ISCRIVITI E SEGUIMI!

Instagram

  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ho sempre amato molto cucinare e ho sempre cucinato molto. Però a posteriori mi rendo conto che ho iniziato a imparare a cucinare davvero quando io e mio marito abbiamo iniziato a convivere. Perchè è stato allora che ho iniziato a cucinare davvero. Tutti i giorni. Tre pasti al giorno. Perché impari a fare qualcosa soltanto facendola, con costanza, tutti i giorni. Molte persone mi dicono che non sanno cucinare e che è difficile. Io rispondo sempre che cucinare non è assolutamente difficile, basta… farlo. Prendere una ricetta, seguirla,  e se non viene riprovarci.  Chi non sa cucinare è semplicemente perché non cucina abbastanza.  Ad esempio io non sapevo legare gli arrosti. Non l’avevo mai fatto. E quando ho pubblicato questa ricetta anni fa l’avevo “fatto su”. Ora invece mi sono guardata un tutorial di @soniaperonaci, l’ho seguito e questo è il risultato del primo tentativo.  Sicuramente il secondo verrà meglio, idem il terzo. Ho solo bisogno di esperienza. E ora su, tutti a legare l’arrosto stasera! 🇺🇸 I’ve always loved cooking. Some of my friends certainly remember that 2008 Thanksgiving Dinner (yes, here in Italy, I’ve always been attracted by foreign things) for 20 people, with that giant stuffed turkey. But recently I’ve realized I learned to cook properly only when me and my husband moved in together. Because I started to cook every day. Every meal. And I think cooking it’s just about that: experience. You try and if you fail you try it again.  When i posted this pork roast, a few years ago, I really had no clues how to tie a roast, this time I watched a tutorial and this is my first attempt. I’m kind happy with the result but I’m sure next time it will be better, I just need… experience. •
#mangioquindisono #foodwriting  #letscooktogether #fromscratch #imsomartha #inmykitchen #eeeeeats #shareyourtable #porkroast #cookmagazine #still_life_gallery #thekitchn #thatsdarling #aseasonalshift #plums #autumnfood #theartofslowliving #storytelling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi sul blog un nuovo post, diverso dal solito. Parliamo di sgarro. E’ sbagliato parlare di sgarro?  Mangiare una pizza è uno sgarro? E il sushi? E questo hamburger homemade? Io ho la mia opinione al riguardo è un discorso complesso e controverso, se vi interessa andate a leggere il post del link in bio. Ci trovate anche la ricetta di questo hamburger che poi è l’hamburger completamente fatto in casa migliore al mondo, provate per crederci! E se volete poi di tutto quanto possiamo discuterne qui sotto insieme. Cioè dello sgarro. O anche di quanto è buono questo hamburger!
🇺🇸 Do you cheat? Ok, let me explain, not your partner! Your diet! With diet meaning “personal rules and habits in eating” not “starvation”. Do you cheat sometimes those rules? I think it’s important to let it go, sometimes. For our sanity at least! Like with these super-delicious, 100% homemade (well 95%: bought pickles!), sumptuous hamburger: homemade semi whole wheat buns, homemade local beef patties, homemade free range eggs mayo and all my love! High quality ingredients always make high quality dishes! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #eatclean #intuitiveeating #nonmangiostranomanosano #IIFYM #cheating #teamsgarro #hamburger #homemadewithlove #fromscratch #eatrealfood #flexiblediet #dietaflessibile #macrotracking #girlswholift #powerlifting #thenewhealthy #letsbake #beef #fattoincasa #cookmagazine #thehubfood #IFPgallery #foodfluffer #munchiesitalia #foodtographyschool #makeitdelicious #infoodwetrust #foodstyling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi, nel programmare la settimana, ho deciso di impegnarmi e postare di più qui su instagram Un tempo non sarei mai riuscita a postare 3, 4 addirittura 5 volte a settimana. Ora invece sono diventata super brava a ottimizzare il tempo e organizzare gli shooting e le 3,4 addirittura 5 foto a settimana sono decisamente fattibili. Solo che manca spesso il tempo per scrivere le ricette! Vorrei giornate di 48 ore: 12 per dormire (ovviamente) 12 per lavorare alle foto, 12 per lavorare al macbook o su lightroom e le rimanenti 12 per… vivere. A tal proposito: io scatto sempre più di una foto della stessa ricetta perché mi piace dare punti di vista diversi, ma finora qui su ig ne ho sempre postata una sola, a voi piacerebbe vedere più foto della stessa ricetta? O lo trovate noioso? Datemi un feedback! Ad esempio oggi vi faccio vedere le carote crude, prossima volta la versione arrostita alla mediorientale! 🇺🇸 I need 48 hours days: 12 hours for sleeping (obv: priority!), 12 hours for shooting, 12 for editing / recipe developing / working on macbook and 12 hours for just… living! Anybody else like this? I’m committing to post more often here on ig, but I would like to post more than one single photo for dish or recipe. I would like to tell more about the story behind a recipe, using two or three pictures… what do you think about that? Boring? Useful? Useless? I need a brainstorming here so let’s talk! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #fromscratch #still_life_gallery #aseasonalshift #embracingtheseason #foodartblog  #infoodwetrust #naturallightonly  #rincorrerelabellezza #eatprettythings #eatyourcolors #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #thatsdarling #beautifulcuisines #hautecuisines #feedfeed #foodtographyschool  #vscofood #flatlaytoday #seekthesemplicity #heresmyfood #eattherainbow #farmtotable #eatyourveggies #5aday
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ultimo giorno della sfida di Kimberly! Oggi  il tema era il “straight on” ero indecisa tra diverse foto perchè ultimamente mi piace un sacco scattare “di lato” e avevo diverse foto pronte ma alla fine ho optato per questo parfait di overnight oatmeal porridge ai fichi e tè chai perché di fatto la stagione dei fichi è praticamente conclusa quindi meglio pubblicare ora la ricetta prima che sia troppo tardi! E’ completamente privo di zuccheri aggiunti (ma si può aggiungere dolcificante se si vuole) e in pratica è una colazione perfetta: tutto lo sforzo lo fai la sera prima, la mattina assembli solo! La ricetta è nel link in bio!
🇺🇸 Last day of Kimberly @thelittleplantation ig #EatCaptureShare challenge! I had an amazing  time and it helped me to think outside of the box, and to discover lots of amazing photographers! And I had to admit this week has been my fav: I loved discovering different shooting angles! For today’s theme “straight on” I was very hesitant  about which photo to post: it turned out straight on is one of my fav shooting angles and I had several images to choose!  I decided to go for this sugar free figs & chai tea overnight porridge parfait because figs season it’s about to end so it’s better hurry up! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #sugarfree #senzazuccheriaggiunti #parfait #overnightoatmeal #porridgelovers #figs #autumnishere #livewellcaptured #inmykitchen #eatprettythings #IFPgallery #breakfastslikethese #infoodwetrust #munchiesitalia #foodfluffer #tastingtable #healthybreakfast #foodtographyschool #imsomartha #wholeFoodsFaves #ahealthynut
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ma da voi fa freddo? Perchè qui da noi assolutamente no. Io sogno ancora il mio cappottino oversize verde militare da espatriata della Berlino Est, perchè giace nell’armadio: con 23° non è il caso di tirarlo fuori.  Però le zuppe e gli stufati io li mangio lo stesso, eccheccavolo è pur sempre metà ottobre!  Per cui ecco una zuppa vegana, quindi senza latticini, super facile, sglutinabile, e super cremosa grazie a un ingrediente segreto Il link della ricetta è in bio! 🇺🇸 This is the second to last entry for @thelittleplantation ig challenge #eatcaptureshare!  This week is all about shooting angles! I admit the 3/4 it’s not now of my fav (I’m a flatlay lady!) but I agree with what Kimberly said to us: it’s a very intimate and cozy angle!  And I think it’s perfect for an autumn comfort dish! Like this vegan mushrooms soup! Perfect for the next weekdays dinner! •
