ISCRIVITI E SEGUIMI!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario decide di cambiare carriera e dedicarsi completamente alla cucina e alla fotografia di food, tramite il suo blog Mangio Quindi Sono, aperto nel 2014. Ora vive nella campagna mantovana con suo marito, adora collezionare props e stilare liste di cose da fare.Nella sua dispensa non mancano mai miso tahine e avocadoQui trovate ricette salutari, consigli e trucchi per mangiare sano con piatti bilanciati ma deliziosi e che appaghino anche la vista. Mangiare sano non è mai stato così bello, e la vita è troppo corta per mangiare cibo brutto. Mangio quindi Sono vuole essere un luogo inclusivo quindi trovate ricette onnivore così come vegan, gluten free così come dairy free. Ma niente detox e nessun dogma assoluto.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Hummus di piselli & patè di pomodori secchi  [Brunch di Pasqua]

Due ricette di dip vegani, ossia cremine, da spalmare sul pane fresco: hummus di piselli (zero sprechi) e un patè di pomodori secchi

A nessun brunch o  picnic o pranzo in terrazza può mancare una portata di dip, di condimenti misti da spalmare sul pane o in cui intingere verdure crude, e spizzicare mentre si beve un cocktail, quindi io ve ne propongo addirittura due: un hummus di piselli alternativo, perchè utilizza anche il baccello e non solo il seme, e una rivisitazione di una ricetta tratta dal libro The Green Kitchen, il patè di pomodori secchi con salvia e noci. 

Pane di segale senza impasto con hummus di piselli e patè di pomodori secchi

Io adoro gli antipasti. 

Forse non l’ho mai detto qui, ma la mia portata preferita al ristorante sono gli antipasti.  Ci sono occasioni in cui volentieri ordinerei tre antipasti piuttosto che un antipasto e un primo. Non so bene perchè ma quasi sempre quando vado al ristornate la carta degli antipasti è sempre quella che mi attira di più, forse perchè sono le portate più fantasiose e quelle in cui si lascia più spazio alla creatività del cuoco. Ma io penso sia anche perchè di solito sono portate in cui il protagonista è l’ingrediente di qualità. Sapete qual è in assoluto il mio antipasto preferito? Lingotto di tonno crudo con mozzarellina di bufala, bottarga di tonno grattuggiata al momento e filo d’olio evo del Garda. Sublime. 4 ingredienti, per nulla manipolati, ma io mi sciolgo. 

A casa se organizzo cene con amici o anche solo una cenetta un po’ particolare per noi due, l’antipasto non manca mai o per lo meno qualcosa da piluccare mentre si inizia a bere un bicchiere di vino bianco. Ora che ci penso forse il motivo per cui amo tanto gli antipasti è per quella sensazione di attesa da “sabato del villaggio” dove tutto sta per iniziare. Ad ogni modo, quando gli invitati sono tanti a volte non si ha tempo o possibilità di sbizzarrirsi in tartare, carpacci o quant’altro e spesso ci si butta in cose immonde come i famigerati bastoncini arrotolati al prosciutto di pasta sfoglia (che ve la dovrebbero bruciare quello schifo di pasta sfoglia per tutte le idee terribili che popolano internet con quell’ingrediente) o altre “sfiziosità” (cito testualmente googleMa non sono veri antipasti perchè sono pesantissimi, dal sapore ricco solo perchè ricchi di grassi e sale, riempiono velocemente e non stuzzicano affatto l’appetito.  

Se però volete preparare degli antipasti per tanti amici, che siano facilissimi e velocissimi, per fare bella figura, ma che siano anche divertenti da mangiare, da condividere, e magari pure sani o comunque  non eccessivamente pesanti, la soluzione sono i dip. 

Hummus di piselli senza scarti

Io adoro i dip.

Chiamasi dip tutto quello che ha una consistenza cremosa e ci si può infilare dentro qualcosa d’altro. Il qualcosa d’altro può essere un grissino come un bastoncino di carota cruda, ma anche una chips di patata dolce. Oppure li si può spalmare sul pane o dei crostini in maniera più “italiana” diciamo. Quindi rientrano a mio parere nei dip anche rilettes, hummus, patè, mousse, e tutto ciò che viene di fatto frullato o schiacciato.  Il motivo per cui li adoro è che con un minimo davvero minimo impiego di energie (si tratta spesso di frullare tutto e allestire sul piatto di portata in maniera invitante) potete avere una serie di intingoli diversi, e usando verdure, spezie e legumi, si possono ottenere dei dip vegani da urlo che piaceranno anche ai vostri amici onnivori! 

