ISCRIVITI E SEGUIMI!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario decide di cambiare carriera e dedicarsi completamente alla cucina e alla fotografia di food, tramite il suo blog Mangio Quindi Sono, aperto nel 2014. Ora vive nella campagna mantovana con suo marito, adora collezionare props e stilare liste di cose da fare.Nella sua dispensa non mancano mai miso tahine e avocadoQui trovate ricette salutari, consigli e trucchi per mangiare sano con piatti bilanciati ma deliziosi e che appaghino anche la vista. Mangiare sano non è mai stato così bello, e la vita è troppo corta per mangiare cibo brutto. Mangio quindi Sono vuole essere un luogo inclusivo quindi trovate ricette onnivore così come vegan, gluten free così come dairy free. Ma niente detox e nessun dogma assoluto.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Zuppa di funghi e fagioli borlotti | Vegana

A metà tra un minestrone di legumi, una vellutata di funghi e una zuppa di cipolle questa zuppa di funghi e fagioli borlotti decreta per me l’inizio ufficiale e definitivo dell’autunno. E’ un peccato che la fuori non siano d’accordo e si possa uscire comodamente a mezze maniche verso mezzogiorno, tant’è che a casa mia crepo di caldo lo stesso, ma oserei dire che sono dettagli, e cosa vuoi che siano questi innocui  dettagli di fronte al quadro generale, quadro generale fatto di foglie che cadono, di zucche “quelle buone” e di maglioncini avvolgenti nelle vetrine di tutti i negozi. 

 

Funghi mistiIo non ho mai avuto un gran bel rapporto con zuppe e minestroni da bambina  – se si fa eccezione la vellutata di cavolfiore con burro panna e parmigiano che faceva mia madre di tanto in tanto, ma era più colesterolo che verdura quindi non la metterei in conto – ma soprattutto le vellutate non incontravano granchè il mio interesse.  Per anni ho pensato fosse colpa della verdura, che ammettiamolo non è poi la categoria di ingredienti più attraente, figurati per un bambino, solo dopo ho capito che era la consistenza: una roba brodosa, cremosa tutta uguale, che non dovevo nemmeno masticare. Bleah. E infatti  sapete qual è il segreto per fare una vellutata meravigliosa che possa fare bella figura come entrè in una cena quasi elegante tra amici o un piatto unico coccoloso e non sciapo durante le sere invernali?  Ma ovviamente le guarnizioni! Mai presentare una vellutata triste e piatta!

Zuppa di funghi e fagioli borlotti in tazza

In effetti se andate a guardare l’ormai ben nutrita sezione zuppe del sito (qui) noterete subito le guarnizioni onnipresenti di tutte le scodelle di vellutate: dallo yogurt e la semplice macinata di pepe nero, passando per crostini e altre prelibatezze. Se volete inventare una guarnizione per una zuppa o una vellutata e non sapete bene da dove iniziare sappiate che alla base della guarnizione c’è il “contrasto” quindi ecco i miei consigli per rendere super un piatto caldo invernale a base di verdure: 

  • un elemento “freddo” per creare contrasto di temperatura: solitamente io uso lo yogurt greco, ma potrebb essere la feta, lo yogurt vegetale, ricotta o formaggio cremoso
  • uno o più elementi “crunchy” per creare contrasto di consistenza: grissini, crostini, ma anche mandorle a lamelle, nocciole tostate, o come nel caso di questa zuppa di funghi e fagioli, pezzetti di castagne
  • un elemento aromatico: quindi erba cipollina tagliuzzata, basilico, prezzemolo, timo o coriandolo freschi, ma anche una spolverata di spezie, o un pezzetto di peperoncino, purchè sia un ingrediente che avete usato nella vostra zuppa o comunque ci stia bene di sapore
  • una delle verdure della zuppa stessa cotto in maniera diversa:  una fettina di zucca arrostita con la buccia per la vellutata di zucca, o come in questo caso qualche fettina di fungo condito e passato al forno 
  • un elemento a contrasto di sapore: se la minestra è piccante aggiungete qualcosa di dolce (come i chicchi di melograno nella mia zuppa di lenticchie speziata) se invece la zuppa è dolciastra aggiungete qualcosa di sapido e saporito

Zuppa di funghi e fagioli borlotti in tazza

Quindi insomma zuppa di funghi e fagioli sia, con tante guarnizioni tali da renderla ricca e interessante! Vegana, quindi anche senza latticini, ma con un ingrediente segreto per la cremosità: la tahine! Che coi funghi, date retta a me, sta da dio. Se non l’avete potete ometterla ma verrà un po’ meno cremosa, se non siete vegani vi consiglio di aggiungere un po’ di latte. Volendo se usate pane senza glutine si può facilmente “sglutinare” come dicono gli amici celiaci! 

Zuppa di funghi e fagioli borlotti in tazza

Zuppa di funghi e fagioli borlotti
Serves 2
Prep Time
10 min
Cook Time
40 min
Prep Time
10 min
Cook Time
40 min
Ingredients
  1. 4 funghi portobello (prataioli giganti)
  2. una 10ina di funghi cremini
  3. una manciata abbondante di finferli
  4. 120 gr di fagioli borlotti freschi o congelati (non secchi)
  5. 3 o 4 scalogni
  6. 1 cucchiaio di farina o fecola di patate
  7. 1 spicchio d'aglio
  8. qualche rametto di timo
  9. un pizzico di noce moscata
  10. 20 gr di salsa tahina (facoltativa ma consigliata)
Per servire
  1. del pane integrale o artigianale raffermo
  2. qualche castagna già bollita
  3. prezzemolo fresco tritato
  4. aglio essiccato, sale e pepe
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Tagliate i funghi e tenetene qualcuno da parte per la decorazione.
  2. Tritate lo scalogno e l'aglio e il timo e metteteli in una casseruola insieme a 1 cucchiaio di olio evo e mezzo bicchiere di vino
  3. Fate scaldare fino a far evaporare il vino, abbassate la fiamma e quando lo scalogno è dorato aggiungete la farina e fate tostare bene
  4. Agggiungete poi i funghi tagliati e i fagioli
  5. Salate e pepate, aggiungete la noce moscata e lasciate cuocere fino a che i funghi non rilascino la loro acqua, mescolando di tanto in tanto
  6. Se dovesse seccarsi aggiungete qualche mestolo d'acqua e portate a cottura per circa 30/40 minuti a fuoco medio
Nel frattempo preparate la guarnizione
  1. tagliate il pane a tocchetti, sbriciolate le castagne e disponeteli su una placca da forno insieme alle fettine di funghi tenute da parte.
  2. Aggiungete l'aglio essiccato, sale e pepe e un filo d'olio
  3. Fate cuocere a 190° per circa 15 minuti o fino a doratura
Per servire
  1. Aggiungete la tahina alla zuppa di funghi e frullate fino a ottenere una consistenza liscia
  2. Servite caldo con le varie guarnizioni
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

Print Friendly, PDF & Email

 

Iscriviti al canale Telegram

e seguimi su Instagram!