deliziosi e che appaghino anche la vista. Mangiare sano non è mai stato così bello, e la vita è troppo corta per mangiare cibo brutto. Mangio quindi Sono vuole essere un luogo inclusivo quindi trovate ricette onnivore così come vegan, gluten free così come dairy free. Ma niente detox e nessun dogma assoluto.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Come cucinare le verdure Autunnali | Più di 80 ricette e idee

Come cucinare le verdure autunnali: una  raccolta di oltre 80 ricette sane (circa) con 10 verdure autunnali 

Una guida e raccolta di ricette per cucinare le verdure autunnali più conosciute o interessanti in maniera diversa dal solito, per imparare a mangiare stagionale e diversificare la propria alimentazione. Ricette sane, ma gustose, facili e veloci, adatte a tutti i gusti, principalmente vegetariane e vegane (ma non solo) 

Come sempre premessa: lo so è un post lungo, ma questa volta spero mi perdonerete e anzi mi ringrazierete perché ci sono poche chiacchere e molte ricette e idee pratiche!

80 ricette e idee suddivise per 10 verdure autunnali: ora non avrete scuse per non mangiare verdure! 

Quando si cambia stile di vita e si inizia a mangiare sano spesso ci si fissa su alcuni alimenti, siano essi pollo riso e broccoli se si parla di bodybuilder, o avocado salmone e mandorle se si parla di fitness girl, e si tende a mangiare sempre quelle stesse cose, perchè ritenute “sane”.    Se c’è però una cosa che ho imparato in tanti anni di cibo sano, diete, e letture al riguardo, è che il concetto di cibo sano è molto molto aleatorio, e che quello che è sano per me non lo è per un’altra persona, e l’errore più grande è pensare diversamente e imporre la propria “dieta sana” agli altri. 

Ci sono penso però due fattori che possono essere ascritti come vincolanti per una dieta sana ubiquitaria, adatta più o meno a tutti: mangiare sufficienti dosi di frutta e verdura (senza eccedere, perchè anche troppa fibra può far male) e soprattutto avere una dieta varia. 

Se sulla questione frutta e verdura tutto l’internet sembra più o meno aver recepito il messaggio, sulla questione dieta varia e diversificata invece non tutti sembrano aver capito l’antifona. Mangiare broccoli tutti i giorni, albume tutti i giorni, salmone tutti i giorni NON è sano. Perchè l’albume è povero di vitamine liposolubili, i broccoli in eccesso sono goitrogeni, il samone è ricco di metalli pesanti. Insomma nessun alimento è veramente sano, e contemporaneamente sono sani tutti quanti, la chiave sta nella frequenza: se alternerniamo le nostre fonti proteiche, le fonti di carboidrati e di grassi e gli ortaggi che inseriamo nella dieta, non avremo problemi con nessuno di essi. Quindi proibite le diete monoalimenti, e viva la diversità che la stagionalità ci offre. 

Ecco quindi come mi è venuta l’idea di dedicare questo enorme, lunghissimo e faticosissimo post a come cucinare le verdure autunnali, qui trovate più di 80 ricette sane e leggere per cucinare dieci tra le verdure autunnali più comuni! Perchè spesso il motivo per cui si mangia broccoli tutti i giorni (oltre a figure professionali poco raccomandabili che lo consigliano) è che magari le altre verdure non si conoscono molto o non si sanno cucinare o per lo meno non in maniera gustosa e interessante. 

Per ogni verdura trovate una ricetta vera e  propria, solitamente un contorno o comunque un piatto semplice, che ho cercato di mantenere vegetariano o vegano (ma è scappata un’acciughina o due!)  adattabile a ogni esigenza e  abbinabile a altre preparazioni a seconda delle vostre abitudini alimentari. Spesso sono presenti erbe aromatiche, spezie e insaporitori perchè nella vita ci vuole sapore, e spesso è citata anche la frutta secca perchè in tutte le diete che ho seguito era sempre presente, in quantità variabile, ma ovviamente voi potete diminuirla o ometterla 

Sempre per ogni verdura trovate poi tre idee per prepararle, non vere e proprie ricette ma spunti interessanti, uno in versione “leggera”, uno in versione “golosa” e uno in versione “veloce”; e ancora sotto ogni verdura autunnale almeno 4 link a ricette (due mie e due di mie colleghe blogger e fotografe perchè #communityovercompetition) per cucinare quel vegetale in maniera inconsueta o diversa dal solito. Sono tutte ricette molto indicative, rispetto al mio solito le indicazioni su quantità e procedimento sono meno “precise” proprio perchè volevo che fossero adattabili e versatili. 

Premessa: quando parlo di ricette “veloci” intendo che si preparano in pochi minuti, anche se magari la cottura richiede più tempo, perchè potrete dedicarvi ad altro mentre le verdure cuociono; e quando parlo di “facili” intendo che non richiedono tecniche o attrezzatura particolare e sono facili, ma non necessariamente sono ricette con pochi ingredienti. Per capirci se una ricetta richiede 10 spezie ma vanno solo mescolate, per me è e rimane una ricetta “facile”

Una seconda premessa:  nel fare la selezione di 10 verdure autunnali da inserire nella guida mi sono ritrovata a dover operare alcune scelte perchè diverse verdure sono considerate sia autunnali che invernali, quindi se non trovate la vostra verdura preferita probabilmente è perchè l’ho considerata “invernale” e non “autunnale”. Ho scelto alcune verdure molto comuni e facili da reperire, ma ho aggiunto anche qualche verdura più particolare per spronarvi a provare sapori e ingredienti nuovi. 

