Zuppa di zucca Thai Style

Zuppa di zucca Thai stye

Una zuppa di zucca (anzi vellutata) dal sapore thai: con cocco e curry! 

Un primo piatto adatto a tutti: paleo, vegan, celiaci! 


Ormai le zuppe o vellutate di zucca imperversano un po’ dapperttutto, d’altra parte è la settimana dell’anno in cui immagino i motori di ricerca registrino i record nelle ricerche correlate alla zucca! A Mangio Quindi Sono mancava ancora all’appello una zuppa di zucca, nonostante questa ricetta faccia un po’ parte della lista dei piatti che ogni tanto ripropongo in casa, quindi ho pensato fosse l’occasione appropriata per condividerla! Ricorda un po’ come concetto la zuppa di fagioli neri e patate dolci che potete trovare qui 

Ricetta uber semplice, richiede pochi ingredienti e poca attenzione nella preparazione, le dosi che ho messo sono spannometriche potete tranquillamente modificarle senza che la riuscita della ricetta ne risenta. Ci sono due ingredienti “ostici” ossia il latte di cocco e la pasta di curry, ma ormai si trovano ovunque, io li ho presi in un supermercato normalissimo nella sezione etnica, ma potete trovarli a prezzo inferiore in qualsiasi minimarket asiatico delle grandi città.

Zuppa di zucca Thai Style

Zuppa di zucca Thai Style

Intendiamoci, non ho inventato niente! Pinterest è pieno di vellutate di zucca piccantine in stile asiatico, ma ho pensato che magari qualcuno non la conoscesse ancora! E’ una ricetta perfetta per i giorni log carb high fat per chi segue una dieta ciclizzata, con l’aggiunta di una fonte proteica e un’insalata come secondo magari, ma con qualche crostino può diventare un pasto completo per chiunque!  Anche perchè è senza latticini, senza glutine e vegana quindi davvero potete servirla a qualsiasi ospite! 

Gli anacardi caramellati come topping sono veramente il tocco che fa la differenza, anche se, quando ho visto il “bacon” di mandorle di Naturalmente buono, me ne sono innamorata e la prossima volta la proverò sicuramente con quello! 

Zuppa di zucca Thai Style

Zuppa di zucca Thai Style

 

Zuppa di zucca thai style
Serves 2
Ingredients
  1. 600 gr circa di zucca ancora con la buccia
  2. 1 cipolla rossa
  3. un cucchiaio di pasta di curry giallo o rosso (regolate la dose in base al vostro gusto piccante)
  4. 2 foglie di keffir lime (omettibile)
  5. 1 lattina di latte di cocco full fat
  6. Brodo vegetale
  7. una manciata di anacardi
  8. un cucchiaio di zucchero di cocco
  9. un lime
  10. paprika affumicata
  11. sale e pepe
  12. coriandolo e peperoncino per decorare
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Pulite e lavate la buccia della zucca e tagliatela a fette grossolane togliendo i semi
  2. Disponetela su una teglia da forno e cospargetela di paprika e sale
  3. Infornatela a 180° per 40 min o finchè non risulta tenera
  4. Nel frattempo in un tegame mettete un cucchiaio bello pieno della parte solida del latte di cocco (quella che rimane nella parte superiore della lattina) il keffir lime e il curry e iniziate a scaldare
  5. Quando inizia a sciogliersi e sfrigolare aggiungete la ciupolla rossa tagliata a fettine sottilissime
  6. Fate rosolare a fuoco medio fino a portare a cottura la cipolla.
  7. Una volta cotta la zucca togliete la polpa con un cucchiaio e aggiungetela alla padella con la cipolla, fate insaporirel aggiungete due tazze di brodo vegetale e 120 ml di latte di cocco (la parte liquida) e spegnete il fuoco.
  8. Frullate il tutto fino a ottenere una crema liscia, spremetevi poi dentro mezzo lime.
  9. Scaldate un padellino antiaderente e aggiungete gli anacardi conditi con la paprika, un filo d'olio e lo zucchero di cocco
  10. Fate caramellare il tutto (ci vorranno pochi minuti) e spegnete.
  11. Impiattate la zuppa e decorate con coriandolo, peperoncino a fettine e gli anacardi caramellati, quindi servite ben caldo
Notes
  1. Ho comprato nel tempo diverse marche di latte di cocco, e ogni volta mi trovavo con consistenza diverse: in alcuni casi (come quello descritto) una volta aperta la lattina c'è una parte superiore più ricca, densa e grassa, e sotto la parte liquida, in altre occasioni invece è tutto uniformemente liquido, regolatevi voi in base a come trovate il latte di cocco, nel caso potete usare un cucchiaio di burro di cocco per soffriggere inizialmente, al posto della parte solida del latte.
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Miso Ramen col trucco!

