ISCRIVITI E SEGUIMI!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario decide di cambiare carriera e dedicarsi completamente alla cucina e alla fotografia di food, tramite il suo blog Mangio Quindi Sono, aperto nel 2014. Ora vive nella campagna mantovana con suo marito, adora collezionare props e stilare liste di cose da fare.Nella sua dispensa non mancano mai miso tahine e avocadoQui trovate ricette salutari, consigli e trucchi per mangiare sano con piatti bilanciati ma deliziosi e che appaghino anche la vista. Mangiare sano non è mai stato così bello, e la vita è troppo corta per mangiare cibo brutto. Mangio quindi Sono vuole essere un luogo inclusivo quindi trovate ricette onnivore così come vegan, gluten free così come dairy free. Ma niente detox e nessun dogma assoluto.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Summer pizza con acciughe, pesto di pomodorini e burrata

 

Una pizza con le acciughe per dare l’arrivederci all’estate 

Perchè questa pizza con acciughe è perfetta per essere pubblicata il primo settembre.

Il mondo si divide in due categorie di persone: chi quest’estate ha continuato a usare il forno (#fornicoraggiosi sempre e comunque) e chi invece l’ha messo in vacanza il primo luglio o anche prima.  

Potrei elencarvi i motivi per cui cuocere al forno anche d’estate è una manna dal cielo (1. sporcate meno i fornelli e il piano cottura, 2. tanto dovete comunque accendere i fornelli e scaldano pure quelli, 3. in forno mettete le cose e poi vi mettete sul divano a leggere, mica dovete stare li davanti a controllare prendendovi tutto il caldo come con i fornelli) ma invece vi dico che oggi è il primo settembre. E le temperature sono decisamente più frizzanti da queste parti.  Quindi il giorno perfetto per rimettere in funzione il vostro amato forno.

Ora, io lo so che sulle riviste e su instagram spopolano zucche, verdure cotte, fichi e altre amenità autunnali, ma in realtà è ancora estate per la natura, e queste sono gli ultimi giorni quindi per godere delle verdure estive che tanto vi piacciono, quindi tagliate quei pomodorini e via, pizza alle acciughe!

L’impasto è una rivisitazione della mia pizza primavera, in cui ho usato l’acqua di governo della mozzarella per dare morbidezza e sofficità, ma c’è anche un altro ingrediente segreto che ho aggiunto alle farine (tipo 0, tipo 1, farro e semola rimacinata), un’idea che mi era venuta per un altro tipo di impasto ma dolce – che vedrete presto – e che aveva dato risultati incredibilmente promettenti tanto da spingermi a sperimentare anche qui, e ragazzi che texture! 

pizza con acciughe pesto di pomodorini rucola e burrata

Qual è l’ingrediente segreto dell’impasto di questa pizza alle acciughe e pesto di pomodori?

La farina di soia. Lo dico così senza troppi preamboli, consapevole che qualcuno mi manderà un sicario, anzi vorrà occuparsi di me con le sue mani, di fronte a tale affronto. Ma insomma amici era un esperimento (riuscito benissimo!) chissà che in futuro in caso di necessità – diete molto proteiche per brevi periodi – non abbia bisogno di provare a fare degli impasti più proteici.  

Vi sentite insultati? Non avete la farina di soia? Siete allergici alla soia? Omettete e sostituite con altrettanta farina di farro o di semola (potreste sentire la necessità di regolare la quantità dei liquidi). Amici come prima.

pizza con acciughe pesto di pomodorini e olive

Come preparare l’impasto della pizza alle acciughe e come cuocerla.

Per tutti i dubbi rimando direttamente qui, perchè il procedimento è esattamente lo stesso (va fatta però una piega in più prima di stendere in teglia, quindi leggete bene la ricetta qui sottto)  Idem per la cottura, che richiede le teglie di ferro blu (vi ho messo il link d’acquisto affiliato nelle note, per la spiegazione vi rimando sempre al link sopra)

pizza con acciughe pesto di pomodorini rucola e burrata

Con cosa condire la pizza per celebrare la fine dell’estate?

Io ho voluto osare con sapori intensi e forti come piacciono a me:

  • pesto di pomodori secchi sott’olio, fatto in cinque minuti 
  • acciughe belle cicce ( io ho un feticcio per le acciughe le mangerei anche da sole!)
  • olive nere denocciolate
  • rucola per dare un tocco di freschezza e colore 
  • burrata, perchè in tutte le mie pizze c’è la burrata (vedi sotto!)
  • gli ultimi pomodorini datterino della stagione!

pizza alta con acciughe pesto di pomodorini rucola e burrata

A chi è dedicata questa pizza con acciughe e pesto di pomodorini in versione estiva?