•
•
•
•
#mangioquindsono #healthyeating #fallishere #aseasonalshift #munchiesitalia #IFPgallery #foodtographyschool #foodfluffer #livewellcaptured #comfortfood #whatvegaseat #mycommontable #naturallightonly #thatsdarling #mushrooms #funghi #dairyfree #senzalatticini #thrivemags #vegansofig #veganfoodspot #letscookvegan #soupoftheday #eatyourveggie #eatrealfood #eatsimple
  • (ITA BELOW) 🇺🇸 So. I’ve always loved brunch. First, because you can eat both savory and sweet and nobody will judge you, second, because I love the idea of  spending some good quality time with your significant other, or  family or friends, without watching constantly the clock. I think this is one of the greatest pleasure, luxury and privilege of our life: time.
And I kinda admit I deeply envy places where you can have waffles or pancakes or eggs or savoury & sweet goods together as breakfast. Like Sweden. Oh God I love Sweden, so with this photo I enter @gkstories contest (with @visitsweden) #visitswedenfood, the price is a trip to Sweden! (check out under porridge photo on Green Kitchen profile!).
But these potatoes & spinach savory GF brunch waffles are also my entry for the soon-to-ending ig challenge by @thelittleplantation #eatcaptureshare. I had a great time in this challenge because it boosted my creativity and I really loved every stunning photo that won! Thank you Kimberly so much! 🇮🇹 Sono un’amante - non troppo segreta e molto appassionata - dei brunch. Sempre stata. Da una parte l’idea di passare più tempo a tavola nel weekend, con mio marito che non deve fissare con angoscia l’orologio, è un privilegio inestimabile. Dall’altra il fatto di poter mangiare salato e dolce insieme in un contesto in cui sia socialmente accettabile, ecco mi attrae molto.  Ecco perché questo weekend ci siamo concessi questo piccolo lusso e abbiamo fatto un brunch la cui portata principale sono stati questi waffle salati a base di patate e spinaci, che sono tra l’altro senza glutine, e ce li siamo goduti fino all’ultima briciola, fino all’ultimo sorso di matcha latte. Perchè alla fine il tempo insieme è il lusso più grande. Trovate la ricetta in bio. Con questa foto partecipo anche al contest #visitswedenfood di @gkstories e @visitsweden per vincere… un viaggio in Svezia! Mai ho desiderato così tanto di vincere qualcosa, lo ammetto! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #eatcleanrecipes #savorywaffles #brunchlover #healthybrunch #beautifulcuisine #fromscratch #munchiesitalia #IFPgallery #livewellcaptured #foodfluffer #foodtographyschool #eatprettythings #feliceade
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Come avrete notato mi sto dedicando al restyling di molte foto sul blog, e questa fa parte di un post che avevo pubblicato nel 2014: un filetto di maiale ripieno di prugne, da accompagnare a patate arrosto e a questa deliziosa salsa alle prugne cotte. Nel cuocerla mi sono innamorata di nuovo del suo colore, così intenso e così lucido, e ho voluto fotografarla anche da sola, ma sul blog trovate anche le altre foto dell’arrosto, che pubblicherò a breve anche qui! Se vi dovesse servire la ricetta perchè avete ospiti domani a pranzo la trovate nel link in bio! 🇺🇸 While simmering these plum sauce for my stuffed pork tenderloin I fell in love with its colour, so shiny, deep and intense. And I thought it would have been the perfect subject for today @thelittelplantation challenge #eatcaptureshare!
The themfor today is purple and I kinda love the special shade of purple you can bring out in plums cooking them! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodfluffer #getmimal #foodtographyschool #shareyourtable #firstweeat #naturallightonly #livethelittlethings #embracingtheseason #vscofood #flatlay #theartofslowliving #thenewhealthy #wholesome #farmtotable #eatrealfood #plums #prugne #autumnishere
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Sto migliorando nei lievitati. Lo dico un po’ sottovoce perchè ho un impasto che sta lievitando sotto un canovaccio proprio ora e non vorrei che fallisse miseramente. Però sto migliorando. Sto migliorando perchè l’anno scorso poco prima di Natale avevo pubblicato la ricetta dei cinnamon rolls, ed era venuta bene, ma ammettiamolo, era stata una gran faticaccia. Ora invece che li ho rifatti… perfetti! Subito. Semplicemente seguendo la mia ricetta (sono stupita io stessa). Tutto questo per dire che ieri o oggi (non ho ben capito in realtà) in Svezia era la giornata nazionale  dei Kanelbullar - cioè loro hanno una giornata nazionale dedicata ai dolcetti alla cannella, ma che cosa meravigliosa non è? - e quindi ho pensato fosse l’occasione giusta per riproporli con un restyling! Stessa ricetta, quindi senza burro, poco zucchero e con l’ingrediente segreto nel ripieno per renderlo più leggero, ma…. forma nuova! E molto più facile di quanto pensassi! Vi ho rimesso il link in bio! 🇺🇸 Today (or yesterday I’m not very sure) is Swedish National Kanelbullar day! How not to fall in love with a nation that dedicates a day to cinnamon rolls??? You simply can’t.  I love cinnamon rolls and last year I developed a healthier kanelbullar recipe (no butter, low fat and low sugar)  that I decided needed a restyling, so here it is: old perfect recipe, new (better) photos! And I think I’m getting better in baking and yeast&kneading goods! It’s really true: practice makes perfection! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #epicurious #IFPgallery  #foodfluffer #foodtographyschool #munchiesitalia #kanelbullarday #cinnamonrolls #healthier #eattheworld #bakersgonnabake #instabake #bakedfromscratch #sweettooth #mycommontable #fromscratch #livewellcaptured #comfortfood #lowsugar #buzzfeedhealth #madetonourish #eatwellbewell #eatrealfood #cannella #dolcisani #nonmangiostranomangiosano
  • (ITA SOTTO) 🇺🇸 Do you like stews, casseroles and soups? I do LOVE  stews and soups. I love the comfort I feel watching them simmering on the stove, and  I love the fact they require so little effort to such a great result! Basically you mix (affordable) ingredients in a pot, turn on the heat, and so whatever you want while the magic happens! Like this middle eastern style lentil stew!  If you use gf pita bread and dairy free yogurt as topping it’s even #glutenfree and #vegan! And of course it’s my entry for today #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation: BROWN! 🇮🇹 A chi piacciono gli stufati?? Io li adoro: metti tutto in pentola, fai cuocere a lungo controllando una volta ogni tanto mentre (a scelta) leggi un libro, fai farei i compiti ai figli, ti bevi un bicchiere di vino con il marito, chatti con l’amica, ti metti sul divano con la copertina a vegetare dopo una giornata allucinante, insomma fai quello che ti senti di fare, e via dopo un’oretta ti ritrovi con una cenetta super comfort a impegno quasi zero, fatta con ingredienti sani (e spesso anche economici!) arricchita di sapore da spezie e aromi. Dai come si fa a non amarli?  Io oggi vi propongo uno stufato di lenticchie in stile mediorientale,  easy peasy, a prova di dummies in cucina, giuro! Pure veg e gluten free se si escludono guarnizioni! La ricetta è sul blog nel link in bio, ma adesso io voglio sapere la vostra classifica dei tre stufati/zuppe/etc preferiti per l’autunno! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodtographyschool #munchiesitalia #goopmake  #f52farmstand  #mycommontable  #bareaders #foodartblog #livethelittlethings #flashofdelight  #imsomartha #aseasonalshift #embracingtheseason  #copmfortfood #lentilstew #middleastern #saveurmag #thekitchn #huffposttaste #flatlaytoday #cuisinesworld  #mynourish  #alimentazionenaturale #healthyfoodie #plantstrong #cookingwithlove #getminimal

