ISCRIVITI E SEGUIMI!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario decide di cambiare carriera e dedicarsi completamente alla cucina e alla fotografia di food, tramite il suo blog Mangio Quindi Sono, aperto nel 2014. Ora vive nella campagna mantovana con suo marito, adora collezionare props e stilare liste di cose da fare.Nella sua dispensa non mancano mai miso tahine e avocadoQui trovate ricette salutari, consigli e trucchi per mangiare sano con piatti bilanciati ma deliziosi e che appaghino anche la vista. Mangiare sano non è mai stato così bello, e la vita è troppo corta per mangiare cibo brutto. Mangio quindi Sono vuole essere un luogo inclusivo quindi trovate ricette onnivore così come vegan, gluten free così come dairy free. Ma niente detox e nessun dogma assoluto.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Zuppa di miso vegana con noodles

Siamo onesti, questa ricetta non è una vera e propria ricetta nuova. In realtà è soltanto la versione semplificata (e vegana) di quella che sul blog è la mia ricetta preferita di sempre, quella che ho rifatto più volte, quella di cui vado più fiera, quella che ovviamente nessuno va mai a leggere, sto parlando del mio ramen con tanto di barbatrucco per semplificare la vita. Quando parlo alla gente di quella ricetta o quando qualcuno mi scrive al riguardo, pensano tutti sia difficile, lunga con troppi ingredienti. E a me viene un po’ da ridere. Sì perchè il ramen, il ramen vero che potete sorbire con tanto di versi rumorosi di risucchio in un localino con 5 posti a sedere in una stradina sperduta di Tokyo, è ben lontano da essere un piatto facile, semplice e veloce: i noodle sono sempre fatti in casa, solitamente a mano, e ne esistono moltissimi tipi diversi (con farina di grano, con farina di grano saraceno, spessi, sottili, con uovo, senza…), la carne è fatta spesso arrostire dolcemente per ore, e ovviamente poi c’è il brodo, Sì perchè il brodo è ciò che rende unico il ramen, è l’essenza stessa del piatto, e sappiate che se siete nel suddetto localino con 5 posti a sedere, probabilmente la vecchina che vi sta servendo il ramen ha imparato la ricetta del  suo brodo (rigorosamente segreta) da sua mamma e lei da sua nonna,  e che quel brodo è stato fatto cuocere amorevolmente magari anche per più di 24 ore! 

Vi sembra un piatto facile e veloce? No ovviamente no. E’ un piatto che richiede pazienza, passione, attenzione. Com tutte le cose migliori, aggiungo io. E io con la mia ricetta non ho nessuna intenzione di paragonare il mio ramen a quello della vecchina giapponese, nemmeno per l’anticamera del cervello. Il mio infatti è appunto una versione per occidentali, per tutti i giorni, insomma una versione per chi ha voglia di ramen ma non ha così tanto tempo per prepararselo. E se il trucco per il brodo denso e ricco è l’uso del banale latte di soia (un’idea geniale non mia) il trucco per rendere tutto a prova di cena infrasettimanale è quel preparato per il condimento, che potete fare in grandi quantità e poi tenere da parte. E il giovedì sera vi fate il ramen in mezzora. 

Zuppa di miso vegana con tofu verdure e noodle

Però capisco che per molti sia comunque  troppo. Non accetto che diciate che è la ricetta è difficile (suvvia, si tratta di frullare gli ingredienti e cuocerli!) ma ammetto che è complessa perché ricca di ingredienti difficili da reperire.  Ecco perché ho pensato a questa versione semplificata, una zuppa di miso densa e ricca, ma comunque veloce da preparare, vegana e con dei noodle ad arricchirla. 

Ho tolto alcuni ingredienti dal brodo della ricetta del ramen col trucco,  come gli shitake, che non ritengo completamente fondamentali, rimangono invece tahine, miso, zenzero, alga e peperoncino, perchè sono ciò che rende il brodo saporito e unico, non potete ometterli! Se volete la mia opinione onestissima, la ricetta del ramen in versione zuppa di miso vegana non è paragonabile a quella comprendente la carne, mi spiace amici vegani, ma nel brodo di carne c’è un elemento fondamentale di cui il brodo vegetale è privo: il collagene. Il collagene è una proteina che svolge funzione strutturale negli animali, nel nostro corpo ve ne sono diversi tipi, ad esempio, e sono tutti fondamentali per la salute e anzi la sopravvivenza umana.  Ultimamente va molto di moda l’assunzione di integratori a base di collagene per bocca, sotto forma di integratori in polvere io sono molto dubbiosa riguardo la loro utilità, ma penso sia sempre  un’ottima idea un brodo a base di collagene. E il motivo è semplice: adoro il sapore. E’ ciò che da il gusto tipico della carne, c’è nello spezzatino, c’è nelle costine di maiale cotte a bassa temperatura, c’è nel brodo di manzo del ramen, ma non c’è in questa zuppa di miso vegana. Sorry. 