  • a chi ha messo in vacanza il forno e lo rispolvera ora con le temperature più fresche
  • a chi ama le pizze aaaaaaltissssime e soffici, panose
  • a chi come me adora le acciughe

Siete in mood per una serata pizza party? Ecco altre tre versioni che trovate qui sul blog: primaverile con asparagi, speck e crema di pisellinatalizia al nero di seppia con gamberi crudi, burrata e basilico fritto; autunnale con cime di rapa e funghi. Sì in tutte le mie pizze c’è la burrata, problemi?

pizza bianca in teglia con burrata, asparagi, speck e crema di piselli

Pizza semi integrale senza impasto a lunga lievitazione ricetta facilissimaPiatto di ardesia con spicchi di focaccia al nero di seppia con gamberi rossi crudi e burrata, due mani che prendono due fette

SUMMER PIZZA CON ACCIUGHE, PESTO DI POMODORINI E BURRATA

Portata Main Course, pizza
Cucina Italian
Keyword acciughe, estate, farina di soia, pasta al pomodoro, pizza, rucola
Preparazione 40 minuti
Cottura 20 minuti
Lievitazione 1 day
Porzioni 2 persone affamate

Ingredienti

Per l’impasto

  • 150 gr di farina tipo 0
  • 80 gr farina di tipo 1
  • 50 gr farina di farro
  • 50 gr farina di semola rimacinata di grano duro
  • 25 gr farina di soia
  • 180 ml di acqua
  • 90 ml di acqua di governo di mozzarella
  • 5 gr di malto d’orzo
  • 1 gr di lievito di birra secco o 3 gr di fresco
  • 12 gr di olio
  • 10 gr di sale

Per il condimento

  • Una manciata di rucola
  • 100 gr di mozzarella fiordilatte strappata con le mani e ben sgocciolata
  • 100 gr burrata fresca
  • Una decina di acciughe
  • Una decina di olive nere denocciolate
  • Una manciata di pomodorini dattetrino gialli e rossi

Per il pesto

  • 100 gr di pomodorini secchi sott’olio ben sgocciolati
  • 1 cucchiaio di olio di conserva dei pomodorini
  • 10 gr di parmigiano
  • 20 gr di mandorle

Istruzioni

Preparate l'impasto (circa 24 h prima)

  • Versate tutte le farine nella ciotola della planetaria con il gancio a foglia inserito
  • Azionate qualche secondo a bassa velocità per mescolarle
  • Aggiungete poi tutto in un colpo i 180 ml d’acqua, lasciate andare solo 4 o 5 giri giusto per amalgamare e spegnete
  • Lasciate la farina a idratarsi per circa 30 min
  • Trascorso questo tempo sciogliete il lievito e il malto nei 90 ml d’acqua di governo
  • Azionate nuovamente la planetaria a velocità sostenuta e aggiungete goccia a goccia l’acqua con il lievito
  • Lasciate andare ad alta velocità per diversi minuti, con pazienza, finché l’impasto non si aggrappa bene al gancio
  • A questo punto rovesciate l’impasto un paio di volte sul piano di lavoro e rimettetelo nella planetaria
  • Sempre con la planetaria in azione aggiungete il sale un pizzico alla volta
  • Poi aggiungete l’olio a filo
  • L’impasto tenderà a disgregarsi ma voi insistete
  • Quando l’impasto è ben elastico e ben incordato spegnete la planetaria e prendendo dei lembi di impasto tirategli verso l’alto e ripiegateli sull’impasto stesso a mo di pieghe, andate avanti finché non avrete ripiegato tutto l’impasto su sé stesso
  • Mettete la ciotola coperta da pellicola direttamente in frigo per 20 h

Il giorno stesso

  • Trascorse le 20 h tirate fuori l’impasto e lasciatelo circa 2 ore e mezza a temperatura ambiente
  • Fate le pieghe di sovrapposizione a libro (vedi note)
  • Arrotondate e coprite con una ciotola a campana
  • Fate lievitare ulteriormente per 30 min
  • Date un giro d’olio alla teglia da forno di ferro blu
  • Riprendete l’impasto e stendetelo utilizzando i polpastrelli e con delicatezza
  • Lasciate nuovamente riposare circa 20 min
  • Accendete il forno ventilato alla temperatura massima del vostro forno (per me 250°)

Preparate il condimento:

  • Preparate il pesto di pomodori secchi frullando tutti gli ingredienti
  • Allungate con un paio di cucchiai d’acqua il pesto ottenuto e spalmatelo sulla pizza con delicatezza
  • Aggiungete i pomodorini tagliati a metà

Cuocete la pizza:

  • Infornate la pizza con la teglia direttamente a contatto con il fondo del forno per 10 minuti
  • Trascorso il tempo tiratela fuori, aggiungete la mozzarella e rimettete la teglia in forno ma questa volta sul ripiano più alto e cuocete altri 8 min
  • Fate fare una passata al grill per un paio di minuti e sfornate
  • Aggiungete le olive, le acciughe, la burrata e la rucola e servite

Note

Per le pieghe di sovrapposizione a libro guardate qui 
Se il vostro forno è molto performante (al contrario del mio) potrebbe essere necessario qualche minuto in meno di cottura
Se non avete le teglie in ferro blu (consigliatemi dalla panificatrice folle!) vi perdete un sacco dalla vita ma usate una teglia pesante e carta da forno (però davvero compratele qui!) (link amazon affiliato)

Voi avete già riacceso i forni? Dai che questa pizza alle acciughe è la volta buona! 

Print Friendly, PDF & Email