Seguimi!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano, dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario, tuttavia, capisce che alla classificazione delle mucopolisaccaridosi preferisce la preparazione di insalate e torte salate. Lascia così gli studi universitari per dedicarsi completamente alla cucina. Nel 2014 apre Mangio Quindi Sono, blog di ricette salutari e naturali e di trucchi per mangiare sano senza patire la fame. Il bagaglio di competenze acquisite durante i 6 anni di Medicina le consentono di approfondire da autodidatta i tanti e complessi aspetti della nutrizione, arrivando così a creare piatti non solo interessanti e deliziosi, ma anche salubri e bilanciati; in chiave onnivora (ma non solo!), ma adatti anche ad intolleranze varie. Imparare a fotografare i piatti realizzati, prima da autodidatta e poi seguendo svariati corsi, è stata la naturale evoluzione del corso degli eventi, nata dalla volontà di fissare nella memoria e condividere non solo l’immagine di ciò che esce dal forno, ma anche l’emozione che si prova assaggiandolo. Ora vive nella campagna Mantovana con suo marito, adora collezionare props, stilare liste di cose da fare e spiazzare i suoi fornitori locali chiedendo le verdure e gli ingredienti più improbabili da trasformare in piatti che coniugano la tradizione italiana a sapori più esotici o orientali. Nella sua dispensa non mancano mai la pasta di miso, la tahine e l’avocado.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Costolette d’agnello aromatiche e insalata di asparagi [HEALTHY EASTER]