Miso Ramen col trucco!

Miso ramen: il trucco per gustarsi il comfort food giapponese in casa propria


DISCLAIMER: Questo ramen è una ricetta LUNGA e con TANTI ingredienti. Non è difficile, anzi, il procedimento è a prova di stupido, vi servirà però tanta pazienza per trovare tutti gli ingredienti e dosarli. Ma ne varrà la pena.

Nel caso non si fosse notato, adoro la cucina orientale. Ma si era notato sicuramente visto che tra le mie ricette in versione sana o alleggerita troviamo i gyoza, i sushirrito, la poke bowl,  i soba  e addirittura il tataki di manzo! Mancava all’appello il ramen, che abbiamo assaggiato per la prima volta in un posticino minuscolo a New York City (un giorno mi sa che ne parlerò meglio qui sul blog!) e ci è subito entrato nel cuore. Ora, il ramen, al contrario della poke bowl, è una di quei piatti lunghi da preparare, complessi, ricchi di ingredienti, è un po’ come farsi i cappelletti in casa insomma, ogni famiglia ha la sua ricetta, il brodo fatto in un certo modo etc.

Quindi se vivessimo a Milano o a NYC appunto, sinceramente niente mi renderebbe più entusiasta di uscire una sera a mangiarmi una ciotola bollente e saporita di ramen sapientemente preparato da un giapponese. Ma  viviamo nella pianura padana, dove la salsa di soia è già considerata qualcosa di troppo esotico, quindi di posti che preparano il ramen non c’è manco il sentore. Quindi prepararselo a casa è l’unica opzione per poterselo godere, solo che appunto la ricetta originale è veramente complessa quindi finora non mi ero mai cimentata (cucinare e cuocere un brodo per 48 non rientra esattamente nella lista di cose che preferisco fare il venerdì sera). Poi (per caso) ho trovato questa ricetta. Rivelazione. Il trucco per fare un brodo di ramen denso e ricco SENZA metterci due giorni. Dovevo provarci!

Io ho semplificato ulteriormente la ricetta del link perchè banalmente alcuni ingredienti non sapevo nemmeno cosa fossero e come si traducessero in italiano figurati dove trovarli. Ho anche omesso la sezione dell’olio piccante perchè non volevo aggiungere olio fritto al mio pranzo, ecco tutto. NON omettete invece l’ovettino marinato che è veramente una di quelle libidini purissime che vorrete mangiare più spesso possibile! 

Sembra difficile tutto quanto ma in realtà sono solo TANTI ingredienti, vanno solo frullati e cotti, ce la potete fare! Poi la cosa geniale è che il condimento al miso,  può essere fatto in abbondanza, conservato in frigo, e poi avete fatto metà del lavoro per ottenere un ottimo ramen le successive volte, in meno di mezzora! Potrebbe essere possibile anche congelarlo ma io non ho provato, se lo fate avvisatemi! 

Miso Ramen col trucco!

Miso Ramen col trucco!

Ma quindi qual’è il trucco per il brodo del ramen? Il latte di soia. Ebbene sì. Un ingrediente insostituibile (no, non potete usare un altro latte vegetale, nè quello vaccino, se non potete berlo non potete fare questa ricetta), apparentemente insensato, ma che fa la differenza! 