Zuppa di miso con tofu verdure, noodle e uovo marinato

Quindi ricapitolando, se volete una versione veloce ma comunque elaborata, andate a vedervi il mio ramen classico col trucco, se volete una versione semplificata ma sempre con il gustoso collagene seguite la  ricetta  qui sotto per il condimento, ma usate carne rosolata al posto del tofu e brodo di carne al posto di quello di verdura (verrà comunque delizioso!), se volete una versione easy e veg questa è perfetta! Noi siccome siamo golosoni abbiamo aggiunto un ovetto marinato a questa zuppa di miso vegana con noodle (l’ovetto per me è la parte più buona del ramen! Non riesco a rinunciarci, la ricetta la trovate sempre nel link del ramen classico!) 

Questa zuppa di miso densa e vegana con noodles è dedicata a:

  • chi voleva fare la ricetta del mio ramen ma era impaurito dalla preparazione del condimento 
  • a chi sente che gli sta venendo un’influenza o un gran raffreddore e ha bisogno di un cibo nutriente, che faccia bene e che scaldi
  • a chi adora la zuppa di miso classica del giapponese e adora il ramen, quindi cosa c’è di meglio della fusione tra le due? 
Zuppa di miso vegana con noodle
Serves 2
Prep Time
15 min
Cook Time
30 min
Prep Time
15 min
Cook Time
30 min
Per il condimento
  1. 1 spicchio d'aglio
  2. 1 pezzetto di zenzero
  3. 1 cucchiaio d'olio evo
  4. 50 gr di pasta di miso
  5. 1 cucchiaino di peperoncino essiccato
  6. 20 gr di tahine
Per la zuppa
  1. 1 porro tagliato finemente
  2. 1 cucchiaio d'olio evo
  3. 3 pezzetti di alga kombu
  4. 750 ml di brodo vegetale
  5. 200/300 ml di latte di soia non zuccherato
Per il resto
  1. 150 gr di tofu solido tagliato a dadini
  2. 100 gr di noodle
  3. 4 o 5 funghi portobello
  4. 2 o 3 bok choy preferibilmente baby
  5. qualche filo di carota e qualche germoglio di soia
  6. 2 cucchiai di tamari
  7. 1 cucchiaio di sciroppo d'acero (o miele se non vegani)
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Preparate il condimento
  1. Unite l’aglio tritato, lo zenzero grattugiato, il miso, il peperoncino, la tahine e l'olio in un composto omogeneo e allungatelo con un paio di cucchiai d’acqua.
Preparate il tofu
  1. Preriscaldate il forno a 180°
  2. Prelevate due cucchiai del condimento appena preparatoo e unitevi il tamari e lo sciroppo d’acero
  3. Conditevi il tofu e tenetelo da parte a marinare
Preparate il brodo
  1. Nel frattempo scaldate in un wok l’olio con il porro e il condimento a base di miso rimasto
  2. Fate rosolare qualche minuto poi aggiungete il brodo vegetale e fate sobbollire per circa 20 minuti.
  3. Trascorsi i 20 minuti aggiungete il latte di soia al brodo e fate cuocere nuovamente per altri 10 minuti sempre a fuoco medio
Preparate i topping
  1. Tagliate i funghi a listarelle e disponeteli su una placca ricoperta di carta da forno, aggiungete il tofu marinato tenendolo separato dai funghi e infornate per circa 20/25 min controllando che i funghi siano cotti e il tofu non si bruci.
  2. Nel frattempo in un tegame di acqua in ebollizione fate appassire per circa 30 secondi il bok choy tagliato a quarti e successivamente cuocetevi i noodle seguendo le modalità di cottura sulla confezione (di solito richiedono una cottura molto veloce)
Completate
  1. Servite in ciotole profonde mettendo una mestolata di brodo, una porzione di pasta, altro brodo e completando con i funghi, il bok choy, il tofu e altri eventuali topini.
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

Print Friendly, PDF & Email