Pronti? Partenza, via! 

ZUCCA

La zucca è uno dei miei ortaggi preferiti quindi vi beccate senz’altro questa per prima: io uso solo zucche mantovane (ma va?) cioè le delica, meno acquose e dal sapore inteso, quasi castagnoso. La zucca è così buona che so che molti non la inseriscono nelle diete perché “troppo zuccherina”, e la associano invece alla patata, non è assolutamente vero e non va evitata, come tutto non bisogna eccedere! Perfetta per risotti, sughi di paste, cotta al forno o in vellutate, è estremamente versatile. Compratela intera e tagliatevela da voi (ricordate: coltello pesante per aprirla e coltello sottile e affilato per sbucciarla) perché quelle già pulite sono di qualità inferiore.  La ricetta che vi propongo però è con zucca violina e non kabocha o mantovana, perchè tutte le ricette che trovate qui sul blog prevedono appunto quella mantovana – per me di gran lunga superiore – ma volevo offrirvi un’alternativa nel caso non riusciste a reperirla

 

    Tagliere con zucca violina hasselback

Zucca hasselback 

Ingredienti

  • 1 zucca violina
  • 20 gr burro
  • 1 cucchiaio d'olio evo
  • foglie di salvia timo, rosmarino e alloro
  • 1 cucchiaio di paprika affumicata
  • 1/2 cucchiaino di aglio essiccato
  • 3 o 4 cucchiai mandorle a scaglie
  • sale e pepe
  • 2 o 3 cucchiai di semi di zucca

Istruzioni

  • Accendete il forno a 200°
  • Prendete una zucca violina e tagliatela per il lungo, toglietevi i semi e con un pela patate togliete la buccia
  • Con un coltello molto affilato praticate una serie di tagli ravvicinati a pochi mm di distanza, paralleli tra loro, senza tagliare fino alla fine, lasciando mezzo centimetro di polpa integra (io utilizzo il trucco delle bacchette che vedete qui)
  • Fate sciogliere in un pentolino 20 gr di burro e quando ha assunto un colore brunato aggiungete un cucchiaio d'olio, un cucchiaio di paprika affumicata e mezzo cucchiaino di aglio essiccato
  • Inserite in alcune delle fessure della zucca le foglie di erbe aromatiche, poi spennellate accuratamente tutta la polpa con il burro alla paprika
  • Salate e pepate, cospargete di mandorle e semi di zucca e infornate per 20 minuti

EDIT: la ricetta a cui mi sono ispirata per questa zucca hasselback (mi ero dimenticata di linkarla, chiedo venia, è questa)

Una ricetta leggera con la zucca: VELLUTATA

Cuocetela a metà in forno con la buccia, scavate la polpa e frullatela con olio, sale, pepe

Una ricetta veloce con la zucca: CHIPS

Tagliatela a fettine con ancora la buccia e arrostitela condita con con timo, rosmarino, olio, sale e pepe

Una ricetta golosa con la zucca: FRITTA

Procedete come per le chips ma condite con sale e paprika affumicata e poi friggetela in olio di cocco o di arachidi

ALTRE IDEE con la ZUCCA

 

Un uso diverso dal solito della zucca? Provate a farne un gelato speziato! Oppure fateci dei waffle senza glutine e senza zuccheri aggiunti! Se ne avete avanzata tanta potete farci una vellutata con un tiwst in più, thai, o ancora un hummus al miso (speciale!)

Un’insalata autunnale insolita con la zucca come protagonista da Giulia di Jul’s Kitchen

Come non citare la celeberrima focaccia alla zucca di Stefano Cavada??

 

FUNGHI

Altro ortaggio nella mia best 5. Ricordatevi che i funghi possono essere coltivati o raccolti, in caso siano raccolti sono solitamente più costosi perché più pregiati e difficili da trovare, e – sebbene tutte le riviste di cucina vogliano convincerci diversamente – non sono propriamente verdure autunnali perché si trovano nei boschi a fine estate. Nessun problema di stagionalità invece per quelli coltivati! I miei preferiti sono i funghi shitake (li trovo freschi dal Veneto!) e i Portobello, entrambi varianti coltivate. Non disdegnate un sacchettino di porcini secchi di provenienza Italians da tenere in dispensa, possono sempre essere utili!