Come piatto principale per Pasqua, la tradizione rivisitata in chiave moderna e sana

Costolette d’agnello aromatiche con gremolata e un’insalata primaverile di asparagi e primizie come contorno


Insalata di asparagi e verdure primaverili

So già che con questo post mi attirerò le ire di molti. Lo sapevo fin dall’inizio, perchè l’agnello è uno di quegli argomenti che sotto Pasqua divide il popolo italiano, quindi facciamo il disclaimer subito e non pensiamoci più: non sono vegetariana nè tanto meno vegana e mangio di tutto, carne e pesce compresi, e questo l’ho sempre dichiarato (basta guardare l’archivio del blog). Rispetto enormemente la scelta etica dei vegani e se invito a cena vegani o vegetariani mi premuro sempre di proporre un menù anche adatto a loro, ma ritengo che in quanto scelta etica si tratti di una scelta appunto personale. Scelta che non va imposta e che comunque riguarda la sfera morale del singolo non la salute o tanto meno il dimagrimento. Motivo per cui nel mio blog c’è e ci sarà sempre la carne – oltre a tanti piatti vegetariani o veg – e sotto Pasqua trovate l’agnello. So che è un argomento spinoso, ma l’agnello è una delle poche carni che amo veramente mangiare e mangio, davvero, due volte l’anno: quelle due volte non me le tocca nessuno.  Noi ci dimentichiamo sempre che ci sono alcune zone del mondo (come la Nuova Zelanda o la Grecia) ma anche d’italia (vedi la Sardegna e l’Abruzzo) dove pecore e agnelli costituiscono una parte fondamentale della vita e della dieta, e dove l’allevamento di tali animali raggiunge percentuali notevoli costituendo un pezzo fondamentale della cultura di tali territori. Per capirci l’agnello Sardo è un IGP.  Inoltre, cosa che evidentemente sfugge a molti, gli agnelli, al contrario della maggior parte – non di tutti ovviamente – dei polli e dei bovini, pascolano. Cioè vivono all’aperto se non proprio allo stato brado.  Per quale motivo dovremmo mangiare vitello – che io mangio raramente, ma per mere questioni organolettiche –  e non agnello? Qual’è il discrimine? Per un consumo più consapevole e etico io cerco sempre di scegliere carne italiana e non agnelli proveniente dall’est o da altri Paesi Europei, insomma il più locale possibile. Anche a costo di dover spendere più soldi, perchè tanto appunto lo mangio due volte l’anno

Ok finito il pippone passiamo al resto.