L’unico problema che mi sono posta è stato il dashi. Il dashi è la base per il brodo in giappone, diciamo una sorta di brodo granulare qui da noi, o meglio il dashi è anche fatto in casa secondo metodo tradizionale giapponese (come il nostro brodo appunto) ma qui lo si trova solo in disgustose bustine liofilizzate piene di non si sa bene cosa. Io eviterei. Per ovviare al problema ho pensato di andare a capire quali fossero gli ingredienti del brodo dashi tradizionale: alga kombu, funghi shitake e katsuobushi. Ora, la kombu e gli shitake si trovano abbastanza facilmente ma il katsuo – una particolare specie di tonno di piccole dimensioni, essiccato e grattuggiato in fiocchi che prendono il nome di katsobushi – non l’ho mai visto da nessuna parte. Poi però mi è venuto in mente che anche noi italiani abbiamo una cosa piuttosto simile, sapida, marina, vagamente affumicata, grattuggiata da una parte di pesce essiccato: la bottarga! Ok, decisamente anticonvenzionale, mi rendo conto che qualche giapponese sta piangendo nel sapere che ho usato la bottarga nel ramen, ma ehi… efficace! Quindi al posto del dashi ho aggiunto bottarga, alghe e funghi! 

Io ho usato questi topping che vedete in foto e in ricetta, ma nulla vi vieta, a partire dallo stesso brodo, di cambiare topping e ingredienti!

Opzione per vegetariani: omettete la bottarga, usate brodo vegetale, sostituite il maiale con del tofu compatto sbriciolato e avrete il vostro ramen vegetariano! 

 

