Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Panna cotta alleggerita ai kumquat canditi

Ormai tutti lo sanno da queste parti: i dolci al cucchiaio sono i miei preferiti. Tenetevi le torte farcite e glassate e datemi una creme brulè con la crosticina spessa da spezzare con un tac (Ameliè insegna!). Chi vuole quelle torte secche da credenza quando si può avere una meravigliosa pavlova con meringa e panna montata? Per non parlare di quello che, chissà perchè poi, è uno dei miei dolci in assoluto preferiti al mondo: il bonnet, il budino piemontese al cioccolato e amaretti.

Aspettando la panna cotta: kumquat, fiori e frutto della passione

Aspettando la panna cotta: kumquat, fiori e frutto della passione

E poi io il dessert lo penso sempre come a qualcosa per concludere una cena già soddisfacente, quando invito amici da noi, non deve saziare,  deve deliziare, insomma dopo una cena magari abbondante si ha voglia di qualcosa di leggero, palatabile fresco. Quindi un gelato, un budino, una crema, un affogato al caffè. Ecco sì questi sono i miei dolci preferiti! 

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi e menta

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, e menta

Che poi se ci pensiamo, sono anche i dolci più facili e veloci da fare e soprattutto, sono le ricette più facili da alleggerire! Spesso è facile sostituire o diminuire la dose di zucchero perchè in questi dolci quasi sempre serve al sapore e non alla consistenza (al contrario ad esempio nella pasta frolla o nei biscotti in cui lo zucchero è difficilmente eliminabile, pena una consistenza terribile), e altrettanto spesso basta sostituire la panna onnipresente con latte anche veg o yogurt e in un colpo si dimezzano grassi e calorie!

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi e menta

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi e menta

E infatti è così che è nata questa panna cotta allaggerita, fatta “senza panna” ma con latte e yogurt, sapientemente aromatizzati, e condita non con caramello e cioccolato, bensì con dei kumquat canditi e la polpa del frutto della passione. 

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Una panna cotta alleggerita, sì, ma estremamente godibile, perfetta per un fine pasto fresco che cambi sapore in bocca, ben bilanciato tra l’aspro dei kumquat, il dolce della vaniglia e la piccantezza per così dire dello zenzero. Per una versione più estiva si potrebbe pensare anche a caramellare allo stesso modo delle ciliegie o delle pesche, e in pochi minuti avrete una panna cotta alleggerita alla frutta che nulla ha da invidiare a quella originale

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Panna cotta ai kumquat canditi e frutto della passione
Serves 10
Ingredients
  1. 300 ml di latte vaccino
  2. 300 gr di yogurt skyr
  3. 50 gr di miele millefiori
  4. 12 gr di gelatina in fogli
  5. i semi di mezzo stecco di vaniglia
  6. un pezzo di radice di zenzero
Per i kumquat
  1. 200 gr di kumquat
  2. 2 cucchiai di miele
  3. 100 ml di acqua
Per decorare
  1. un passion fruit
  2. menta fresca
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Per i kumquat
  1. Tagliate i Kumquat a fettine o a metà e sbollentateli per 10 minuti in acqua bollente
  2. Metteteli poi insieme all'acqua e al miele in un tegame e portate a bollire a fuoco medio
  3. Continuate a far sobbollire per circa 15/20 minuti eventualmente aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua se si dovesse restringere, fino a ottenere un'aspetto caramellato
  4. Lasciate raffreddare completamente.
Per la panna cotta
  1. In un pentolino riscaldate il latte con i semi di vaniglia, il miele e la radice di zenzero grattuggiata, portate quasi a bollore poi spegnete
  2. Nel frattempo ammollate i fogli di gelatina in acqua fredda
  3. Filtrate il latte per togliere lo zenzero, stemperate la gelatina in una piccola quantità di latte caldo poi unite gelatine e latte, aggiungete poi lo yogurt e mescolate con attenzione
  4. Trasferite la panna cotta negli stampini che preferite e lasciate raffreddare
  5. Mettete poi in frigo per almeno 6 ore
  6. Servite la panna cotta rovesciando gli stampini, senza farla scaldare troppo fuori dal frigo, con i kumquat canditi, l'interno del frutto della passione e foglioline di menta,
Notes
  1. La panna cotta necessita del freddo per "stare insieme" quindi non tenetela fuori frigo troppo a lungo prima di servirla altrimenti tornerà liquida!
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIOquindiSONO

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Panna cotta alleggerita senza panna con kumquat canditi, frutto della passione e menta

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Healthy Naked Cake fragole & limone – 100° post per 4 anni di Mangio Quindi Sono

Questa settimana è decisamente una settimana ricca dal punto di vista personale. Martedì abbiamo avuto una notizia che, incrociando le dita potrebbe trasformarsi in un cambiamento entusiasmante nel giro di pochi giorni (No, non sono incinta, tranquilli, l’evoluzione della specie è salva); e domani io e mio marito festeggeremo anche il nostro primo anniversario di Matrimonio! Incredibile che sia già passato un anno! E poi ecco, oggi la sorpresa che vi avevo preannunciato qualche giorno fa

Questa settimana tre post sul blog perchè ci tenevo a festeggiare adeguatamente il compleanno del blog! Oggi Mangio Quindi Sono compie 4 anni, perchè l’11 maggio 2014 pubblicai le mie prime 4 ricette! E per una – beh ammetto non del tutto fortuita – coincidenza, questo è anche il 100° post!  Si potrebbe, giustamente, obiettare che 100 post in 4 anni sono veramente miseri, ma io penso non sia affatto così, considerando soprattutto che ben 40 post sono stati pubblicati nell’ultimo anno, il che ben riflette l’evoluzione che ha avuto Mangio Quindi Sono nel tempo.

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Quando il blog è nato, si trattava di un gioco, nulla più, di supporto alla mia attività di Food Advisor presso il portale Estetica & Donna.  Nel 2013/2014 avevo iniziato ad approcciarmi all’alimentazione sana (anche se la prima dieta con una nutrizionista risale al 2011, ma questa è un’altra storia), e avevo iniziato a postare qualche foto sul mio profilo personale dei piatti che tentavo di rendere più sani ma non noiosi. Se ci ripenso ora mi viene tenerezza, perchè erano piatti davvero scontati e banali, e le foto erano imbarazzanti, nonostante usassi comunque la reflex (o almeno facevo finta). Non esisteva pinterest, o meglio esisteva, o meglio io non loo conoscevo nè lo usavo, e trovare ricette low carb, o veg o semplicemente sane non era così semplice come è oggi. Chi è a dieta da tanto tempo lo sa bene: è necessario avere inventiva e fantasia perchè altrimenti si rischia di mangiare sempre le stesse cose e cadere nella noia con facilità. Quindi potremmo dire che Mangio Quindi Sono è nato per fare di necessità virtù, ossia per condividere i trucchi che scoprivo, inventavo o traducevo dall’inglese per mangiare sano ma in maniera gustosa e interessante. 

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Nel tempo ho dedicato al blog energie e risorse variabili, finchè nel 2016 penso ci sia stata la svolta quando ho iniziato a voler migliorare le mie foto, o meglio ho iniziato a pensare che forse tutte quelle sigle che c’erano sulla macchina fotografica e che io ignoravo completamente potevano essermi d’aiuto.  Ho fatto un corso di fotografia di base di qualche settimana, in una scuola di Mantova, che mi è stato utilissimo per capire quando essenzialmente non sapessi una beneamata cippa.  Il vero cambiamento  anzi rivelazione, l’ha fatto invece il corso Dazzero di Monique Firenze, che io considero non solo la mia insegnante ma la Mia Insegnante.  E’ stata un’epifania. Monique ti fa innamorare della Food Photography. Ti fa provare la sindrome di Stendhal di fronte alle foto. Li ho capito che volevo essere in grado di fotografare e rendere giustizia a ciò che preparavo: ho iniziato a mangiare quello che fotografavo anziché fotografare quello che mangiavo. Penso sia stato questo il punto di svolta del blog perchè ho iniziato a dedicarmici molto di più, ecco perchè solo 100 post di cui 40 nell’ultimo anno.

Non so bene quale sarà il destino di Mangio Quindi Sono ora, ho tante idee, tanti progetti, spero di riuscire a metterli in pratica tutti, però voglio che sia un punto di partenza non un punto di arrivo! 