Pesto di erbe aromatiche per costolette d'agnello

Costolette d'agnello aromatiche pronte per essere condite e cotte

Dire che questa ricetta è imbarazzantemente semplice è eufemistico. L’insalata di asparagi e primizie è un assemblare. Le costolette aromatiche vanno insaporite e cotte. Stop. Basta. Se volete potete aggiungere una salsina allo yogurt e delle patate al forno qui ci starebbero davvero davvero da dio, ma nulla più. 

Insalata di asparagi e verdure primaverili

Ma parliamo di quanto io adori l’agnello. E’ in assoluto la mia carne preferita. Detesto  pollo e tacchino – ma ormai penso che mezzo mondo lo sappia già – mi piace la carne rossa alla griglia anche se cerco di limitarla, il vitello non mi attira, il maiale non mi dispiace, ma l’agnello è proprio amore. Adoro proprio quello di cui la maggior parte della popolazione non va matta: quel suo sapore intenso e forte, oltre alla consistenza morbida e succosa. Purtroppo vivo con un uomo che lo detesta cordialmente, quindi sono sempre entusiasta a marzo o aprile nel periodo prima di Pasqua: sì, amore ho comprato l’agnello, sì ma perchè è Pasqua non possiamo non mangiarlo, no, non l’ho fatto perchè ne sono golosissima, è ovvio . Di solito cerco qualche amico di bocca buona con cui organizzare un pranzo a Pasquetta per poter cucinarlo in santa pace sapendo che qualcuno lo mangerà sicuramente e a mio marito preparo una costata di manzo così è contento ugualmente.

Costolette d'agnello appena grigliate

Sono ormai diversi anni che uso una vecchia ricetta per il cosciotto d’agnello, marinato nel vino rosso, steccato con la pancetta (ehi do not blame me) accuratamente condita con aglio e aromi vari e arrostito nel forno: una delizia. Ma bisogna essere almeno 4 o 5 perchè abbia senso altrimenti si rischia di mangiare sfilacci di agnello per la successiva settimana. Ecco perchè trovo invece che le costolette d’agnello aromatiche siano più pratiche  e versatili: si può comprare anche una porzioncina da single senza grossi problemi! 

Costolette d'agnello aromatiche con insalata di asparagi e verdure primaverili

Per la mistura di erbe che ho usato ho scelto la menta che con l’agnello è un must, ma ci sono andata cauta con le dosi perchè non la amo molto, le mie costolette d’agnello aromatiche quindi erano ben equilibrate, ma se a voi piace abbondate pure! 

Costolette d'agnello aromatiche con insalata di asparagi e verdure primaverili

Parlando delle qualità della carne d’agnello dobbiamo ricordare che è sì una carne grassa (ovviamente a seconda dei tagli scelti) ma è anche una carne ricchissima di ferro e di proteine ad alto valore nutritivo quindi il rapporto proteine/grassi è estremamente favorevole, soprattutto se come me sgrassate – o vi fate sgrassare dal macellaio – le vostre costolette dal grasso visibile, quello che rimane finirà comunque in gran parte sul fondo della griglia! 

Costolette d'agnello alla gremolada
Serves 2
Ingredients
  1. 6/8 costolette d'agnello ripulite dal grasso
  2. una manciata piena di un misto di foglie aromatiche fresche (menta, origano, timo, rosmarino, prezzemolo per me)
  3. 1 spicchio d'aglio
  4. 1 cucchiaio di senape
  5. 2 limoni
  6. 1 cucchiao d'olio evo
  7. 2 o 3 cucchiai di pistacchi non salati
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. In un mixer di piccole dimensioni unite le erbe aromatiche, l'olio, la scorza di limone, due cucchiai di succo, la senape, l'aglio e i pistacchi e tritate (se avete un mortaio potete utilizzare quello)
  2. Salate le costolette, cospargele di gremolata e massaggiatele
  3. Accendete il fuoco alto sotto una griglia e quando è caldo usate i limoni già usati per strofinare la superficie, poi disponetevi sopra le costolette
  4. Fate cuocere per circa 5/10 min per lato o comuqneu fino a doratura
  5. Servite bollenti
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

 