Condimento al miso
Serves 1
Prep Time
10 min
Cook Time
5 min
Total Time
15 min
Prep Time
10 min
Cook Time
5 min
Total Time
15 min
Ingredients
  1. 120 gr di miso di riso (o di soia) in pasta, io ne ho usato uno biologico
  2. 30 gr di salsa sriracha o 15 gr di pasta di peperoncino
  3. 2 spicchi d'aglio
  4. 20 gr di radice di zenzero fresca spellata
  5. 1/2 cipolla rossa
  6. 40 ml di mirin
  7. 20 gr di pasta di soia (o 50 ml di salsa di soia low sodium)
  8. 1 cucchiaio di olio
  9. 4 funghi shitake
  10. 1 cucchiaio di bottarga di muggine
  11. 20 gr di tahine
  12. 10/15 gr di alga wakame o kombu essiccata
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Ammollate i funghi e l'alga in acqua bollente per 5 min
  2. Unite tutti gli ingredienti in un mixer potente e frullate fino a ottenere una pasta uniforme
  3. Cuocete la pasta ottenuta per 5 min in un tegamino
  4. Lasciate raffreddare e mettete in un vasetto a chiusura ermetica
  5. Conservate in frigorifero
Notes
  1. Miso, sriracha, pasta di soia, shitake, tahine e alghe essiccate si trovano ormai facilmente nei negozi etnici ben forniti. Io in particolare ho comprato tutto al Kathay shop, tranne il miso biologico che avevo preso alla Conad.
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Uova marinate nella soia
Ingredients
  1. 4 uova codice 0 dimensione L
  2. 4 cucchiai d'acqua
  3. 1 cucchiaino di zucchero integrale
  4. 1 cucchiaio di aceto di riso
  5. 1 cucchiaio di mirin
  6. mezza tazza di salsa di soia low sodium
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Portate a bollore un tegamino pieno d'acqua sufficientemente largo
  2. Abbassate la fiamma e immergete le uova con attenzione e cautela
  3. Settate il timer su 6 minuti e 30 secondi
  4. Nel frattempo unite gli ingredienti della marinata e scaltateli leggermente per far sciogliere lo zucchero.
  5. Cotte le uova immergetele in una bacinella con acqua fredda e ghiaccio, aspettate siano sufficientemente fredde e sbucciatele dal guscio
  6. Immergetele nella marinata e lasciatele riposare per circa 4 ore girandole di tanto in tanto.
Notes
  1. Io uso un contenitore ermetico per alimenti per marinarle con facilità ma anche un recipiente diverso funziona bene
  2. Possono essere preparate in anticipo e conservate per un paio di giorni in frido, fuori dalla marinata ma in un contenitore ermetico
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Miso Ramen
Serves 2
Prep Time
10 min
Cook Time
20 min
Prep Time
10 min
Cook Time
20 min
Ingredients
  1. 200 gr di macinato magro di maiale
  2. 1 scalogno
  3. 1 cucchiaio di olio
  4. qualche fettina di zucca tagliata sottile e con ancora la buccia
  5. 2 bok choy (o coste o spinacini)
  6. 10 gr di alga wakame o kombu
  7. 2 o 3 funghi shitake
  8. 450 ml di brodo di manzo o pollo
  9. 200 ml di latte di soia non zuccherato
  10. 3 cucchiai pieni di condimento al miso
  11. 2 uova marinate nella soia
  12. 120 gr di noodle per ramen o soba
  13. un cipollotto tagliato fine
  14. mezzo peperoncino tagliato sottilissimo (facoltativo)
  15. semi di sesamo per decorare
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Accendete il forno a 200° con grill
  2. Ammollate i funghi e l'alga in acqua bollente per 5 minuti
  3. In un tegame riscaldate l'olio con lo scalogno tritato, fate poi rosolare il maiale macinato
  4. Aggiungete un cucchiaio di condimento al miso e lasciate insaporire
  5. Aggiungete il brodo, il latte di soia, i funghi e l'alga, portate a bollore e abbassate il fuoco cuocendo per altri 5 min
  6. Aggiungete il resto del condimento di miso setacciandolo in un setaccio non eccessivamente fine (gran parte della pasta rimarrà nel setaccio, insistete con una spatola e poi buttate via il residuo)
  7. Disponete le fettine di zucca su una placca foderata con carta da forno, aggiungete sale e pepe, un filo d'olio e infornate per 10 min finchè non risulta croccante, girando a metà cottura
  8. Portate a bollore un tegame d'acqua.
  9. Scottate i bok choy per 30 secondi nell'acqua bollente poi trasferiteli in una ciotola con acqua e ghiaccio per fermare la cottura.
  10. Cuocete i noodle nell'acqua bollente seguendo i tempi di cottura sulla confezione
  11. Mettete un mestolo di brodo sul fondo della ciotola, poi disponetevi sopra i noodle e il maiale prelevato dal brodo con un mestolo forato.
  12. Aggiungete un'altra mestolata abbondante di brodo
  13. Completate le uova tagliate, il cipollotto, il bok choy, la zucca e il peperoncino
  14. Cospargete di semi di sesamo e gustate bollente servendo il ramen con bacchette e cucchiaio
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

Vellutata di asparagi e porri allo zafferano

Super basic, super simple: la vellutata di asparagi e porri aromatizzata allo zafferano

Cuoci, frulli e servi, niente più! 


Vellutata di asparagi e porri allo zafferano

Vellutata di asparagi e porri allo zafferano

 

Non che abbia smesso di cucinare in questo periodo, chiaramente, nè tanto meno ho interrotto lo stile di vita sano a base di palestra e alimentazione clean e controllata, semplicemente ho cucinato ricette pluricollaudate o molto basiche, e quando capitava di provare cose un po’ più interessanti banalmente non avevo il tempo materiale per scattare delle fotografie degne di essere pubblicate!

Ora però che siamo tornati alla normalità possiamo tornare anche a fotografare, quindi ecco la prima ricetta da donna non più nubile che vi propongo! Una cosa semplicissima, banale in pratica, però cavoli è sorprendentemente deliziosa e sana: una vellutata di asparagi e porro con quel quid in più dato dallo zafferano! 

Vellutata di asparagi e porri allo zafferano

L’idea non è propriamente mia, anzi non lo è del tutto! Stavo cercando ispirazioni per i pasti della settimana su Pinterest e ho trovato queste foto  e mi sono detta: la voglio! Detto fatto! Ho solo modificato leggermente la ricetta, omettendo le patate, usando latticini (perchè il latte di cocco che avevo era purtroppo andato a male!) e cambiando metodo di cottura per “alleggerirla” di grassi.