Ciotola con funghi cremosi e foglie di salvia

Funghi cremosi senza panna

Ingredienti

  • 3 portobello grossi o 5 se piccoli
  • 200 gr di champignon
  • 200 gr di shitake freschi
  • timo e salvia freschi
  • 1 cucchiaino di aglio essiccato
  • sale pepe olio evo
  • 250 ml di latte anche parzialmente scremato
  • 80 gr di cream cheese o ricotta
  • 15 gr di fecola di patate

Istruzioni

  • Tagliate i portobello a striscioline, gli shitake in quarti e gli champingnon a fettine
  • Metteteli in una teglia da forno, conditeli con il timo e la salvia tritati, sale e pepe e un filo d’olio
  • Infornate a 200° per circa 20 minuti o finché non siano cotti del tutto, e avranno rilasciato i loro succhi
  • Trasferite tutto il contenuto della teglia compresi i succhi in un tegame, aggiungete il latte e la fecola setacciata, mescolate accuratamente e accendete a fuoco medio
  • Portate a bollore e continuate a cuocere mescolando di tanto in tanto finché il sughetto non si sia ristretto un po’, aggiungete il cream cheese stemperato in un po’ d’acqua, mescolate bene e spegnete

Note

Potete servirlo come contorno, usarlo per condirci una pasta o aggiungere dei tocchetti di pollo in cottura per renderlo un piatto unico

Una ricetta leggera con i funghi: GRIGLIATI

Tagliate dei porcini o champignon a fettine sottili, grigliateli e condite con olio, sale, pepe, prezzemolo e limone

Una ricetta veloce con i funghi: IN INSALATA

Tagliate porcini e champignon a fettine o grattuggiateli a listarelle, unite grana a scaglie, rucola e condite con vinaigrette all’aceto di mele

Una ricetta golosa con i funghi: IMPANATI

Impanate dei portobello nel panko e nella farina di nocciole, irrorateli di olio e gratinateli al forno

ALTRE IDEE con i FUNGHI

Una delle mie ricette preferite con i funghi è la mia pasta al forno vegetariana (che necessiterebbe un restyling ma è buonissima quindi ve la metto lo stesso).  Sempre in versione veggie trovate dei meravigliosi burger a base di funghi e lenticchie e una zuppa “sostanziosa” con funghi e fagioli

Questa versione autunnale di quiche fatta da Carlotta di Carlotta & il Bassotto mi ha subito stregata!

Fran di Beauty Food Blog propone un uso alternativo dei funghi: per farci un patè! Ovviamente veg con le lenticchie e le noci

 

BARBABIETOLE

Ok sulle barbabietole ammetto invece di avere difficoltà, sono in assoluto una delle cose che più odio al mondo mangiare (per me sanno inequivocabilmente di… terra!) Ma mi sono dovuta cimentare ugualmente, essendo la barbabietola un ingrediente estremamente versatile: può essere mangiato crudo in insalata, comprata già cotta al vapore pronta all’uso, arrostita al forno, e con la purea possiamo preparare una vasta gamma di ricette!

Piatto con tre pezzi di pane di seglae, avocato schiacciato, barbabietole arrosto e feta

Avocado toast con barbabietole arrosto e feta  

Avocado toast con barbabietole arrosto

Ingredienti

  • 2 barbabietole di chioggia
  • 2 fette di pane di segale
  • 1/2 avocado
  • succo di limone
  • 30 gr di feta
  • semi di sesamo nero
  • sale e pepe
  • olio evo
  • foglie di basilico

Istruzioni

  • Tagliate le barbabietola a fette e poi in quarti, salate e pepate, spennellate di olio e mettetele su una placca ricoperta di carta da forno
  • Infornate per circa 15 min a 200° o fino a che non siano morbide e dorate
  • Schiacciate l’avocado e conditelo con sale, pepe e olio evo e qualche goccia di succo di limone
  • Grigliate il pane di segale, spalmatelo di avocado, aggiungete le barbabietole arrosto e finite con il basilico, la feta sbriciolata e il sesamo

Una ricetta leggera con la barbabietola: IN INSALATA

Cuocete la barbabietola al vapore (o prendetela già cotta) tagliatela a fettine e condite con yogurt greco, erba cipollina, aneto, olio, sale e pepe

Una ricetta veloce con la barbabietola: HUMMUS

Frullate due barbabietole precotte con un barattolo di ceci, due cucchiai di olio, un cucchiaio pieno di tahine, aglio e sale

Una ricetta golosa con la barbabietola: RISOTTO

Preparate il risotto unendo le barbabietole precotte a dadini quando unite il riso, proseguite come al solito e mantecate con formaggio di capra

ALTRE IDEE con le BARBABIETOLE

Se anche voi non amate la barbabietola ma volete provare a usarla, perché non in una torta? Come la mia al cioccolato e barbabietole! Altrimenti se volete una ricetta per fare colpo su un amico vegano, una ricetta d’effetto, vi propongo i veg burger con ketchup di barbabietola!  Oppure affumicateci del salmone a secco per Natale! 

Le barbabietole zero waste come non le avete mai viste? Il pesto fatto con le loro foglie di Gabila!

Per una ricetta raffinata e invitante ma ricca di tante buone verdure, provate gli gnocchi di Antonella di Fotogrammi di Zucchero 

 

CAVOLETTI DI BRUXELLES

Io sono un’amante indefessa dei Cavoletti di Bruxelles. Sono una delle mie verdure preferite, una delle poche pochissime che mangio anche solo cotti al vapore e sconditi. Per mesi la mia cena in solitaria del giovedì sera – mio marito ha sempre da fare quel giorno – è stata cavoletti al vapore con fiocchi di latte. E mi piaceva. Giuro. Capisco però che molti altri non siano della mia stessa opinione: i cavoletti sono una verdura ostica, e non è quel genere di verdura il cui sapore e consistenza si possono cammuffare. Per cui se odiate i cavoletti non penso qui troverete qualche ricetta per voi (anche sa affogati di besciamella…) ma se siete indecisi date una chance alle mie proposte. Per me danno il meglio di sè arrostiti al forno oppure tagliati sottili al vapore!