Insalata di asparagi primaverili
Ingredients
  1. 1 mazzo di asparagi non troppo sottili
  2. 1 cespo di puntarelle
  3. qualche ravanello
  4. 1/2 sedano rapa
  5. una manciata di foglie di spinacino novello ben pulito
  6. 100/200 gr di edamame già bollito (o fave o piselli)
  7. 1 limone
  8. Aggiunte facoltative: avocado, semi di zucca, nocciole, pistacchi, scaglie di pecorino
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Pulite gli asparagi spellando la parte finale e affettateli con un coltello molto tagliente o un pela patate per il lungo fino a ottenere come dei nastri, poi cuoceteli per 2 minuti al vapore, scolateli e lasciateli raffreddare
  2. Pulire le puntarelle delle foglie esterne e tenete solo le punte centrali e tagliatele per il lungo in fette sottili
  3. Pelate il sedano rapa affettatelo sottilmente e ricavatene poi delle listarelle
  4. Fate saltare gli edamame con un filo d'olio, sale e pepe in un tegame fino ad abbrustolirlo leggermente
  5. Tagliate sottili i ravanelli e il limone a fettine
  6. Unite tutti gli ingredienti e condite con olio e sale macinato fresco.
Notes
  1. Se vi piace potete condire l'insalata di asparagi con una salsina fatta di yogurt, senape di digione, miele, succo di limone e olio evo!
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Salva la ricetta su pinterst!