 

Vellutata di asparagi e porri allo zafferano

Mi è capitato diverse volte che qualche lettore si spaventasse degli ingredienti strani che trovava nelle ricette e, pur desiderando provare a cimentarsi, veniva scoraggiato da sumac, vitafiber o olio di cocco, ebbene questa ricetta è per voi amici! Niente paura, niente ingredienti strani, cuoci e frulla! Enjoy

Ho deciso di cuocere al forno il porro per estrapolarne il sapore caramellizzandone leggermente gli zuccheri, attenzione però a non esagerare! Deve rimanere colorato e tenero non scuro e secco! 

Vellutata di asparagi e porri allo zafferano

Questa tra l’altro è una ricetta molto versatile perchè (oltre a essere già GF) è facilmente rendibile vegana e senza latticini! Con queste dosi ne vengono tre bei piattoni da servire come primo settimanale abbinato  a un secondo proteico, oppure quattro piatti un po’ meno pieni, ottimi come entrè in una serata nel weekend tra amici!

Vellutata di asparagi e porri allo zafferano
Serves 3
Ingredients
  1. 2 porri
  2. 1 mazzo di asparagi
  3. 100 ml di latte
  4. 1 cucchiaio di fecola di patate
  5. zafferano qb
  6. olio evo
  7. timo secco o fresco
  8. brodo vegetale
Per guarnire (facoltativo)
  1. olio evo
  2. scaglie di parmigiano
  3. yogurt bianco
  4. pesto o basilico
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Accendete il forno a 150°
  2. Pulite i porri e tagliateli a tocchetti, disponeteli su una teglia con carta da forno.
  3. Spruzzateli con olio, sale, pepe e timo e infornateli per 20/25 min o finchè non risultano teneri
  4. Pulite gli asparagi e tagliateli a pezzetti tenendo da parte due terzi delle punte.
  5. Mettete a cuocere in un tegame coperti di brodo vegetale, a fuoco medio per 15 min.
  6. Fate cuocere le punte degli asparagi spennellate di olio e condite con sale e pepe fino a che siano croccanti e dorate (circa 10 min a 180°)
  7. Fate sciogliere lo zafferano in mezzo bicchiere di acqua calda.
  8. Aggiungete i porri agli asparagi nel tegame, unite lo zafferano e il latte, aggiungendo se necessario del brodo.
  9. Setacciate un cucchiaio di fecola nel brodo e fate cuocere per 5 minuti
  10. Frullate con un frullatore a immersione o in un frullatore a vaso fino a ottenere una crema dalla consistenza vellutata
  11. Regolate la consistenza a seconda dei vostri gusti: se la volete più liquida aggiungete brodo o latte, se la volete più compatta lasciatela sul fuoco per qualche ulteriore minuto
  12. Impiattate con un filo d'olio, una cucchiaiata di yogurt, le punte di asparago arrostite e qualche scaglia di parmigiano
Notes
  1. Per renderla veg e senza latticini usate latte vegetale (meglio se di cocco) e yogurt di cocco, omettete le scaglie di parmigiano.
  2. Per renderla paleo utilizzate il suggerimento sopra e sostituite la fecola con una patata che farete cuocere insieme agli asparagi, a tocchetti.
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Zuppa di fagioli neri e patate dolci

Zuppa di fagioli neri e patate dolci

Una zuppa di fagioli neri dai sapori dell’America Centrale con l’aggiunta delle patate dolci, per scaldare le sere autunnali

Pochi ingredienti, una cottura lenta e amorevole per fare un piatto (quasi) vegano completo di ogni macronutriente


Zuppa di fagioli neri e patate dolci

Zuppa di fagioli neri e patate dolci

 E’ ufficialmente iniziata la stagione delle zuppe. Oddio, qui fa ancora calduccio per la verità e pare quasi che l’autunno stenti ad arrivare,  ma io non rinuncio al comfort food tipico delle serate invernali e ho già incominciato a scodellare zuppe e vellutate al posto delle insalate miste estive. Magari le mangiamo tiepide e non bollenti dai!