Ciotola con cavoletti di bruxelles in insalata con mikado e timo

Insalata di cavoletti di Bruxelles e e agrumi al timo

Ingredienti

  • 300 gr di cavoletti di Bruxelles
  • 1 miyagawa
  • 1 clementina
  • 1 mapo
  • 2 cucchiai di noci pecan
  • il succo di un’arancia
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • olio evo
  • sale e pepe
  • qualche rametto di timo

Istruzioni

  • Tagliate i cavoletti di Bruxelless a fette sottili ma non troppo o a spicchi e cuoceteli al vapore per 6 minuti, lasciateli raffreddare
  • Pelate a vivo gli agrumi e tagliateli a fette
  • Unite i succhi di arancia o limoni, l’olio evo, il timo tritato, il sale e il pepe
  • Unite i cavoletti con gli agrumi, aggiungete il condimento e cospargete di pecan tritate

Una ricetta leggera con i cavoletti di Bruxelles: AL VAPORE CON CALAMARI

Tagliateli a spicchi e cuoceteli per 5 minuti al vapore e uniteli a dei calamari freschi grigliati, condite poi con una vinaigrette al succo d’arancia

Una ricetta veloce con i cavoletti di Bruxelles: ARROSTO

Tagliate a metà i cavoletti e arrostiteli al forno cosparsi di aceto balsamico e un filo d’olio

Una ricetta golosa con i cavoletti di Bruxelles: FOCACCIA

Preparate una focaccia con il vostro impasto preferito e prima di infornare cospargete di cavoletti tagliati finemente e gouda grattuggiato

ALTRE IDEE con i CAVOLETTI DI BRUXELLES

Provate una delle mie ricette preferite con i cavoletti, che come mio solito mixa dolce e salato: un’insalata con cavoletti, pera grigliata e ricotta affumicata. Se preferite invece qualcosa di più comfort style, ecco le patate dolci ripiene di cavoletti 

Se volete rimanere in tema cibo super goloso e confortevole, io fossi in voi darei un occhio a questo clafoutis di cavoletti, castagna e toma di Valentina di Brodo di Coccole

Per una ricetta fuori dal comune, che riunisce più verdure autunnali e invernali, provate questi gnocchi di cavolfiore con cavoletti di Bruxelles di Sonia di OPSD

BROCCOLI

Altra verdura molto presente nella mia dieta nei mesi invernali e autunnali, principalmente perchè si puliscono in 30 secondi e si cuociono in pochi minuti. E altra verdura che mio marito si rifiuta di mangiare. Nel caso dei broccoli il mondo si divide in due categorie di persone: chi li mangia ben cotti quasi sfatti e chi li preferisce appena scottati, verdi e croccanti. E poi ci sono io che li amo sempre e comunque. Stracotti nella pasta, croccanti in insalata.  Probabilmente se non vi piacciono i broccoli è perchè li avete sempre mangiati con una consistenza che non vi aggrada, fate un tentativo cambiando cottura!  Una delle mie combo preferite per una cena super sana, bilanciata e facilissima è broccoli al vapore, salmone arrosto e patate dolci a fettine fatte al forno. Adoro.  

Ciotola con broccoli arrostiti ai pinoli e ciotolina con salsa caesar

Broccoli arrosto con salsa Caesar

Ingredienti

  • 1 cespo di broccoli
  • 2 o 3 cucchiai di pinoli
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • olio e senape

Per la salsa

  • 1 vasetto di yogurt intero
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 cucchiaino di senape di digione
  • 1/2 cucchiaino di aglio essiccato
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 1 cucchiaino di miele
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 3 o 4 acciughe
  • pepe nero

Istruzioni

  • Pulite i broccoli e tagliate le cime più grosse a metà
  • Cuoceteli al vapore per 5 minuti
  • Spennellatele di senape e olio, salate e disponeteli su una placca da forno
  • Cospargete di pinoli e parmigiano e infornate a 200° per circa 15 minuti
  • In un minipimer unite tutti gli ingredienti della salsa e frullate fino a ottenere una consistenza uniforme
  • Servite i broccoli arrosto insieme alla salsa Caesar

Una ricetta leggera con i broccoli: AL VAPORE CON TAMARI

Cuoceteli al vapore per 5 minuti e conditeli con tamari, olio evo e aglio essiccato

Una ricetta veloce con i broccoli: RIPASSATI CON ACCIUGHE

Cuoceteli al vapore per 5 minuti e poi ripassateli in padella con aglio, olio, tre o quattro acciughine e peperoncino a piancere

Una ricetta golosa con i broccoli: GRATINATI

Cuoceteli al vapore per 5 minuti e metteteli in una teglia da forno, cospargete con besciamella, gorgonzola o emmental, parmigiano e pan grattato e fate gratinare per 15 minuti a 200°

ALTRE IDEE con i BROCCOLI

Una delle mie ricette in assoluto preferite sul blog è questa insalata di grano saraceno con broccoli e ceci con una deliziosa ma sanissima salsa al gorgonzola. Se invece preferite un ‘idea più leggera sempre in chiave vegetariana e avete dei piselli surgelati avanzati dalla scorsa primavera, ecco una crema di broccoli e piselli al miso. 