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Ho deciso di festeggiare questo compleanno con una torta perchè alla fine è quello che si fa per i compleanni, no? E volevo una torta speciale, di quelle che stupiscono, una torta a strati, anzi una Naked Cake, ossia una torta a  strati, in cui il pan di Spagna sia alternato a una farcitura golosa, ma senza la glassa esterna e le decorazioni in pasta di zucchero. Però, siccome mi piacciono le sfide, volevo che fosse una torta che celebrasse la filosofia di Mangio Quindi Sono: ricette sane, alleggerite, a basso contenuto di zucchero, ricche di sapore grazie a aromi (vaniglia e limone), belle da vedere, anzi da mangiare prima con gli occhi, e magari con il solito ingrediente segreto

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Queste Healthy Naked Cake è un piccolo miracolo  – voglio prenderlo come segno propiziatorio positivo per i prossimi progetti di Mangio Quindi Sono –  perchè è completamente senza zucchero, senza burro, senza olio e senza panna. E ci sono le zucchine nel pan di Spagna,  ok l’ho detto. Ma non si sentono. Giuro!   Il pan di Spagna è soffice e non necessita di alcuna bagna, ma rimane consistente al taglio, mentre il mix di due farciture diverse risulta vincente al gusto, che, lasciatemelo dire anche se sono di parte, è una bomba. Nessuno immaginerebbe gli ingredienti perchè la torta è bellissia, il taglio è incredibilmente più facile di quanto non possa sembrare, le fette si servono facilmente e ogni forchettata è un mix di sapori dolci e aspri ben bilanciati 

Parliamo  nel dettaglio di come è nata un Healthy Naked Cake così miracolosa.

Sapevo già fin dall’inizio quali sarebbero stati i gusti della torta perchè la primavera vuol dire fragole e le fragole chiamano subito il limone. E il limone ama la vaniglia. E sapevo anche che non volevo usare zucchero ma non ero sicura di quale sarebbe stato il sostituto designato, poi ho pensato al mio curd rosa abbinato al pan di Spagna senza glutine (qui) e ho detto: proviamo lo xilitolo! Ero molto dubbiosa della riuscita e invece ha funzionato alla perfezione. Per la torta di base ho usato la ricotta per avere una consistenza soffice e non secca senza dover aggiungere grassi e ho incorporato le zucchine grattuggiate perchè so bene che rendono gli impasti morbidi; il curd al limone è fatto esattamente come quello rosa all’arancia rossa citato sopra, il frosting invece è quello che mi ha creato più problemi.

Dopo numerose ricerche mi ero convinta infatti che la farcitura più facile da alleggerire fosse quella al cream cheese, purtroppo però ho dovuto buttare le prime due versioni perchè a meno di non utilizzare 300 gr di xilitolo (che tanto bene non fanno di sicuro) non sarebbe mai venuta di consistenza ottimale per farcire una torta. Ma il terzo tentativo è andato a buon fine! Ricordatevi solo che più la farcitura è fredda più è deliziosa e facile da lavorare.

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Se cercate consigli su come farcire facilmente una torta a strati temo questo non sia il posto giusto in cui cercare, perchè io ne ho farcite circa 4 in tutte la mia vita e sono tuttora convinta che siano riuscite solo perchè qualche santo ci ha buttato un occhio. O forse era Mercurio a favore, chissà.  Gli unici consigli che mi sento di darvi è di comprare un tagliatorte con filo d’acciaio (tipo questo), sembra un attrezzo superfluo, ma vi risparmia lacrime di sudore e di rimpianto, fidatevi di me; farcite poi la torta direttamente sull’alzatina o sul piatto di portata, ovviamente, e usate farcia ben fredda avendo cura di dividerla tra gli strati in maniera equa, per non arrivare alla fine senza avere abbastanza farcitura per la parte esterna. 

Questo è quanto.  Aggiungo solo che questo è un post molto importante per me, ci ho lavorato a lungo, sia nella progettazione che nella realizzazione, e sono molto fiera di questa Healthy Naked Cake, nemmeno io pensavo sarebbe venuta fuori così bella e buona considerando l’intento di alleggerirla e renderla più sana! 

Healthy Naked Cake fragole e limone: torta a strati senza zucchero, burro, olio, panna

Se siete qui per la prima volta, capitati per caso fortuito, vi segnalo i 5 post preferiti dei miei lettori:

  • QUI: la mia – cattivissima – recensione sulla dieta del Supermetabolismo 
  • QUI: barrette all’avena, banana e cioccolato, veg, gf, senza zucchero e super semplici
  • QUI: il segreto per avere una pizza di cavolfiore (low carb e gf) perfetta, con la base super croccante
  • QUI: brownies al cioccolato da 100 kcal l’uno, senza burro, zucchero e glutine o farina, con un ingrediente segreto che nessuno indovinerà all’assaggio
  • QUI: l’alternativa low carb agli spaghetti, i noodle di zucchine, conditi con pesto di avocado e gamberi

Invece queste sono le mie ricette preferite, quelle a cui io personalmente tengo di più, indipendentemente dal successo avuto, quelle che rifaccio più spesso anch’io:

  • QUI: la ricetta definitiva con il barbatrucco per un miso ramen casalingo espresso, io vi giuro che è più buono di quello che vi serviranno nella maggior parte dei ristoranti cino giapponesi dispersi per l’Italia 
  • QUI: i waffle iperproteici al cioccolato e… zucchine! Ricetta super adattabile fatta e rifatta sia in casa Mangio Quindi Sono che da tanti miei amici e followers
  • QUI: il gravlax, il salmone affumicato a freddo fatto in casa,  con la barbabietola, una delle mie ricette preferite perchè con pochissima fatica potete fare un mega figurone a feste e cene con amici! 

 

 