Questa è una zuppa molto presente nei foodblog americani perchè utilizza due ingredienti, i fagioli neri e le patate dolci, molto presenti sulle loro tavole, anche se io l’ho reinterpretata un po’ in chiave tex mex / caraibico per dargli una sferzata di sapore.

Dei fagioli neri avevamo già parlato qui, ma come avevo annunciato per la zuppa ci vogliono tassativamente secchi da far rinvenire e cuocere a lungo perchè una zuppa di fagioli neri e patate dolci diventa una coccola solo se preparata con lentezza e lasciata sobbollire a lungo. Se non trovate o non volete usare le patate dolci potete ometterle o usare patate normali adeguando i tempi di cottura. 

Zuppa di fagioli neri e patate dolci

Zuppa di fagioli neri e patate dolci

La base di questa deliziosa zuppa di fagioli neri è una variante di quella che a New Orleans chiamano la “The Holy Trinity”, un soffritto di cipolla, peperone verde e sedano (da me sostituito con aglio) da lasciare imbrunire mentre la cucina si riempie di odori, e che, lasciatemelo dire fa davvero la differenza! Porta un tocco di cucina Cajun, una cucina passionale e piena di sapori, sulle vostre tavole.

E’ un piatto quasi vegano nel senso che io l’ho presentato con una cucchiaiata di yogurt greco (al posto della tradizionale ma ipercalorica panna acida) ma può essere tranquillamente omesso, quello che invece non è opzionale è il lime perchè rende i sapori ben distinguibili, come distaccati l’uno dall’altro e toglie l’eccessiva corposità data da fagioli e patate.

Io ho cucinato la zuppa di fagioli neri e patate dolci come unica portata infreasettimanale perchè da sola comprende proteine, grassi e carboidrati, e non è necessario aggiungere altro per rendere completo il pasto, ma voi potete offrirla anche come primo alternativo alla pasta prima di un secondo e contorno a una cena in famiglia o con amici.


 

GALLERY

Zuppa Di Fagioli Neri E Patate Dolci
Serves 2
Ingredients
  1. 100 gr di fagioli neri secchi
  2. 300/400 gr di patate dolci americane (quelle arancioni dentro)
  3. 2 cucchiai d'olio evo
  4. mezzo peperone verde
  5. mezza cipolla bianca
  6. uno spicchio d'aglio
  7. 1 cucchiaino di cumino raso
  8. 1 cucchiaino di paprika rasa
  9. timo fresco
  10. brodo vegetale
  11. lime
  12. yogurt greco (opzionale)
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Sciacquate più volte i fagioli neri e metteteli in ammollo per 4 o 5 ore
  2. Tritate nemente cipolla, aglio e peperone verde
  3. Soffriggeteli a fuoco medio nell'olio in un tegame largo e con i bordi alti
  4. Aggiungete le spezie e lasciate tostare e imbiondire
  5. Versate poi i fagioli neri, mescolateli un po' per far loro assorbire i sapori e bagnateli con due tazze di brodo vegetale
  6. Proseguite la cottura per 20/30 minuti a fuoco medio con la pentola semicoperta e nel caso aggiungete brodo
  7. Sbucciate le patate dolci e tagliatele a tocchetti poi aggiungetele alla zuppa
  8. Aggiungete ancora una o due tazze di brodo e portate a cottura, ci vorranno circa 15 minuti o più a seconda della consistenza desiderata
  9. Aggiustate di sale e pepe
  10. Scodellate la zuppa e spruzzatevi sopra un po' di succo di lime
  11. Decorate con una cucchiaiata di yogurt greco e una fetta di lime
Notes
  1. Lo yogurt greco è opzionale, mentre il lime no perchè serve all'equilibrio dei sapori Se preferite potete provare anche la versione senza patate dolci
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIO.quindi.SONO