Un’ottima idea per far mangiare i broccoli a tutti anche a chi non li ama? Farci un pesto! Come questo di Luisa di Tacchi e Pentole

Alessandra di Alternative Eating invece propone un cake di farina di farro arricchito di mandorle e broccoli, lei è la regina delle torte salate! 

 

KALE e CAVOLO NERO 

MINI premessa: il kale è il cavolo riccio nero, e NON  è la stessa cosa del cavolo nero, non confondeteli! Qui ve li segnalo insieme per via del fatto che per alcuni usi sono interscambiabili e che comunque spesso le persone li associano tra loro

Sapete quell’amica, che abbiamo tutti avuto a un certo punto della vita, che è sempre un po’ ovunque, partecipa a tutte le attività scolastiche, conosce tutti e di cui tutti parlano male, e noi sappiamo che hanno ragione a parlarne male, ma ecco a noi lei piace lo stesso perchè è divertente e ci fa ridere un sacco? Ecco per me il kale è così. Il kale è sempre un po’ bistrattato perchè qualche anno fa era praticamente ovunque nelle cucine hipster, avevano praticamente creato dei meme e delle magliette al riguardo, perchè considerato cibo miracoloso.  Ovviamente non è affatto miracoloso, e ce ne siamo accorti benissimo: i superfood non esistono, i cibi funzionali non esistono, e il kale non rende immortali. Però. Però è così fotogenico e interessante! E versateli perchè al contrario del cavolo nero può essere mangiato sia cotto sia crudo! Davvero un ingrediente super da usare in cucina, l’importante è… massaggiarlo! Sì perchè il cavolo riccio è una verdura a foglia verde particolarmente coriacea e prima di poterla consumare al meglio, è necessario romperne le fibre e per farlo il modo migliore è usare la mani per massaggiare con un condimento le nostre foglie ricce..

Piatto con insalata di kale o cavolo riccio su tagliere con limone e pistacchi in una ciotolina

Insalata di cavolo riccio allo za’atar e pistacchi

Ingredienti

  • 1 mazzo di cavolo riccio
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 1 cucchiaio di miele
  • 3 cucchiaini di za’ater
  • 1 cucchiaino di senape
  • qualche scaglia di parmigiano
  • pistacchi di bronte tritati

Istruzioni

  • Pulire il cavolo nero eliminando lo stelo centrale, poi tagliate o strappate a mano le foglie per ottenere dei pezzi piccoli
  • Unite tutti gli ingredienti del condimento tranne parmigiano e pistacchi
  • Usate il condimento per massaggiare per diversi minuti le foglie di cavolo riccio, per ammorbidirne le fibre
  • Finite l’insalata con il parmigiano e i pistacchi

Una ricetta leggera con il cavolo nero: RIBOLLITA FAST

Fate rosolare in un tegame con un po’ di grasso i soliti sedano carote cipolla, poi aggiungete verza e cavolo nero a listarelle,  coprite con del brodo portate a cottura cuocendo circa 30 minuti, poi aggiungete dei fagioli e proseguite per altri 30 minuti, frullate una parte della zuppa, unitela al resto non frullato e servite caldo 

Una ricetta veloce con con il cavolo riccio: CHIPS  (ricetta non adatta al cavolo nero) 

Pulite il cavolo riccio e massaggiatelo con un piccolo quantitativo d’olio, cospargete con sale, pepe, lievito alimentare, aglio essiccato e paprika affumicata, poi cuocete in forno a 200° per 10 minuti

Una ricetta golosa con il cavolo nero: RISOTTO CON MAIALE E CAVOLO NERO

Preparate il solito soffritto per il risotto unendo del macinato di maiale di qualità, fatevi stufare dentro del cavolo nero tagliato sottile e procedete come al solito per il risotto

ALTRE IDEE con il cavolo nero e il kale 

Cerco sempre di inserire ricette diverse dal solito ma molto facili a base di kale, ancora poco conosciuto in italia, ad esempio questa insalata autunnale con caco mela e melograno, oppure questo pesto di cavolo nero e riccio, che ha riscosso un grandissimo successo e che propongo spesso in vari abbinamenti quando ho ospiti a cena.  Se volete rimanere sui primi ma preferite un’opzione vegana, provate la mia pasta di ceci alla cipolla caramellata e cavolo riccio, non ve ne pentirete1 

La mia amica Marta di Marta’s Plants propone sempre ricette vegane sane e colorate, come questa insalata di cavolo riccio con alkenengi e ceci

Pensate che il kale sia solo una roba hipster per millennials? Il cavolo nero invece è un ingrediente molto usato nelle ricette tradizionali italiane, come in questi tortelli ripieni di cavolo nero e fonduta di Castelmagno di Daniela di Smile Beauty And More! Sulla mia personale wish list! 