Healthy Naked Cake fragole e limone
Serves 7
Per il pan di spagna
  1. una tortiera di 15 cm di diametro con fondo removibile
  2. 100 gr di mandorle a farina
  3. 200 gr di farina integrale di grano
  4. 1 cucchiaino di lievito
  5. 1 cucchiaino di bicarbonato
  6. 3 uova
  7. 100 gr di xilitolo
  8. 250 gr di ricotta
  9. 200 gr di zucchine (2 o tre zucchine circa)
  10. i semi di mezza stecca di vaniglia
  11. il succo e la scorza di un limone naturale
  12. un pizzico di sale
Per il frosting al formaggio
  1. 325 gr di quark non magro
  2. 1 lattina di latte di cocco non light tenuta in frigo da almeno 24h
  3. 2 cucchai di xilitolo
  4. 2 cucchiai di latte
  5. mezza stecca di vaniglia
Per il curd al limone
  1. 250 ml di latte anche ps
  2. 30 gr di amido di mais
  3. 50 gr di xilitolo
  4. il succo e la scorza di un limone
  5. 1 tuorlo
Per decorare
  1. fragole e fiori freschi
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Per il pan di spagna
  1. Accendete il forno a 180°
  2. Grattuggiate le zucchine e strizzatele benissimo
  3. Mischiate in una ciotola le due farine, il lievito, il bicarbonato e il sale e tenete da parte
  4. Separate i tuorli dagli albumi e tenete gli albumi da parte, montate cinvece i tuorli con lo xilitolo con una frusta elettrica finchè non diventino chiari e spumosi.
  5. Aggiungete la ricotta, il succo e le zeste del limone, la vaniglia e le zucchine e mescolate accuratamente
  6. Unite gli ingredienti secchi a quelli umidi.
  7. Montate a neve gli albumi e facendo attenzione a non smontarli uniteli al composto
  8. Pesate il composto e dividetelo esattamente in due.
  9. Foderate la tortiera con carta da forno sulla base e imburrate e infarinate leggermente i bordi
  10. Versate metà impasto nella tortiera e cuocete per 30 min
  11. Lasciate raffreddare completamente e aprite la tortiera ed estraete la torta.
  12. Fate lo stesso con l'impasto rimanente e formate una seconda torta.
  13. Lasciatele raffreddare entrambe completamente
Per il frosting
  1. Trasferite il quark in una ciotola abbastanza ampia e lavoratelo leggermente con una forchetta per ammorbidirlo
  2. Aprite la latte di cocco e estraete la parte superiore più densa e ricca di grassi, lavorate anch'essa in una terrina a parte
  3. Iniziate a montare con le fruste il quark con la vaniglia e lo xilitolo per qualche istante, aggiungendo nel frattempo i due cucchiai di latte.
  4. Aggiungete la panna di cocco e montate ad alta velocità per un minuto fino ad ottenere una composto liscio e omogeneo
  5. Fate rassodare in frigo per almeno un paio d'ore.
Per il curd
  1. Mischiate lo xilitolo con il sale e l'amido di mais
  2. A parte mescolate i due latti di cocco con la vaniglia, il succo e le zeste di limone e il tuorlo, poi versate sopra gli ingredienti secchi mescolando con una frusta senza sbattere ma in modo da non formare grumi
  3. Mettete un tegame d'acqua sul fuoco e portate a sobbollire a fuoco medio-alto, inserite la bacinella nel tegame per cuocere il curd a bagnomaria
  4. Aspettate circa 10/15 minuti che si riscaldi e inizi ad addensarsi sul fondo.
  5. A questo punto passatelo al setaccio per togliere le zeste e rimettetelo a bagnomaria a fuoco medio cuocendo per circa 10 minuti finchè non si addensi e assuma la consistenza della crema pasticcera
  6. Lasciate raffreddare e poi conservate in frigo
Per assemblare
  1. Utilizzando l'apposito attrezzo dividete le due torte a metà con delicatezza
  2. Tagliate due terzi delle fragole a dadini
  3. Trasferite il frosting ben freddo in una sac a poche anche usa e getta
  4. Posizionate sull'alzata o sul piatto da portata un primo strato di pan di spagna e con l'ausilio della sac a poche farcitelo con il frosting muovendovi in cerchi concentrici
  5. Disponete le fragole a dadini sparpagliate sul frosting e aggiungete a cucchiaiate un terzo del curd
  6. Proseguite con gli altri strati di pan di spagna farcendoli in ugual modo
  7. Finito di assemblare con l'ultimo strado di pan di spagna completate con l'ultima dose di frosting e decorate con fragole tagliate a metà e fiori
  8. Riponete in frigorifero per circa 1 h prima di tagliarla e servirla
Notes
  1. Vi consiglio di preparare pan di spagna, frosting e curd la sera prima, e invece tagliare e farcire il giorno dopo.
  2. Una volta farcita la torta è molto più stabile di quanto non possa sembrare ma vi sconsiglio di lasciarla in frigo per più di qualche ora prima di servirla se volete una fragranza ottimale, quindi non farcitela con troppo anticipo
  3. Se non volete usare lo xilitolo potete usare zucchero di cocco
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Porridge alle carote viola e mirtilli

Porridge alle carote viola e mirtilli

Ok questa di questo porridge alle carote non è una vera e propria ricetta, ma il fatto è che il porridge è senza dubbio una delle colazioni preferite nel mondo fitness e i motivi sono molteplici: è saziante, facile e veloce da fare, altamente personalizzabile e a basso costo. Anni fa andavo avanti a porridge a colazione d’inverno, quest’anno invece per nessun motivo in particolare non ho preparato molti porridge, preferendo pane di segale con uova oppure yogurt con granola. Ma il porridge rimane sempre nel mio cuore! 

Porridge alle carote viola e mirtilli

Porridge alle carote viola e mirtilli

Ovviamente i porridge migliori sono al cioccolato, non sarebbe nemmeno necessario ricordarlo, però ci sono tante altre alternative magari meno golose ma altrettanto gustose, come questo porridge alle carote ma… viola!  E’ un trucco che uso spesso per rendere interessanti i miei pasti, aggiungere colore e consistenze diverse per “stupire” la bocca; d’altra parte il mio è cibo “per il corpo, per gli occhi, per l’anima” e spesso si mangia con gli occhi (e col naso!) molto prima che con la bocca. Ecco perchè se mi capita di trovare ortaggi insoliti li compro sempre anche se magari non hanno un sapore granchè diverso da quelli tradizionali (le carote viola sanno di… carote!) non perchè serva al mio corpo ma perchè aiuta il mio buonumore banalmente! Quindi sulle nostre tavole compaiono spesso gnocchi di patate viola, o insalate autunnali a base di ceci neri

Porridge alle carote viola e mirtilli

Porridge alle carote viola e mirtilli

A colazione ho sempre bisogno di una dose di proteine per riuscire ad arrivare a pranzo senza uccidere nessuno, quindi mi assicuro sempre di aggiungere una fonte proteica al mio porridge! Una scelta possibile è aggiungere del quark magro a fine cottura, ma non amo il sapore acido del quark nel porridge, quindi preferisco aggiungere uno scoop di proteine del siero del latte  (neutre o alla vaniglia). Per un sacco di tempo avevo smesso di farlo perchè notavo che in cottura aggiungere le whey cambia notevolmente la consistenza del porridge, è come se le whey coagulino, come l’uovo strapazzato. Non molto invitante. Invece per evitare questo inconveniente basta davvero poco, e qui vi spiego il trucco: aggiungere le proteine in polvere al vostro porridge alle carote viola (o qualsiesi altro porridge) a fine cottura, a fuoco spento, stemperate in un po’ di latte a formare una cremina che aggiunge cremosità al porridge! 

 

Porridge alle carote viola e mirtilli

Porridge alle carote viola e mirtilli

Se volete un porridge raw e vegano invece vi consiglio quello al grano saraceno e ribes della mia amica Marta di Marta’s Plants, se invece ne volete uno goloso al caffè, cioccolato e cocco, provate quella di Roberta di Healthy Little Cravings. Per una guida completa ala mondo del porridge invece c’è quella di Lefitchef che trovate  qui.

Porridge di carote viola e mirtilli

Porridge di carote viola e mirtilli

Porridge di carote viola e mirtilli
Serves 2
Ingredients
  1. 100 gr di fiocchi d'avena
  2. 200 ml di acqua
  3. una tazza di latte di latte
  4. 2 carote viola grattuggiate finemente
  5. una manciata di mirtilli (meglio se selvatici)
  6. 1 scoop di whey alla vaniglia
  7. vaniglia essenza o stecca
  8. un pizzico di sale (NON OMETTERE)
  9. un cucchiaino di mix di spezie per speculus o pumpkin pie
Per il topping
  1. qualche mirtillo
  2. qualche noce pecan
  3. polline o honeycomb
  4. sciroppo d'acero o miele
  5. burro di anacardi o di mandorle
  6. yogurt
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Mischiate tutti gli ingredienti del porridge eccetto il latte e le whey in un pentolino con fondo spesso e accendete a fuoco medio
  2. Cuocete per 10 minuti circa mescolando spesso ma non continuamente, se dovesse attaccarsi aggiungete un filo d'acqua.
  3. Mescolate le whey con qualche cucchiaio di latte scaldato per discioglierle bene,
  4. Quando ha raggiunto una consistenza piuttosto collosa e i mirtilli si sono sciolti aggiungete il latte rimasto e continuate a cuocere fino a ottenere la consistenza che desiderate, poi spegnete il fuoco.
  5. A fuoco spento aggiungete le whey e mescolate accuratamente.
  6. Completate con i topping!
Notes
  1. Se non vi interessa l'apporto proteico omettete le whey!
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Salva la ricetta su pinterest:

Purple high protein porridge

Purple high protein porridge

Coppe di crema senza zucchero all'arancia, fragole e cocco

Coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco [Healthy Easter]

Healthy Easter: finalmente il dolce, e che dolce! 

Fresche, bellissime e deliziose queste coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco sono golose e adatte a tutti perchè senza glutine e latticini


Coppe di crema senza zucchero all'arancia, fragole e cocco

Coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco

E alla fine arriva il dolce! Dopo gli hot cross bun alla carota, il dip di carciofi e i crackers di quinoa, e il piatto forte a base di costolette d’agnello e insalata di asparagi, arriva un dolce a mio parere sbalorditivo perchè buonissimo, bellissimo  pur essendo – udite udite – non solo senza zucchero, ma anche senza glutine e latticini! Giuro! Non è vegano perchè ci sono uova ma se qualcuno volesse cimentarsi in una versione senza uova mi faccia sapere! Queste bellissime coppe di crema senza zucchero sono formate da strati alternati di una sorta di pan di spagna fatto con farine alternative, curd all’arancia rossa con il solito ingrediente segreto e fragole fresche.