Quindi oggi vi propongo due alternative di dip vegani:

  • Hummus di piselli “antispreco”: io solitamente non sono grande fan delle ricette antispreco, perchè dentro di me c’è un po’ l’idea che se una cosa di solito non si mangia, un motivo c’è, ma quando si tratta di certe verdure davvero mi piange il cuore buttare via due terzi di quello che compro, quindi ho utilizzato in questo caso l’intero baccello. Attenzione però, non può essere frullato cotto così com’è! Deve prima essere passato al passa verdura per togliere la parte coriacea e fibrosa e i fili (diciamo che non è proprio una ricetta a spreco zero perchè un piccolo scarto l’abbiamo, ma almeno recuperiamo parte dei baccelli!). Mi raccomando piselli freschissimi! 
  • Patè di pomodori secchi, salvia e noci: la ricetta l’ho trovata sul bellissimo libro di The Green Kitchen Stories (qui per acquistarlo) e l’ho rivisitata aggiungendo spezie, cambiando tipo di frutta secca e aggiungendo un tocco di lievito alimentare per dare un tocco parmigianoso

Come accompagnare l’hummus e il patè? Con della verdura cruda – bastoncini di carote, finocchi tagliati, ma anche foglie di indivia – o dei crostini, dei grissini o come ho fatto io, con qualche fetta di pane fatto in casa. Nel mio caso ho scelto un pane di segale senza impasto che ho preparato seguendo la ricetta della meravigliosa Alexandra di Occasionally Eggs, che potete trovare qui.  Le mie doti di panificatrice sono disastrose ma prometto di impegnarmi di più e migliorare! 

Come conservare l’hummus di piselli e il patè di pomodori? Semplicemente in frigorifero in barattoli di vetro a chiusura ermetica  – che sono anche molto carini da vedere e possono essere portati in tavola – per qualche giorno, ma tanto non durano mai di più.

Volete qualche altra idea per antipasto o dip sfizioso? Guardate qui

Patè di pomodori secchi vegano con salvia e noci e fette di pane di segale su tagliere

A chi sono dedicati questi due dip, l’hummus di piselli senza sprechi e il pat+ di pomodori secchi, salvia e noci?

  • a chi è vegano e vuole lo stesso gustarsi un panino con una salsina sana ma stuzzicante
  • a chi vuole organizzare un hummus & dip party
  • a chi è stufo di buttare metà di quello che compra quando porta a casa i baccelli di piselli freschi 

Overnight no knead rye bread with peas hummus and vegan tomatoes patè

Ed ecco le ricette: 

Hummus di piselli senza scarti

Una ricetta alternativa al classico hummus, con l'aggiunta di piselli freschi e i loro baccelli, una ricetta zero sprechi (o quasi) perfetta da spalmare sul pane fresco
Portata Appetizer
Cucina Mediterranean
Keyword ceci, hummus, piselli, primavera, vegano, zero sprechi
Cottura 15 minuti
Porzioni 1 vasetto

Ingredienti

  • 300 gr piselli freschissimi con i loro baccelli
  • 150 gr ceci già cotti
  • 2 cucchiai olio evo
  • 25 gr tahine
  • 1/2 limone
  • sale e pepe
  • 1 manciata spinacini freschi crudi
  • qualche fogliolina di menta (se piace)
  • qualche foglia di basilico

Per decorare e servire:

  • una manciatina di semi di zucca
  • tahine
  • pane fresco a fette
  • germogli freschi

Istruzioni

  • Fate cuocere i piselli interi privati del picciolo in abbondante acqua leggermente salata per circa 15 minuti dal bollore
    Scolateli e passateli al passaverdura per eliminare le parti troppo fibrose
    Frullate tutti gli ingredienti in un frullatore o mixer fino a ottenere una consistenza cremosa poi trasferite l'hummus di piselli in un contenitore ermetico di vetro e conservate in frigo
    Servite freddo con un filo di olio o tahine, germogli e semi di zucca 

Patè di pomodori secchi, salvia e noci

Una rivisitazione di una ricetta tratta da The Green Kitchen, un patè di pomodorini secchi con salvia e noci, vegano e senza glutine, perfetto da spalmare sul pane fresco! 
Portata Appetizer
Cucina Nordic
Keyword noci, patè, pomodori secchi, salvia, the green kitchen, vegano
Preparazione 10 minuti
Riposo 2 ore
Porzioni 1 vasetto

Ingredienti

  • 120 gr pomodori secchi al naturale
  • 40 gr noci pecan
  • 40 gr anacardi
  • 2 cucchiai lievito alimentare in scaglie
  • una manciata foglie di salvia fresche
  • 1 cucchiaio olio evo
  • 1 cucchiaino paprika affumicata
  • 1 cucchiaino aglio essiccato
  • sale e pepe

Per decorare e servire:

  • Pane fresco a fette
  • qualche pezzetto di noce
  • qualche fogliolina di salvia

Istruzioni

  • Mettete a bagno in acqua bollente i pomodorini e la frutta secca per un paio d'ore
    Scolateli e metteteli in un frullatore o mixer insieme agli altri ingredienti e frullate fino ad ottenere un composto uniforme, trasferite il patè di pomodorini secchi in un vasetto ermetico di vetro e conservate in frigo
    Servite freddo con un filo d'olio da spalmare su fette di pane fresco 

DISCLAIMER: in questo post sono presenti link affiliati, che mi permettono di guadagnare una piccola commissione qualora decidiate di acquistare un prodotto tramite i link segnalati, senza comportare costi supplementari per voi

Print Friendly, PDF & Email