 

PATATE DOLCI

Metto subito una mano avanti, sì lo so che non sono verdure o ortaggi.  Vanno consumate con la stessa frequenza e dosi delle patate normali, non lasciatevi ingannare dal dolci nel nome, non sono poi così zuccherine da dover essere escluse da una dieta sana. In realtà non sono nemmeno patate vere perchè sono non sono tuberi ma radici tuberizzata, ma diciamocelo, per il consumatore medio si tratta di nozionismo. Il motivo per cui sono in questa guida è che l’intento della guida è aiutare in un consumo più stagionale di frutta e verdura, e viviamo in un mondo in cui si possono mangiare ciliegie a Natale e castagne a ferragosto volendo, ma le patate dolci sono pressochè impossibili da reperire al di fuori dei mesi di ottobre e novembre. Quindi insomma, meglio approfittarne! Ne esistono in realtà di svariati tipi, le più comuni sono quelle arancioni – anche chiamate patate americane, fibrose, dalla polpa arancione quasi fosforescente e poco compatta una volta cotta –  e quelle bianche – italiane dalla buccia bianco sporco e dalla polpa bianca che si scurisce in cottura, molto compatta e quasi “castagnosa” al sapore. Le mie preferite sono queste ultime, ma sogno ancora la possibilità di provare le ube, le patate dolci viola giapponesi! 

Teglia di patate dolci a fettine con gremolade di erbe aromatiche e salsa alla tahine

Patate dolci arrostite con gramolare e tahina

Ingredienti

  • 2 patate dolci bianche
  • 2 patate dolci arancioni
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino chipotle
  • 1 cucchiaio di sumac
  • sale pepe, olio evo

Per la gremolade:

  • prezzemolo abbondante
  • basilico abbondante
  • 2 o 3 spicchi aglio
  • 2 cucchiai olio evo
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • le feste di un limone non trattato

Per servire:

  • tahina la versione piuttosto liquida non quella densa

Istruzioni

  • Tagliate le patate a fettine sottili, spennellate di olio e poi conditele con le spezie
  • Disponetele su un unico strato su una teglia ricoperta di carta da forno e infornate a 200° per circa 20 minuti o finché non siano ben colorite in superficie
  • In un mixer unite tutti gli ingredienti della gramolade e frullate, aiutandovi con un po’ d’acqua fredda fino ad ad avere un composto simile al pesto
  • Condite le patate sfornate con la tremolate e un filo di tahina

Una ricetta leggera con le patate dolci: AL CARTOCCIO

Cuocetele al cartoccio avvolte dall’alluminio in forno o nella brace del camino per almeno 60 minuti, apritele e conditele come preferite 

Una ricetta veloce con le patate dolci: CHIPS AL FORNO

Tagliate le patate dolci a fettine sottili con una mandolina conditele con paprika affumicata, sale, pepe e olio evo e fatele cuocere in forno a 200° finchè non diventano croccanti 

Una ricetta golosa con le patate dolci: AL GRATIN

Tagliate le patate dolci sottili con una mandolina, preparate la vostra solita besciamella, aggiungete dl gruviera e tuffatevi le patate a fettine già salate, disponetele sovrapposte in file ordinate in una teglia, aggiungete un’altra spolverata di grana o gruviera e pane grattuggiato, qualche noce di burro e infornate a 220° finchè non risulti croccante 

ALTRE IDEE con la PATATA DOLCE 

Un uso alternativo delle patate dolci? Perchè non farci dei… brownies? Anzi brownies bicolori! Senza glutine e senza latticini. Solo con le patate dolci bianche, non provate questa ricetta con quelle arancioni: non funziona. Se invece vi sentite più salutisti provate questi veggie burger di patata dolce con quinoa tricolore e fave! 

Perchè non provate le patate dolci in… insalata?  Roberta di Healthy Little Cravings vi propone questa insalata di spinaci, patate dolci e pecan

Se invece volete qualcosa di più confortevole e consolatorio provate l’autunno nel piatto con queste patate americane ripiene di Francesca di The Blue Bird Kitchen 

CAROTE

Le carote penso siano una di quelle verdure che più o meno tutti mangiano ogni tanto: sono molto comuni, si possono preparare sia crude sia cotte, sono facili da pulire, insomma sono una verdura democratica. E in effetti anche io quando proprio sono alle strette e non mi viene in mente nessun ortaggio da abbinare a quello che sto preparando per pranzo, ricado nel confortevole pensiero che basta pelare un paio di carote e sbocconcellarle prima del pasto, e la dose di fibra e vitamine quotidiane è assicurata con massima resa minima spesa.  Se le carote classiche vi annoiano (annoiano anche me!) provate a cercare dal vostro fruttivendolo quelle colorate, sono varietà “antiche” e non hanno di fatto nessuna differenza rispetto a quelle normali, ma io sono una grande fan  delle verdure di colori strani, perchè sono convinta che anche solo cambiando l’aspetto di una pietanza si cambia l’approccio che abbiamo nel mangiarla, perchè si mangia anche con gli occhi. E poi tutti i medici lo dicono: per assumere tutte le vitamine che ci servono dobbiamo mangiare… multicolor! 