Coppe di crema senza zucchero all'arancia, fragole e cocco

Coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco

L’ingrediente segreto sono 20 gr di barbabietola, sembrano un dettaglio inutile ma vedete quel delizioso colore rosa della crema? Ecco non è assolutamente un filtro o colorante artificiale, è merito del mix tra arancia e barbabietola! E la notizia migliore è che… non si sente per niente! Il sapore terroso della barbabietola infatti sta nelle fibre che, dopo aver rilasciato colore e sostanze nutritive per infusione, sono state filtrate. Io lo trovo geniale. L’idea non è propriamente mia l’ho solo riadattata da questa ricetta (se non conoscete Dessert with Benefit andate subito a sgolosare perchè i suoi dolci super sani sono sempre una meraviglia, è un’ispirazione continua questa ragazza!) 

Coppe di crema senza zucchero all'arancia, fragole e cocco

Coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco

Per quanto riguarda il sostituto dello zucchero ho usato lo xilitolo nonostante nella ricetta originale sia presente l’eritritolo, il risultato è stato eccellente in ogni caso, il che mi fa pensare che probabilmente anche la stevia andrebbe bene, anche se non posso ovviamente garantirlo. Non amate i dolcificanti? Usate tranquillamente miele o sciroppo d’acero

Sì lo so, a Pasqua mangeremo tutti colombe fragranti e uova di cioccolato finissimo, chi lo vuole questo dolce sano? Però se progettate una cenetta tra amiche nelle prossime settimane di questo inizio primavera queste coppe di crema senza zucchero vi faranno fare una sporchissima figura con poco impegno e soprattutto senza nessuno sgarro da qualunque dieta! 

Coppe di crema senza zucchero all'arancia, fragole e cocco

Coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco

 

Coppe di crema all'arancia, fragole e cocco senza zucchero
Serves 2
Ingredients
  1. Per il curd all'arancia rossa
  2. 75 ml di succo d'arancia rossa o tarocca
  3. le zeste di un'arancia
  4. 20 gr di barbabietola CRUDA grattuggiata e strizzata dell'acqua in eccesso
  5. 30 gr di amido di mais
  6. 50 gr di xilitolo (o eritritolo)
  7. 125 gr di latte di cocco denso in lattina
  8. 125 gr di bevanda al latte di cocco (tipo Alpro)
  9. 1 tuorlo
  10. un pizzico di sale
  11. vaniglia
Per il "pan di spagna"
  1. 40 gr di farina di cocco
  2. 40 gr di farina di tapioca
  3. 30 gr di farina di grano saraceno
  4. 120 ml di latte di mandorle senza zucchero
  5. 3 uova + 50 ml di albume
  6. 1 cucchiaino di lievito
  7. vaniglia
  8. un pizzico di sale
Per assemblare
  1. fragole
  2. scaglie di cocco
  3. foglioline di menta
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Per il pan di spagna
  1. Preriscaldate il forno a 180°
  2. Mescolate gli ingredienti secchi in una ciotola, e in un'altra gli ingredienti umidi
  3. Uniteli mescolando accuratamente
  4. Foderate uno stampo quadrato preferibilmente (ma anche rotondo va bene) di carta da forno e spennellatela di olio di cocco
  5. Versate il composto nella teglia e cuocete per circa 20 minuti o comunque facendo la prova stecchino
  6. A fine cottura spennellate nuovamente di olio di cocco e fate colorire per altri 5 min
  7. Lasciate raffreddare il pan di spagna, una volta freddo sformatelo e tagliatelo a cubetti
  8. (Se volete cubetti più croccanti fateli passare sotto il grill per qualche minuto)
Per il curd
  1. Unite la barbabietola al succo e alle zeste d'arancia, fate scaldare a bagnomaria su fuoco medio
  2. Nel frattempo mischiate lo xilitolo con il sale e l'amido di mais
  3. A parte mescolate i due latti di cocco con la vaniglia e il tuorlo, poi versate sopra gli ingredienti secchi mescolando con una frusta senza sbattere ma in modo da non formare grumi
  4. Versate il composto nella ciotola con i succhi a bagnomaria e lasciate che si riscaldi mescolando di tanto in tanto
  5. Dopo qualche minuto passate il composto al colino per togliere le fibre della barbabietola e le zeste e ottenere un risultato poi vellutato
  6. Rimettete a bagnomaria e fate cuocere mescolando continuamente per diversi minuti, dopo un po' inizierà ad addensarsi man mano, quando ha raggiunto la consistenza desiderata spegnete mescolate ancora e trasferite in un vaso a chiusura ermetica
  7. Lasciate raffreddare e poi mettete in frigo
Assemblate
  1. In coppe o bicchierini alternate stradi di cubetti a fragole tagliate a pezzetti e cucchiaiate di crema, guarnite con cocco, fragole e menta, servite freddo
Notes
  1. Nella cottura del curd dovete avere pazienza, sembra che non inizi mai a solidificarsi ma dopo diversi minuti inizia ad addensarsi sulle pareti, mescolate ogni tot e aspettate!
  2. Potete preparare le coppe in anticipo anche già guarnite, si mantengono in frigo per diverse ore
  3. In alternativa potete preparare fino a due giorni prima crema e pandi spagna, anche se quest'ultimo perderà un po' di fragranza
  4. Con queste dosi otterrete un vasetto di crema e un sacco di cubetti di pan di spagna, potete farcirci due coppe grandi o tre piccoline ma vi avanzerà del pan di spagna
  5. In alternativa con doppa dose della crema potete ottenere con le stesse dosi di pan di spagna 4 o 5 coppe
  6. Per quanto riguarda il latte di cocco potete usare tranquillamente 250 gr di latte di cocco il lattina "light" (che vuol dire semplicemente con minor parte grassa, è il corrispettivo del latte parzialmente scremato vaccino per capirci), io non l'avevo e ho ovviato così
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
Salva la ricetta su pinterest

Coppe di crema senza zucchero all'arancia, fragole e cocco: senza latticini e senza zucchero #glutenfree #sugarfree #dairyfree #fragole #spring

Coppe di crema senza zucchero all’arancia, fragole e cocco: senza latticini e senza glutine

 

Torta ai mandarini

Torta ai mandarini senza glutine

Non sono una grandissima amante degli agrumi come frutti, non mangerei mai due arance per merenda per capirci, pena un’acidità di stomaco a livelli estremi, ma trovo siano estremamente versatili in cucina: il limone regala una svolta a qualsiesi salsa per la marinatura, il lime è quel tocco in più su un piatto in stile un po’ tex mex e la scorza d’arancia trasforma un’anonima torta. Per non parlare degli agrumi meno conosciuti, come i kumquat, che si sono rivelati un fantastico topping per il porridge arancia/cioccolato che ho postato su instagram qualche tempo fa (non mi seguite ancora? Ecco il mio profilo); o ancora il keffir lime che insieme al lemon grass è stata la migliore scoperta del mio recente viaggio in Indonesia. 

Torta ai mandarini senza glutine

Torta ai mandarini senza glutine

E i mandarini? L’avete mai provata voi una torta ai mandarini bolliti?  Io avevo letto qualcosa tempo fa ma poi mi ero completamente dimenticata di provare, ma dovevo rimediare, perchè insomma, è un’idea geniale! Ovviamente in questo caso è fondamentale che i mandarini non siano stati trattati con pesticidi, non è necessario che siano biologiche, purchè siano “puliti”, dal momento che andremo a mangiare il frutto intero senza sbucciarlo.

Torta ai mandarini senza glutine

Torta ai mandarini senza glutine

Questa torta ai mandarini senza glutine è anche priva di lattosio, non sono stati usati oli o burri, anche vista la già abbondante presenza di mandorle, e gli ingredienti sono pochissimi e tutti semplicissimi! E’ un po’ una fusione tra due ricette diverse in inglese, questa – da cui ho preso l’idea di bollire i mandarini e usare farina di mandorle – e quest’altra – da cui invece ho tratto ispirazione per la glassa e l’uso della farina per polenta, tanto cara alla tradizione nord italica. 

Torta ai mandarini senza glutine

Torta ai mandarini senza glutine

Penso si possa tranquillamente fare in versione arancia, con le medesime modalità! 