Print Friendly, PDF & Email

Instagram

  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ho sempre amato molto cucinare e ho sempre cucinato molto. Però a posteriori mi rendo conto che ho iniziato a imparare a cucinare davvero quando io e mio marito abbiamo iniziato a convivere. Perchè è stato allora che ho iniziato a cucinare davvero. Tutti i giorni. Tre pasti al giorno. Perché impari a fare qualcosa soltanto facendola, con costanza, tutti i giorni. Molte persone mi dicono che non sanno cucinare e che è difficile. Io rispondo sempre che cucinare non è assolutamente difficile, basta… farlo. Prendere una ricetta, seguirla,  e se non viene riprovarci.  Chi non sa cucinare è semplicemente perché non cucina abbastanza.  Ad esempio io non sapevo legare gli arrosti. Non l’avevo mai fatto. E quando ho pubblicato questa ricetta anni fa l’avevo “fatto su”. Ora invece mi sono guardata un tutorial di @soniaperonaci, l’ho seguito e questo è il risultato del primo tentativo.  Sicuramente il secondo verrà meglio, idem il terzo. Ho solo bisogno di esperienza. E ora su, tutti a legare l’arrosto stasera! 🇺🇸 I’ve always loved cooking. Some of my friends certainly remember that 2008 Thanksgiving Dinner (yes, here in Italy, I’ve always been attracted by foreign things) for 20 people, with that giant stuffed turkey. But recently I’ve realized I learned to cook properly only when me and my husband moved in together. Because I started to cook every day. Every meal. And I think cooking it’s just about that: experience. You try and if you fail you try it again.  When i posted this pork roast, a few years ago, I really had no clues how to tie a roast, this time I watched a tutorial and this is my first attempt. I’m kind happy with the result but I’m sure next time it will be better, I just need… experience. •
#mangioquindisono #foodwriting  #letscooktogether #fromscratch #imsomartha #inmykitchen #eeeeeats #shareyourtable #porkroast #cookmagazine #still_life_gallery #thekitchn #thatsdarling #aseasonalshift #plums #autumnfood #theartofslowliving #storytelling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi sul blog un nuovo post, diverso dal solito. Parliamo di sgarro. E’ sbagliato parlare di sgarro?  Mangiare una pizza è uno sgarro? E il sushi? E questo hamburger homemade? Io ho la mia opinione al riguardo è un discorso complesso e controverso, se vi interessa andate a leggere il post del link in bio. Ci trovate anche la ricetta di questo hamburger che poi è l’hamburger completamente fatto in casa migliore al mondo, provate per crederci! E se volete poi di tutto quanto possiamo discuterne qui sotto insieme. Cioè dello sgarro. O anche di quanto è buono questo hamburger!
🇺🇸 Do you cheat? Ok, let me explain, not your partner! Your diet! With diet meaning “personal rules and habits in eating” not “starvation”. Do you cheat sometimes those rules? I think it’s important to let it go, sometimes. For our sanity at least! Like with these super-delicious, 100% homemade (well 95%: bought pickles!), sumptuous hamburger: homemade semi whole wheat buns, homemade local beef patties, homemade free range eggs mayo and all my love! High quality ingredients always make high quality dishes! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #eatclean #intuitiveeating #nonmangiostranomanosano #IIFYM #cheating #teamsgarro #hamburger #homemadewithlove #fromscratch #eatrealfood #flexiblediet #dietaflessibile #macrotracking #girlswholift #powerlifting #thenewhealthy #letsbake #beef #fattoincasa #cookmagazine #thehubfood #IFPgallery #foodfluffer #munchiesitalia #foodtographyschool #makeitdelicious #infoodwetrust #foodstyling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi, nel programmare la settimana, ho deciso di impegnarmi e postare di più qui su instagram Un tempo non sarei mai riuscita a postare 3, 4 addirittura 5 volte a settimana. Ora invece sono diventata super brava a ottimizzare il tempo e organizzare gli shooting e le 3,4 addirittura 5 foto a settimana sono decisamente fattibili. Solo che manca spesso il tempo per scrivere le ricette! Vorrei giornate di 48 ore: 12 per dormire (ovviamente) 12 per lavorare alle foto, 12 per lavorare al macbook o su lightroom e le rimanenti 12 per… vivere. A tal proposito: io scatto sempre più di una foto della stessa ricetta perché mi piace dare punti di vista diversi, ma finora qui su ig ne ho sempre postata una sola, a voi piacerebbe vedere più foto della stessa ricetta? O lo trovate noioso? Datemi un feedback! Ad esempio oggi vi faccio vedere le carote crude, prossima volta la versione arrostita alla mediorientale! 🇺🇸 I need 48 hours days: 12 hours for sleeping (obv: priority!), 12 hours for shooting, 12 for editing / recipe developing / working on macbook and 12 hours for just… living! Anybody else like this? I’m committing to post more often here on ig, but I would like to post more than one single photo for dish or recipe. I would like to tell more about the story behind a recipe, using two or three pictures… what do you think about that? Boring? Useful? Useless? I need a brainstorming here so let’s talk! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #fromscratch #still_life_gallery #aseasonalshift #embracingtheseason #foodartblog  #infoodwetrust #naturallightonly  #rincorrerelabellezza #eatprettythings #eatyourcolors #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #thatsdarling #beautifulcuisines #hautecuisines #feedfeed #foodtographyschool  #vscofood #flatlaytoday #seekthesemplicity #heresmyfood #eattherainbow #farmtotable #eatyourveggies #5aday
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ultimo giorno della sfida di Kimberly! Oggi  il tema era il “straight on” ero indecisa tra diverse foto perchè ultimamente mi piace un sacco scattare “di lato” e avevo diverse foto pronte ma alla fine ho optato per questo parfait di overnight oatmeal porridge ai fichi e tè chai perché di fatto la stagione dei fichi è praticamente conclusa quindi meglio pubblicare ora la ricetta prima che sia troppo tardi! E’ completamente privo di zuccheri aggiunti (ma si può aggiungere dolcificante se si vuole) e in pratica è una colazione perfetta: tutto lo sforzo lo fai la sera prima, la mattina assembli solo! La ricetta è nel link in bio!
🇺🇸 Last day of Kimberly @thelittleplantation ig #EatCaptureShare challenge! I had an amazing  time and it helped me to think outside of the box, and to discover lots of amazing photographers! And I had to admit this week has been my fav: I loved discovering different shooting angles! For today’s theme “straight on” I was very hesitant  about which photo to post: it turned out straight on is one of my fav shooting angles and I had several images to choose!  I decided to go for this sugar free figs & chai tea overnight porridge parfait because figs season it’s about to end so it’s better hurry up! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #sugarfree #senzazuccheriaggiunti #parfait #overnightoatmeal #porridgelovers #figs #autumnishere #livewellcaptured #inmykitchen #eatprettythings #IFPgallery #breakfastslikethese #infoodwetrust #munchiesitalia #foodfluffer #tastingtable #healthybreakfast #foodtographyschool #imsomartha #wholeFoodsFaves #ahealthynut