Carote glassate colorate su un piatto con nocciole

Carote glassate al miso e mirin

Ingredienti

  • o 5 carote colorate
  • 2 cucchiai  olio evo
  • c. pieno miso di riso
  • 1 c acidulato umeboshi o aceto di mele
  • 1 c. sciroppo acero
  • 1 c. mirin
  • 1 c.  tamari
  • 1/2 cucchiaino aglio secco
  • 1/2 cucchiaino sriracha
  • sale e pepe
  • Per decorare:
  • 2 cucchiai di nocciole tostate
  • Le foglie di carote o finocchietto
  • Semi di sesamo

Istruzioni

  • Unite tutti gli ingredienti della glassatura
  • Tagliate le carote a rondelle di circa mezzo cm di spessore e disponetele su una placca ricoperta da carta da forno, in modo che siano su un unico strato
  • Con un pennello spennellate con la glassata le carote, poi giratele e spennellatele anche dall’altra parte
  • Fate cuocere a 180° per circa 20 minuti, poi alzate a 200° per qualche minuto per caramellizzare l’esterno delle carote
  • Servite spolverato di finocchietto, nocciole e semi di sesamo

Una ricetta leggera con le carote: IN INSALATA

Con un pelapatate ricavate dei nastri dalle carote, condite con olio, miele, aceto o limone, sale e menta sminuzzata 

Una ricetta veloce con le carote: IN PADELLA AL CUMINO

Saltate in una padella con un po’ d’olio, cumino e prezzemolo o coriandolo  le carote a rondelle, sfumate con un po’ di brodo e cuocete finchè non siano tenere ma ancora croccanti 

Una ricetta golosa con le carote: PASTA AL FORNO ALLE CAROTE

Per convincere i vostri bambini a mangiare carote se sono riluttanti preparate una besciamella come siete soliti fare, poi incorporatevi  della purea di carote, unite la pasta già cotta e un formaggio a scelta e fate gratinare al forno

ALTRE IDEE con le CAROTE

Se amate il porridge e per caso trovate le carote viola, non lasciatevi sfuggire il mio porridge di carote viola e mirtilli! Sempre a tema colorato, sul blog trovate anche un’insalata di lenticchie nere e  di tuberi colorati con carote, barbabietole, zucca patate viola e tanto altro

Se volete una ricetta diversa dal solito per una vellutata di carote, con latte di cocco, arancia e peperoncino, Rossella di Vaniglia, Storie di Cucina ha pensato a voi.

Sempre parlando di ricette diverse dal solito, se avete lo spiralizzatore e lo lasciate a prendere polvere in dispensa, la braverrima Barbara di Pane e Burro vi propone un’insalata di carote alla marocchina

SPINACI

Gli spinaci non sono sulla mia lista di verdure preferite. In parte perchè li trovo noiosissimi – e infatti ho faticato un po’ per trovare ricette interessanti con gli spinaci! – in parte perchè spesso mi creano problemi di digestione e assorbimento (a ognuno il suo! tra mille mila intolleranti veri o presunti tali al glutine, io sono intollerante agli spinaci!). Poi diciamocelo, pulire gli spinaci in foglia è una di quelle cose che scomoda i santi in paradiso.  Ammetto che se li compro li compro quasi sempre già lavati, perchè amici la vita è troppo breve per lavare gli spinaci dalla terra. Sono invece una grande appassionata di spinacino, che infatti è il protagonista della ricetta sotto, ossia gli spinaci novelli, venduti solitamente come insalata, perfetti da mangiare anche crudi! 

Ciotola con curry di spinaci e ceci accompagnato da pezzi di naan

Curry veloce di spinaci e ceci

Ingredienti

  • ½ cipolla dorata
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 1 cucchiaino di curry affumicato
  • 1 cucchiaino di curry di madras
  • ½ cucchiaino di cumino
  • ½ cucchiaino di paprika affumicata
  • un peperoncino fresco
  • 1 scatola di ceci scolati
  • 150 gr di yogurt intero
  • 100 gr di spinaci freschi

Istruzioni

  • Scaldate in un wok o tegame l’olio di cocco con le spezie e la cipolla tritata, quando la cipolla si ammorbidisce e diventa dorata aggiungete i ceci e fate saltare per qualche minuto
  • Aggiungete un po’ di brodo per portare a cottura, regolate di sale
  • Aggiungete gli spinaci e coprite con un coperchio per un minuto
  • Mescolate e aggiungete lo yogurt, fate insaporire e spegnete
  • Servite il curry di spinaci e ceci con pane naan, coriandolo o prezzemolo tritati e se volete una fetta di lime

Una ricetta leggera con gli spinaci: IN INSALATA

Unite degli spinacini novelli a una mela fuji a fettine, aggiungete delle mandorle a lamelle e condite con una vinaigrette alla senape

Una ricetta veloce con gli spinaci: PESTO

Prendete 200 gr spinacini e metteteli nel bicchiere di un mixer a immersione, aggiungete sale e pepe, olio, pinoli e una bella manciata di pecorino, frullate fino a ottenere una crema uniforme. Usate il pesto di spinaci per condire una pasta!