Torta ai mandarini senza glutine
Serves 8
Ingredients
  1. 3 o 4 mandarini senza conservanti e pesticidi
  2. 2 uova
  3. 120 gr di miele
  4. 150 gr di farina di mais integrale per polenta
  5. 120 gr di farina di mandorle o nocciole (per me un misto)
  6. 1 cucchiaino di acqua di rose alimentare (facoltativo)
  7. 1 cucchiaino di lievito per dolci
  8. 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
Per la glassa (facoltativa)
  1. miele cristallizzato
  2. succo di mandarino
  3. 1 cucchiaino di acqua di rose
  4. pistacchi e scorza di mandarino
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Preriscaldate il forno a 180°
  2. Portate a bollore un tegame pieno d'acqua, poi immergetevi i mandarini e fateli bollire per 15 min
  3. Scolateli lasciateli raffreddare quanto basta per maneggiarli, tagliatli in quattro e togliete eventuali semi, poi metteteli in un mixer e tritateli con ancora la buccia fino a ottenere una purea uniforme
  4. In una ciotola capiente iniziate a montare le uova aggiungendo il miele a filo, continuate a montare per una decina di minuti fino ad avere un composto spumoso
  5. Aggiungete 300 gr di purea di mandarino, poi le farine a cucchiaiate mescolando con una spatola dal basso all'alto tra una cucchiaiata e l'altra, cercando di smontare il meno possibile.
  6. Aggiungete l'acqua di rose, il lievito e il bicarbonato
  7. Versate l'impasto in uno stampo in silicone da 20 cm (oppure in una teglia tonda ricoperta di carta da forno bagnata e strizzata) e infornate per circa 40/50 min (fate la prova stecchino)
  8. Sfornate la torta e lasciatela raffreddare prima di capovolgere lo stampo e staccarlo
  9. Preparate la glassa unendo gli ingredienti e fatela colare sulla torta raffreddata
Notes
  1. Penso venga benissimo anche con l'arancia, stesso procedimento
  2. L'acqua di rose è opzionale, se la usate non abusatene altrimenti la vostra torta saprà di... profumo!
  3. Non riducete il miele, serve a dare consistenza alla torta
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
La prossima foto, usata anche su instagram, è ispirata dallo stile delle foto della meravigliosa Monique di Miel e Ricotta, se siete appassionati di food photography DOVETE seguirla assolutamente (anche qui)

Torta ai mandarini senza glutine

Torta ai mandarini senza glutine

MANGIOquindiSONO

Il Green Smoothie Perfetto

Il green smoothie perfetto!

La ricetta perfetta per un green smoothie che è veramente buono, senza compromessi


Dunque, a me mangiare sano generalmente piace. Nel senso che avocado, burro di mandorle, mango e pesce alla griglia e cavoletti di Bruxelles mi piacciono davvero, e non perchè vanno di moda, sono cibi realmente di cui sono golosa.. Però ecco pollo, albume e yogurt greco li mangio perchè sono versatili, ricchi di proteine e poveri di grassi…  non perchè mi piacciono. Invece cose come la barbabietola e la curcuma proprio non riesco a farmele piacere! Per quanto possano essere veramente ricche di sostanze benefiche per il mio corpo non riesco a passare sopra il fatto che… odio il loro sapore! Questo per dire che nella vita si fanno compromessi, si mangiano cose che magari non ci entusiasmano perchè sappiamo che ci fanno venire una pelle meravigliosa o aiutano il nostro fegato, e a volte invece ci mangiamo i calamari fritti anche se poi ci vengono i bruciori di stomaco perchè ehi i calamari fritti sono deliziosi! 

Il green smoothie perfetto

Ecco, invece questo green smoothie è… perfetto! Nessun compromesso: il top in fatto di micronutrienti e salubrità, con un sapore che io vi giuro, ha sorpreso me per prima! Bilanciato, fresco, dolce ma non eccessivo! Top! Sono sicura che tutte noi prima o poi abbiamo assaggiato un green smoothie attratte dalle mirabolanti promesse di pelle luminosa e energie rinnovate, ma sono altrettanto sicura che metà delle volte abbiamo finito quello smoothie per coscienza (e perchè magari era costato 5 dollari aehm) e non per il sapore. Diciamo che l’abbiamo bevuto nonostante il sapore! Niente a che vedere con questo mio green smoothie, a patto di non esagerare con spinaci e matcha, il sapore vi sorprenderà! 

Potete usare un mix di frutta congelata e fresca in base alla vostra disponibilità, cambierà leggermente la consistenza ma sarà comunque buono, chiaramente più frutta congelata usate più verrà denso! 

PS Questa ricetta è dedicata specialmente a Marianna delle Sisters in Action, che me l’ha chiesta almeno tre volte e io almeno tre volte le ho detto che l’avrei messa per bene sul blog ma continuavo a dimenticarmene (o non trovavo il mango, o l’ananas era andata a male etc etc) 

Il green smoothie perfetto!

Il green smoothie perfetto!

Il Green Smoothie perfetto!
Serves 2
Ingredients
  1. 150 gr di mango congelato o non
  2. 150 gr di ananas congelato o non
  3. 100 gr di banana congelata o non
  4. 25 gr di cocco fresco
  5. una manciata di spinacini freschi
  6. 1 cucchiaio di tè matcha
  7. Eventuale latte vegetale
  8. (polline e chips di cocco per decorare, facoltativi)
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Mettete tutti gli ingredienti nel mixer e frullate!
  2. Aggiungete eventuale latte vegetale se lo desiderate più liquido
Notes
  1. Il tag veg si riferisce alla versione senza il polline per decorare, chiaramente
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIOquindiSONO

Due idee per parfait a colazione!

Due idee per parfait a colazione!

Qualche idea per creare dei parfait ideali per una  colazione  colorata e alternativa


Devo fare outing: adoro le cose a strati.  Lasagne? Io sono in prima fila. Millefoglie e tiramisù? Contate su di me!  Sformati? La mia passione. E i parfait non fanno eccezione. Cosa sono i parfait? Il termine di origine francese indica molto semplicemente un dessert a base di mousse, spuma o semifreddo, insomma un dolce al cucchiaio leggero, da gustare fresco. Così come lo intendo io qui invece (e così come lo intende instagram come hashtag!) i parfait sono delle coppe o bicchieri in cui vengono disposti a strati e a vista dei composti a base di yogurt, frutta, chia, granola e altre delizie dolci da colazione.  

Due idee per parfait a colazione!

Due idee per parfait a colazione!


In questo senso i parfait non richiedono vere e proprie ricette bensì accostamento di sapori e colori diverse, magari anche consistenze, il tutto coronato da un topping interessante che rende la colazione completa. Per questo non ho mai pubblicato ricette al riguardo, ma ho pensato che sarebbe stato interessante lanciare qualche idea, super adattabile e scambiabile! 

Due idee per parfait a colazione!

Due idee per parfait a colazione!

Cosa possiamo mettere nei nostri parfait? Ecco qualche idea

  • smoothie: di mango, o kiwi o frutti rossi, o anche nanaicecream magari nella bella stagione!
  • frutta intera o a fettine: a scopo decorativo tra gli strati o come topping
  • yogurt: greco o non, di soia, di mandorla, con vaniglia, caffè, cacao o ogni altra aggiunta di cui avete voglia
  • chia pudding: preparati a base di latte (anche veg) lasciati riposare con adeguata dose di semi di chia per ottenere un composto semiliquido. Attenzione! Vanno aromatizzati perchè di per sè la chia sa di… niente!
  • topping vari: polline, frutta secca, nibs di cioccolato, cacao, chips di cocco
  • elementi solidi: come cereali soffiati (amaranto, avena, farro etc) o granola direttamente! 
  • porridge: ai vari gusti fatto precedentemente raffreddare per non rovinare gli altri strati
Due idee per parfait a colazione!

Due idee per parfait a colazione!