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ma da voi fa freddo? Perchè qui da noi assolutamente no. Io sogno ancora il mio cappottino oversize verde militare da espatriata della Berlino Est, perchè giace nell’armadio: con 23° non è il caso di tirarlo fuori.  Però le zuppe e gli stufati io li mangio lo stesso, eccheccavolo è pur sempre metà ottobre!  Per cui ecco una zuppa vegana, quindi senza latticini, super facile, sglutinabile, e super cremosa grazie a un ingrediente segreto Il link della ricetta è in bio! 🇺🇸 This is the second to last entry for @thelittleplantation ig challenge #eatcaptureshare!  This week is all about shooting angles! I admit the 3/4 it’s not now of my fav (I’m a flatlay lady!) but I agree with what Kimberly said to us: it’s a very intimate and cozy angle!  And I think it’s perfect for an autumn comfort dish! Like this vegan mushrooms soup! Perfect for the next weekdays dinner! •
•
•
•
•
#mangioquindsono #healthyeating #fallishere #aseasonalshift #munchiesitalia #IFPgallery #foodtographyschool #foodfluffer #livewellcaptured #comfortfood #whatvegaseat #mycommontable #naturallightonly #thatsdarling #mushrooms #funghi #dairyfree #senzalatticini #thrivemags #vegansofig #veganfoodspot #letscookvegan #soupoftheday #eatyourveggie #eatrealfood #eatsimple
  • (ITA BELOW) 🇺🇸 So. I’ve always loved brunch. First, because you can eat both savory and sweet and nobody will judge you, second, because I love the idea of  spending some good quality time with your significant other, or  family or friends, without watching constantly the clock. I think this is one of the greatest pleasure, luxury and privilege of our life: time.
And I kinda admit I deeply envy places where you can have waffles or pancakes or eggs or savoury & sweet goods together as breakfast. Like Sweden. Oh God I love Sweden, so with this photo I enter @gkstories contest (with @visitsweden) #visitswedenfood, the price is a trip to Sweden! (check out under porridge photo on Green Kitchen profile!).
But these potatoes & spinach savory GF brunch waffles are also my entry for the soon-to-ending ig challenge by @thelittleplantation #eatcaptureshare. I had a great time in this challenge because it boosted my creativity and I really loved every stunning photo that won! Thank you Kimberly so much! 🇮🇹 Sono un’amante - non troppo segreta e molto appassionata - dei brunch. Sempre stata. Da una parte l’idea di passare più tempo a tavola nel weekend, con mio marito che non deve fissare con angoscia l’orologio, è un privilegio inestimabile. Dall’altra il fatto di poter mangiare salato e dolce insieme in un contesto in cui sia socialmente accettabile, ecco mi attrae molto.  Ecco perché questo weekend ci siamo concessi questo piccolo lusso e abbiamo fatto un brunch la cui portata principale sono stati questi waffle salati a base di patate e spinaci, che sono tra l’altro senza glutine, e ce li siamo goduti fino all’ultima briciola, fino all’ultimo sorso di matcha latte. Perchè alla fine il tempo insieme è il lusso più grande. Trovate la ricetta in bio. Con questa foto partecipo anche al contest #visitswedenfood di @gkstories e @visitsweden per vincere… un viaggio in Svezia! Mai ho desiderato così tanto di vincere qualcosa, lo ammetto! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #eatcleanrecipes #savorywaffles #brunchlover #healthybrunch #beautifulcuisine #fromscratch #munchiesitalia #IFPgallery #livewellcaptured #foodfluffer #foodtographyschool #eatprettythings #feliceade
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Come avrete notato mi sto dedicando al restyling di molte foto sul blog, e questa fa parte di un post che avevo pubblicato nel 2014: un filetto di maiale ripieno di prugne, da accompagnare a patate arrosto e a questa deliziosa salsa alle prugne cotte. Nel cuocerla mi sono innamorata di nuovo del suo colore, così intenso e così lucido, e ho voluto fotografarla anche da sola, ma sul blog trovate anche le altre foto dell’arrosto, che pubblicherò a breve anche qui! Se vi dovesse servire la ricetta perchè avete ospiti domani a pranzo la trovate nel link in bio! 🇺🇸 While simmering these plum sauce for my stuffed pork tenderloin I fell in love with its colour, so shiny, deep and intense. And I thought it would have been the perfect subject for today @thelittelplantation challenge #eatcaptureshare!
The themfor today is purple and I kinda love the special shade of purple you can bring out in plums cooking them! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodfluffer #getmimal #foodtographyschool #shareyourtable #firstweeat #naturallightonly #livethelittlethings #embracingtheseason #vscofood #flatlay #theartofslowliving #thenewhealthy #wholesome #farmtotable #eatrealfood #plums #prugne #autumnishere
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Sto migliorando nei lievitati. Lo dico un po’ sottovoce perchè ho un impasto che sta lievitando sotto un canovaccio proprio ora e non vorrei che fallisse miseramente. Però sto migliorando. Sto migliorando perchè l’anno scorso poco prima di Natale avevo pubblicato la ricetta dei cinnamon rolls, ed era venuta bene, ma ammettiamolo, era stata una gran faticaccia. Ora invece che li ho rifatti… perfetti! Subito. Semplicemente seguendo la mia ricetta (sono stupita io stessa). Tutto questo per dire che ieri o oggi (non ho ben capito in realtà) in Svezia era la giornata nazionale  dei Kanelbullar - cioè loro hanno una giornata nazionale dedicata ai dolcetti alla cannella, ma che cosa meravigliosa non è? - e quindi ho pensato fosse l’occasione giusta per riproporli con un restyling! Stessa ricetta, quindi senza burro, poco zucchero e con l’ingrediente segreto nel ripieno per renderlo più leggero, ma…. forma nuova! E molto più facile di quanto pensassi! Vi ho rimesso il link in bio! 🇺🇸 Today (or yesterday I’m not very sure) is Swedish National Kanelbullar day! How not to fall in love with a nation that dedicates a day to cinnamon rolls??? You simply can’t.  I love cinnamon rolls and last year I developed a healthier kanelbullar recipe (no butter, low fat and low sugar)  that I decided needed a restyling, so here it is: old perfect recipe, new (better) photos! And I think I’m getting better in baking and yeast&kneading goods! It’s really true: practice makes perfection! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #epicurious #IFPgallery  #foodfluffer #foodtographyschool #munchiesitalia #kanelbullarday #cinnamonrolls #healthier #eattheworld #bakersgonnabake #instabake #bakedfromscratch #sweettooth #mycommontable #fromscratch #livewellcaptured #comfortfood #lowsugar #buzzfeedhealth #madetonourish #eatwellbewell #eatrealfood #cannella #dolcisani #nonmangiostranomangiosano

Seguimi!