Una ricetta golosa con gli spinaci: CON CREAM CHEESE

Scaldate in padella un paio di fiocchi di burro, unitevi degli spinaci bolliti, saltateli qualche istante, salate e pepate, aggiungete un pizzico di noce moscata e poi aggiungete tre cucchiaiate di cream cheese e mezzo bicchiere di latte, mescolate bene e lasciate mantecare per un paio di minuti e servite caldo

ALTRE IDEE con gli SPINACI:

Una delle mie ricette di cui vado più fiera è il mio green smoothie, a base di spinacini novelli, una di quelle ricette sanissime ma che sono molto molto più buone di quanto possano sembrare! Per qualcosa di diverso dal solito invece provate i miei waffle di patate e spinaci, sono perfetti per un brunch!

Riccardo e Stefano di Gnambox ci propongono una versione alternativa della shakshuka, a base appunto di spinaci al posto del pomodoro, da provare!

Gaia di The Green Pantry invece vi spiega come fare le piadine colorate, con gli spinaci nell’impasto, perfette per far mangiare le verdure ai vostri bimbi. 

CAVOLO CAPPUCCIO VIOLA

Per ultimo ma non ultimo, il cavolo viola, che forse non è la verdura più conosciuta dei mesi autunnali, ma che volevo assolutamente inserire perchè per me è stata una scoperta relativamente recente. Ho sempre pensato infatti che il cavolo viola fosse amarissimo, probabilmente perchè lo associavo al radicchio, una di quelle verdure che avrò comprato due volte in vita mia, e sono sicura che una di quelle due volte il piatto preparato è finito nella spazzatura (continuo a riprovarci con il radicchio, un po’ come per le barbabietole, ma non conquista mai!). Il cavolo cappuccio invece l’ho scoperto  per caso, quando una ragazza che mi segue (ciao Alessia ciao) mi disse anni fa che non era amaro per niente. Da allora una volta a settimana compare sui nostri menù.  Rispetto al cugino bianco / verde, ossia il cavolo cappuccio normale, questo è più coriaceo, quindi non sempre piace crudo in insalata, sempre meglio condirlo bene in questo caso. Quello che ha di interessante è – ovviamente – il colore! Ricordatevi però che questo bellissimo colore è il risultato del suo contenuto di antiocianine e flavonoidi, il che significa che se lo cuocerete o lo lavorerete con altri ingredienti, può cambiare colore e virare al rosso o al blu a seconda del pH degli altri ingredienti con cui entra in contatto.

cavolo viola stufato con carote, anacardi e spezie in un pentolino di acciaio su sfondo scuro

Cavolo viola stufato con sumac e tamari

Ingredienti

  • 1/2 cavolo cappuccio viola
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 3 scalogni
  • 1 cucchiaio di sumac
  • 1 cucchiaino di semi di melograno essiccati facoltativo
  • 1/2 cucchiaino di cumino
  • 1/2 cucchiaino di curry affumicato
  • 2 carote tagliate a striscione sottili
  • 50 ml di tamari o salsa di soia shoyu
  • 20 gr di anacardi tostati tritati grossolanamente
  • coriandolo o prezzemolo freschi

Istruzioni

  • Tagliate il cavolo viola a listarelle sottili
  • Tritate gli scalogna e metteteli in un work o un tegame ampio insieme a tutte le spezie
  • Aggiungete l’olio e mezzo bicchiere d’acqua, fate scaldare a fuoco vivace finché l’acqua non evapori e lo scalogna non inizi a rosolare
  • A questo punto aggiungete il cavolo viola e fatelo saltare e insaporire
  • Aggiungete qualche mestolo d’acqua e fate cuocere per circa 20 minuti aggiungendo acqua o brodo man mano che si asciuga
  • Lasciate che evapori tutta l’acqua poi aggiungete le carote e sfumate con il tamari
  • Lasciate evaporare il liquido poi servite cosparso di anacardi e coriandolo

Una ricetta leggera con il  cavolo viola: VELLUTATA

Fate stufare il cavolo viola a pezzetti e qualche cipollotto in un tegame con un filo d’olio, coprite con il brodo, portate a cottura, regolate di sale e frullate con un minipimer

Una ricetta veloce con il cavolo viola: COLESLAW

Create una salsa con yougrt intero, aceto di mele, olio, senape, aneto e sale  e conditeci  il cavolo viola tagliato sottile unito a fettine di mela verde.

Una ricetta golosa con il cavolo viola: CON SALSICCIA DI POLLO

Fate saltare in una padella un paio di luganega di pollo taglieti a tocchetti, aggiungete il cavolo viola a striscioline con un paio di cucchiai d’olio, fate insaporire, sfumate con della birra e portate a cottura aggiungendo qualche mestolo di brodo alla volta

ALTRE IDEE con il CAVOLO VIOLA

Il cavolo viola con il suo sapore leggero e poco invadente si presta bene a diventare… un frullato! Ecco il mio frullato viola di frutta e verdura, una bomba di vitamine!  Oppure potreste usarlo come base sott’aceto per una bella bowl di sushi, anzi una poke bowl di  salmone in salsa ponzu!

Quando si cerca una ricetta facile e di sicuro effetto Sonia Peronaci è sempre la prima scelta! Ecco un cavolo rosso all’aceto balsamico e finocchietto

Cosa potrebbe esserci più autunnale di una vellutata? Una vellutata di cavolo viola con funghi e crostini! Questa di Dafne di L’angolo di Dafne con gusto mi ispira un sacco! 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

 

Iscriviti al canale Telegram

e seguimi su Instagram!