Un ingrediente particolare che ho usato in queste mie due proposte di parfait sono le arctic berries powders. Si tratta di polveri costituite essenzialmente da frutti rossi selvatici provenienti dalla scandinavia essiccati e tritati, li potete acquistare su Arctic Berries Powder, spediscono anche in Italia in maniera efficiente e veloce (tenete conto comunque due settimane perchè l’azienda confeziona in UK) e io ho utilizzato una promo per avere la spedizione gratuita. Consiglio il loro set di prova comprendente i 4 tipi di berries di base.   Sono raw, paleo, gluten free, vegan e dairy free chiaramente; altrettanto chiaramente NON sono biologici perchè sono selvatici dunque impossibili da certificare. Perchè acquistarli? Ovviamente perchè sono bellissime! A parte questo (particolare essenziale) io li ho comprati perchè negli smoothie o nei porridge o pancake mi piace aggiungere frutti rossi, purtroppo attualmente sono fuori stagione e in ogni caso anche in stagione trovare (a un prezzo ragionevole) la versione selvatica è piuttosto difficile, senza contare che il mirtillo rosso è pressochè inesistente in Italia, quindi lo trovo un ottimo modo per avere un “burst” di antiossidanti, colore e sapore, a un ottimo rapporto qualità prezzo

DISCLAIMER: i prodotti descritti sono stati da me acquistati, non ho ricevuto alcun compenso per questo articolo e quanto descritto rappresenta unicamente la mia opinione personale. 

Due idee per parfait a colazione!

Due idee per parfait a colazione!

Ed ecco le mie proposte di parfait! 

Parfait di porridge alla zucca e tè matcha
Serves 1
Ingredients
  1. 100 gr di mirtilli surgelati
  2. 20/40 gr di fiocchi d'avena integrali
  3. 50/120 gr di zucca già pulita e cotta al vapore
  4. 50/120 ml di latte di mandorla non zuccherato
  5. mix di pumpkin spice
  6. 5/20 gr di whey alla vaniglia o neutre
  7. 50/120 gr di yogurt bianco non zuccherato sky o greco
  8. un cucchiaino di tè matcha
  9. dolcificante a piacere (miele, zucchero, stevia, tic etc)
  10. un cucchiaino di polline
  11. succo di limone
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Primo strato
  1. Oreparate la composta di mirtilli facendo bollire i mirtilli in un cucchiaio di succo di limone e un goccio d'acqua finchè non raggiungono una consistenza simile alla marmellata morbida
Secondo strato
  1. Fate cuocere i fiocchi di avena in un pentolino con acqua a sufficienza da coprirli e un pizzico di sale, mantenete a fuoco medio fino a che l'acqua non si sia completamente assorbita e i fiocchi siano cotti
  2. Frullate la zucca con il latte di mandorle, le spezie e il dolcificante scelto, aggiungete le whey e mescolate per eliminare i grumi
  3. A fine cottura aggiungete la miscela di latte zucca e proteine e proseguite la cottura fino ad avere ottenuto la consistenza desiderata, simil cremosa.
Terzo strato
  1. Mescolate lo yogurt con il tè matcha eventualmente aggiungendo il dolcificante scelto, come d'abitudine
  2. Assemblare
  3. Aggiungete i vari composti in sequenza e completate con una spolverata di polline
Notes
  1. Per rendere il parfait gluten free: sostituite i fiocchi d'avena con fiocchi di grano saraceno o di riso.
  2. Per rendere il parfait vegan o dairy free: sostituite lo yogurt con yogurt di mandorla o di cocco.
  3. Le preoteine nel porridge sono omettibili.
  4. Il latte di mandorla può essere sostituito con latte di mucca, o di nocciola, o di soia o di cocco.
  5. Il mix di pumpking spice è composto in parti variabili da: cannella, chiodi di garofano, zenzero essiccato, noce moscata e pimento.
  6. Come avrete notato le quantità sono "variabili" perchè sta a voi adattarle in base alle vostre esigenze, potete spaziare senza problema tra le quanità indicate e il parfait verrà comunque bene!
  7. I valori nutrizionali sotto si riferiscono a 25 gr di avena, 100 gr di zucca, 70 gr di latte, 10 gr di whey e 70 gr di yogurt 0%.
Calories
267 cal
Fat
4 g
Protein
24 g
Carbs
32 g
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
cdscdsc

Parfait "viola"
Serves 1
Ingredients
  1. 20/40 gr di fiocchi d'avena
  2. 50/100 ml di latte di mandorla non zuccherato
  3. 5/20 gr di whey alla vaniglia o neutre
  4. 100 ml di latte parzialmente scremato
  5. 10 gr di semi di chia
  6. 1 cucchiaino di Arctic Berries Powder al Mirtillo
  7. 1 cucchiaino di Arctic Berries Powder al Mirtillo rosso
  8. semi di una bacca di vaniglia
  9. 50/100 gr di yogurt bianco greco o skyr
  10. dolcificante a piacere (miele, zucchero, stevia, tic etc)
  11. nocciole tritate
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Primo strato
  1. Fate cuocere i fiocchi di avena in un pentolino con acqua a sufficienza da coprirli e un pizzico di sale, mantenete a fuoco medio fino a che l'acqua non si sia completamente assorbita e i fiocchi siano cotti
  2. Mescolate il latte con le arctic berries al mirtillo, eventuale dolcificante e le whey.
  3. A fine cottura aggiungete la miscela di latte e proteine e proseguite la cottura fino ad avere ottenuto la consistenza desiderata, simil cremosa.
Secondo strato
  1. Mescolate lo yogurt con i semi di un baccello di vaniglia e dolcificate a piacere
Terzo strato (da fare la notte prima)
  1. Mescolate la chia con il latte scremato e le arctic berries al mirtillo rosso, eventuale dolcificante e lasciate riposare per tutta la notte in frigo in un contenitore ermetico
Assemblate
  1. Aggiungete come topping nocciole tritate o chips di cocco
Notes
  1. Le whey sono omettibili
  2. Per rendere vegan il tutto usate latte di mandorle anche per il chia pudding e usare yogurt di cocco al posto di quello normale
  3. Come sempre le quantità sono adattabili alle vostre necessità, i valori nutrizionali sotto si riferiscono a 25 gr di fiocchi d'avena, 100 ml di latte, 10 gr di whey, 70 gr di yogurt
Calories
306 cal
Fat
7 g
Protein
26 g
Carbs
28 g
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/
 Volete altre idee? Cercate l’hashtag su instagram e vi si aprirà un mondo!

MANGIO.quindi.SONO

Torta di fichi senza zucchero

Torta di fichi senza zucchero (quasi)

Un’idea per colazione, il dolce non dolce.

La torta di fichi senza zucchero (o quasi!), con farina di grano saraceno e mandorle!


Torta di fichi senza zucchero (quasi)

Torta di fichi senza zucchero (quasi)

Riguardo la questione della stagionalità io sono sempre molto confusa. Se si guardano le tabelle su internet al riguardo la confusione aumenta notevolmente perchè ognuno ha la sua da dire, e se è vero che le fragole a gennaio sicuramente no, è anche vero che su altri ortaggi la stagionalità è un po’ più controversa. Anche perchè come dico sempre ha senso pretendere che nella pianura padana troviamo a aprile gli stessi ortaggi che sono di stagione in Sicilia? Chiaramente no.  Altra cosa che influisce un sacco sulla stagionalità è l’annata in corso: quest’anno ad esempio al nord ha piovuto moltissimo fino a tardo maggio con conseguente rovinarsi di molti raccolti e slittare in avanti di alcune colture. E li hai voglia a dire che a fine maggio sono di stagione le ciliegie, se il contatino ti dice che non sono pronte, non sono pronte. 

Cioè nella mia testa ho bene in mente che gli asparagi sono in primavera, le angurie in estate e i funghi in autunno. Ma. Perchè c’è sempre un ma, lo sapevate che esistono ortaggi e frutti con due stagionalità, come il cavolfiore, che è tipicamente invernale ma esiste in variante primaverile? Ecco io no.  

Stessa cosa per i fichi. Perchè nella casa in montagna della mia infanzia c’era tra gli altri un albero di fichi e io ricordo distintamente che li mangiavamo in settembre (o forse tardo agosto). Quindi per me banalmente fichi = autunno. Stop, finita li.  E ecco a me i fichi piacciono parecchio, tipo mozzarella di bufala, prosciutto crudo, fico e aceto balsamico? Top antipasto per cene tra amici. Quindi io ci provo sempre, lo cerco sempre anche se magari è un po’ presto, tipo siamo a metà agosto. Immaginate la mia sorpresa quando mi sento rispondere che eh sarebbe un po’ tardi per i fichi! Ma come?? Tardi? Ma se ci sono 40 gradi? Ebbene sì tardi. Perchè, come mi sono fatta spiegare, esistono i fichi ed esistono i fioroni, che sono i frutti dello stesso albero (mi pare di aver capito) ma a stagionalità diversa, i fichi sono più scuri, zuccherini e sciroppati e maturano in autunno, mentre invece i fioroni sono più idratati, meno concentrati diciamo, e maturano in questo periodo, tra fine giugno e inizio luglio.  La natura è saggia e a stagione con clima diverso corrisponde frutto con proprietà sensate in quel senso. 

Torta di fichi senza zucchero

Torta di fichi senza zucchero

Tutto ciò per dirvi che questa magnifica torta di fichi senza zucchero l’ho provata sia con i fichi autunnali sia con i fioroni e viene decisamente meglio con quelli autunnali (perchè appunto più dolci) ma non è male nemmeno con i fichi di adesso, e poi comunque noi ci portiamo avanti con la stagione e la pubblichiamo, che poi ci penso io a ricordarvi la ricetta a tempo debito. 

La cosa uber fantastica dei fichi è che con la loro dolcezza e il loro sapore caramelloso, sono perfetti per dolcificare gli impasti, quindi l’idea di usarli in una torta di fichi senza zucchero, dal profumo classico ma dagli ingredienti “nuovi”, perfetta per la colazione, ce l’avevo già da un po’. L’avevo provata anche quest’autunno, ma non avevo fotografato il processo, ecco perchè so già che viene meglio con i fichi autunnali!

Come vedete le farine scelte sono farine un po’ alternative, non a caso, il grano saraceno da’ quel quid di croccantezza in più, mentre le mandorle con la loro dolcezza contribuisce a creare il sapore di questa torta di fichi senza zucchero. O quasi. Il quasi è d’obbligo per la presenza di quei 35 gr di miele, necessari per far montare adeguatamente le uova. Non sono sicura si possano omettere, magari trovando un adeguato sostituto, se provate fatemi sapere come viene! 

Potete mixare abbastanza le farine che preferite, e tentare varianti diverse, magari omettendo le whey se non le avete, o aumentando la farina di mandorle! 

Fatela provare ai vostri bimbi, secondo me è una torta adattissima alla colazione o alla merenda!


GALLERY

Torta di fichi senza zucchero (quasi)
Serves 9
Ingredienti secchi
  1. 55 gr di farina di grano saraceno
  2. 55 gr di farina d'avena integrale
  3. 75 gr di farina di mandorle
  4. 60 gr di whey alla vaniglia o neutre
  5. 1 pizzico di sale
  6. mezzo cucchiaino di lievito
  7. mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio
Ingredienti Umidi
  1. 3 uova
  2. 150 gr di yogurt greco 0%
  3. 150 gr di applesauce
  4. 35 gr di miele
  5. succo e scorza di 1 limone
  6. un cucchiaio di brandy o rum
  7. essenza di vaniglia
  8. 10 fichi
  9. lamelle di mandorle per decorare
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Accendere il forno a 180°
  2. Montare le uova con il miele a lungo no ad ottenere un composto arioso e montato, quasi a nastro, spumoso, come per il pan di spagna
  3. Unire gli ingredienti secchi e mescolare
  4. Unire i rimanenti ingredienti umidi e mescolare
  5. Unire gli ingredienti secchi a quelli umidi e mescolare
  6. Unire le uova montate con delicatezza per non smontale
  7. Aggiungere i fichi tagliati a pezzi lasciandone qualcuno per la copertura
  8. Versate l'impasto in una tortiera con carta da forno, decorate con fichi a fette e mandorle a lamelle
  9. Infornate per 35/40 min
  10. Lasciate raffreddare e gustate!
Notes
  1. Se usate farina di mandorle GF può essere considerato un dolce gluten free
  2. Viene sia con i fioroni estivi che con i fichi autunnali, ma con questi ultimi viene meglio Potete omettere le whey e sostituirle con un mix delle altre farine
  3. Il miele non può essere omesso perchè serve a far montare adeguatamente le uova
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIO.quindi.SONO
 

Cheesecake light alle pesche

Cheesecake light alle pesche

Un classico dolce americano in versione alleggerita

Cheesecake light alle pesche con una crosta super sana e un ripieno leggero


 

Cheesecake light alle pesche

Cheesecake light alle pesche

Devo dire che il cheesecake (o la cheesecake a seconda della versione dei fatti) non è il mio dolce preferito. In realtà io adoro il gelato e i dolci al cucchiaio, ma il gusto acido e salatino nei dolci non mi ispira granchè (a parte il caramello salato aehm, ma è tutta un’altra storia); ho assaggiato la versione pseudo originale una volta, o almeno la spacciavano per tale ma onestamente non mi pareva che il gusto giustificasse le calorie ingerite.  Però cavoli, un dolce fatto di una crema soffice, fresca, abbinata alla frutta… in versione sana? Sicuramente si può fare! Challenge accepted: cheesecake light is coming! 

L’ho preparato per la prima volta l’anno scorso da offrire a una cena estiva ad alcuni amici, in versione solo pseudo sana perchè la base era fatta con i grancereale e burro (no, i digestive non figurano come ingredienti possibili per me, nemmeno quando cucino un pasto cheat). Ero un po’ perplessa sulla riuscita,  ma alla fine è venuto meraviglioso, io l’ho solo assaggiato perchè non prevedevo di mangiare dolci quella sera e devo dire che il risultato è stato sorprendente. Pure il mio compango, che detesta a morte i formaggi e la parola cheese accanto a cake la bannerebbe, ha apprezzato la forchettata offerta tanto da rimpiangere di non poterne mangiare di più.

Cheesecake light alle pesche

Cheesecake light alle pesche

Gli avevo quindi promesso una versione completamente sana del cheesecake light alle pesche che però ha dovuto aspettare fino ad oggi.  Devo dire che globalmente questa è una ricetta molto facile e che, cosa piuttosto rara, mi piace più nella versione light e sana che nell’originale!

E’ una ricetta molto facile e soprattutto molto basica, potete sicuramente personalizzare la farcia o cambiare topping con altra frutta! 

Cheesecake light alle pesche

Cheesecake light alle pesche

Riguardo al fatto che si tratti di una “cheesecake light” bisogna fare delle precisazioni: l’alleggerimento consta soprattutto nella scelta degli ingredienti del ripieno, dove panna e cream cheese vengono sostituiti da yogurt greco e ricotta, mentre la crosta fatta di mandorle, avena, datteri e  burro di cocco, acquista senza ombra di dubbio salubrità  (burro e digestive sono una combinazione micidiale di zuccheri, grassi di pessima qualità e farina bianca) ma non permette di tagliare eccessivamente le calorie. Dunque prendetela per quello che è questa cheesecake light, una versione alleggerita di un dolce molto pesante e (insospettabilmente) calorico, ma pur sempre un dolce del quale dunque non abusare per quantità e frequenza.

A titolo puramente informativo e approssimando molto ho calcolato che una porzione di questa cheesecake si aggira sulle 250/280kcal, mentre una fetta di uguali porzioni di una cheesecake  normale sulle 350/400 kcal, mica male no? 

Se invece volete una ricetta ancora più fit, più proteica, più leggera, e con lo xilitolo al posto del miele vi consiglio questa ricetta di lefitchef


GALLERY

Cheesecake light alle pesche
Per La Crosta
  1. 120 gr di occhi d'avena
  2. 70 gr di mandorle
  3. 5 datteri di medjoul
  4. 55 ml di olio di cocco
  5. 2 cucchiaini di semi di chia
Per La Farcia
  1. 400 gr di ricotta vaccina di qualità
  2. 400 gr di yogurt greco
  3. 80 ml di sciroppo d'acero o miele
  4. 4 uova
  5. un baccello di vaniglia
  6. due cucchiaini di fecola di patate scorza di limone
Per Il Topping
  1. 10 gr di gelatina in fogli
  2. 5 pesche gialle mature succo di limone
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Per La Crosta
  2. Accendete il forno a 180°
  3. Frullate insieme il occhi d'avena, le mandorle, i datteri di medjoul denocciolati e l'olio di cocco, no ad ottenere un impasto granuloso
  4. Compattate il composto sul fondo di una teglia da torte con cerniera con il fondo foderato di carta da forno e pressatelo bene con il dorso di un cucchiaio
  5. Lasciate indurire in frigo per 30 min
  6. Infornate per 15 minuti poi lasciate raffreddare
Per La Farcia
  1. Accendete il forno a 160°
  2. Montate le uova con una frusta elettrica, aggiungendo man mano il miele a filo fino a che non saranno spumose (tenete conto che nonotterrete mai la stessa consistenza con il miele al posto dello zucchero!)
  3. A parte mescolate bene la ricotta con lo yogurt greco, la vaniglia e la scorza di limone
  4. Unite i due composti e montate con una frusta o una planetaria no ad ottenere un composto leggero e uniforme
  5. Aggiungete poi la fecola setacciate e mescolate
  6. Versate la farcia sopra la base e infornate per 45 min
  7. Aumentate a 180° per 5/10 minuti per brunire la super cie
  8. Spegnete e lasciate riposare nel forno chiuso per 40 minuti
  9. Sfornate il cheesecake e lasciatelo rafrfeddare completamente, poi mettete in frigo per almeno 5 ore
Per Il Topping
  1. Frullate 4 pesche, aggiungete qualche goccia di succo di limone passate al setaccio la salsa ottenuta, misuratene 500 ml e metteteli sul fuoco
  2. Portate a bollore e lasciate sobbollire per qualche minuto no a far sprigionare odore di pesca caramellata
  3. Nel frattempo ammollate in acqua fredda la gelatina (per le proporzioni seguite comunque le istruzioni sul retro della vostra gelatina), stemperatela in poca salsa di pesche e poi unitela al resto
  4. Lasciate raffreddare leggermente e poi versate il topping sul cheesecake
  5. Lasciate solidi care per una ventina di minuti poi decorate con qualche fettina di pesche e tenete in frigo per almeno 3 ore prima di servire
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIO.quindi.SONO

Sorbetto al cocco e ciliegie

Sorbetto al cocco e ciliegie [vegan]

Guida pratica per sopravvivere d’estate: il Gelato (pt3)

Sorbetto al cocco e ciliegie, 50% sorbetto 50% gelato variegato, 100% libidinoso


Sorbetto al cocco e ciliegie

Sorbetto al cocco e ciliegie

In pratica mi piace vincere facile: sorbetto. Ciliegie. Cocco. Amen. 

Pensavate che mi fossi dimenticata della guida pratica per sopravvivere d’estate vero? E invece no! Oggi parliamo della frutta estiva che, diciamocelo, è praticamente l’unica che sia degna di nota. Cioè intendiamoci, mangio pere, mele, kiwi e arance, ma davvero, c’è qualcuno che pensa che la gioia di una bacinella piena di ciliegie mature e rosse, succose pesche bianche e dolci albicocche sia anche solo lontanamente paragonabile a una mela? Parliamone. 

Tra tutti i frutti le ciliegie sono in assoluto le mia preferite (oddio forse a parimerito con mirtilli e altri frutti di bosco, temo) dunque raramente faccio dolci o ricette con le ciliegie perché la loro stagione è così breve (e il prezzo non indifferente) che quando ne compro mezzo chilo o un chilo ce lo facciamo fuori nel giro di un lasso di tempo estremamente esiguo – penso anzi si possa legittimamente parlare di minuti non a caso si dice che una tira l’altra! 

Però questa ricetta era in cantiere dall’anno scorso, solo che prima non avevo il latte di cocco, poi le ciliegie erano finite, insomma è passata la stagione in un lampo! Stavolta dunque mi sono imposta e ho messo un veto sul pacchettino di ciliegie: NON MANGIARE! E sorbetto al cocco e ciliegie è stato!

Sorbetto al cocco e ciliegie

Sorbetto al cocco e ciliegie

Per quanto riguarda la reperibilità del latte di cocco, lo trovate nei negozi etnici, in quelli bio tipo NaturaSì ma ormai anche nei supermercati più forniti nel reparto etnico. Ce ne sono diverse varianti, light, non light, per dolci, per cucina salata…  E tra l’altro sto ancora cercando di capire la differenza tra “coconut milk” e “coconut cream” avendo più o meno inteso che la cream è la parte solida che galleggia, più densa e grassa, e il milk è la parte acquosa sottostante. Ma non sono convinta. Non sono nemmeno sicura della differenza tra le varie possibilità in vendita, in alcuni barattoli, una volta aperti, non si crea questa differenza di strati, non sono sicura del perché. In ogni caso sceglietela così: non light, senza sale, senza zucchero, senza TROPPE schifezze dentro (vedi oltre), tipo questa per capirci o questa.

Riguardo le schifezze, se la trovate con gomma di guar e/o xantano, sappiate che non sono “schifezze” ma stabilizzanti e addensanti, totalmente innocui e anzi utili allo scopo! Aiuteranno il vostro sorbetto al cocco e ciliegie nella consistenza quindi vanno benissimo! Se invece il vostro latte di cocco ne è privo (cioè è solo cocco + acqua) potete decidere se aggiungerne voi o meno.

Dal momento che il latte di cocco è molto ricco in grassi, anche questo NON è un sorbetto ipocalorico,  è però vegano e low sugar oltre che gluten free (se trovate un latte di cocco certificato GF), adatto a intolleranti a uova e latticini! Su internet sono tantissime le ricette vegan e raw di gelato con il latte di cocco, ma ero sempre stata inibita dalla quantità di grassi, diciamo non irrilevante, che fanno salire ovviamente di pari passo la densità energetica della preparazione. Per questo ho pensato di provare a usare metà latte di cocco e metà latte di riso al cocco, per mantenere il sapore, “diluendo” un po’ i grassi. La scelta è caduta sul latte di riso in virtù della sua consistenza leggermente amidacea (passatemi il termine) che speravo aiutasse la texture del sorbetto. 

ATTENZIONE: l’ho chiamato sorbetto perchè non viene cremoso, c’è troppa acqua e troppi pochi grassi e zuccheri perchè possa essere cremoso! Per questo va consumato subito dopo un breve riposo in freezer (oppure rifrullato successivamente, perdendo però la variegatura). Se lo preferite cremoso dovrete usare magari tre lattine di latte di cocco, di cui preleverete solo la parte solida, senza latte di riso al cocco. Chiaramente i macro si adegueranno di conseguenza. 

Curiosi di vedere Il Gelato pt1 e pt2? Li trovate rispettivamente qui e qui


GALLERY

 

Sorbetto Al Cocco E Ciliegie
Serves 3
Ingredients
  1. 1 lattina di latte di cocco al naturale (non light) 250 ml di latte di riso al cocco
  2. 40 gr di cocco rapè
  3. 2 cucchiai di sciroppo d'acero
  4. mezzo chilo di ciliegie mature succo di lime
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Denocciolate le ciliegie, congelatene un terzo e mettete le rimanenti in un pentolino insieme a qualche goccia di succo di limone e un paio di cucchiai d'acqua.
  2. Portate a bollore e continuate a media cottura per qualche minuto no a ottenere una sorta di sciroppo, spegnete e lasciate raffreddare.
  3. Mescolate il latte di cocco con il latte di riso e lo sciroppo d'acero
  4. Versate la miscela di cocco in una gelatiera e azionatela per 25 minuti circa
  5. Tostate in padella antiaderente il cocco rapè per qualche minuto
  6. Quando si è quasi solidi cato il sorpetto aggiungete le ciliegie congelate e il cocco rapè lasciandone qualche cucchiaio da parte.
  7. Foderate uno stampo da plumcake con carta da forno e versatevi metà della miscela congelata
  8. Versate qualche cucchiaio di composta di ciliegie, e utilizzando un coltello create qualche ghirigoro per marmorizzare il sorbetto
  9. Versate il rimanente sorbetto e nite con altra composta
  10. Mettete in freezer per un'ora scarsa
  11. Utilizzando l'apposito attrezzo prelevate qualche pallina di sorbetto e servite con cocco rapè come decorazione
Notes
  1. Il sorbetto è appunto un sorbetto, quindi si congela senza rimanere cremoso se lasciato in freezer, se lo preferite in versione cremosa usate solo la parte solida di tre lattine di latte di cocco al posto di una intera e il latte di riso.
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIOquindiSONO