ISCRIVITI E SEGUIMI!

Instagram

  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Questa foto inutile per dire che… è online! Parlo del mega post (è lunghissimo!!! 😱) che è uscito oggi sul blog, la guida definitiva su come scegliere e dove comprare i vostri props per la food photography e i famosi fondali di cui tutti mi chiedete! Un post in italiano per italiani, quindi negozi (online o fisici) italiani o EU based, per evitare spese di spedizione folli, con i link e i miei consigli per gli acquisti, dedicati anche e soprattutto ai principianti.  Con anche un elenco di altri account da seguire per avere più info su tema props & styling. Mi è costato anni di vita, ve lo dico, soprattutto perché in fondo in fondo in fondo al post trovate da SCARICARE GRATIS il pdf con il riassuntone e i link da salvare! Andate SUBITO nel link in bio a leggere se siete interessati, e se avete altri suggerimenti scrivetemeli qua sotto o in dm che li aggiungiamo!  In collaborazione con il gruppo degli allievi di @moniquedanna_ph 🇺🇸 This white photo, because of today’s theme of #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation , but also because I wrote on the blog a food props and backdrops guide for italian food photographers and stylist! Featuring also some useful account to follow, but - sorry people - only in Italian💔(You, english or american people, already have a lot of useful posts to read  about that on lots of blogs!)
•
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodtographyschool #foodstyling #italianfoodblogger #foodfotography #igersitalia #foodbloggeritaliani #fooditaly #still_life_gallery #props #foodphotographybackdrops #propstore #consiglipergliacquisti #vscofood #thehub_food #f52grams #foodblogfeed #flatlaytoday #backdrop #ceramics
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Cosa faccio quando ho caldo, poco tempo, poca voglia, poca forza e devo fare colazione o spuntino ricco di proteine? Un frullato proteico. Sì ma niente a che vedere con quei beveroni che sanno di morte. Questa è la mia ricetta segreta (beh mica tanto segreta, alla fine è banalissima) per un frullato proteico buonissimo, saziante e veloce, che ti risolve la colazione quando ci sono 40 gradi all’ombra. 5 ingredienti in dosi variabili a seconda delle esigenze, io vi metto quelle che uso di solito ma potete variarle: 15gr whey (alla vaniglia), 120 frutti di bosco congelati, 2 cucchiaiate di yogurt, latte (anche veg) e una punta di  cucchiaino di xantano.  Mettete i primi tre ingredienti nel frullatore e frullate, aggiungete latte e xantano e frullate ancora per almeno un minuto per avere la consistenza densa e “gelatosa”. Gustate subito! 🇺🇸 Ok this smoothie is my summer secret weapon. You know when you’re so  tired, flushed, hungry, and it’s so hot you can’t think? Well, usually you eat ice cream in that situation I know, but if you are on  a low cal diet and you have to make a high protein easy breakfast or snack, this is for you friend. Just 5 ingredients (dose for me, but you can make some changes if you need): 15 gr of vanilla whey powder, 120 gr of frozen mixed berries, 2 tbs yogurt, a splash of milk and 1/2 tsp xanthan gum. Add first 3 ingredients to the mixer and blend, then add milk and xanthan and blend again for about 1 min untile it get frothy and thick! Enjoy immediately! And also this is my entry for “pink” #eatcaptureshare challenge  by @thelittleplantation (btw pink always makes me struggle!) #mangioquindisono #eatprettythings #eatcolorful #foodtographyschool #eatyourfruit #summeriscoming #myseasonaltable #healthysnack #proteinshake #highprotein #lowcal #fitfam #IFPgallery #foodfluffer #IIFYM #eatcleanrecipes  #foodtographyschool  #naturallight #summerbreakfast #howissummer #thekitchn #thehub_food #hautecuisines #girlswholift
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Stanca distrutta e sfatta da questa eterna giornata. Per via dei miei malesseri di settimana scorsa ho saltato qualche giorno palestra e dopo il ramping in squat (3x90 kg) stamattina facevo fatica non solo a scendere le scale, a sedermi, a chinarmi, ma anche solo a camminare in piano. Ma sono solo io o quando si hanno così tanti doms sembra tutto più faticoso? Essere tornata in palestra stamattina non ha aiutato. Sapete cosa potrebbe tirarmi su di morale? Questo piatto che vedete in foto, una bella porzione di pasta al forno vegetariana agli asparagi in versione super leggera, ma arricchita di fave, basilico e burrata affumicata… fenomenale! E per niente pesante! Purtroppo è solo un vago ricordo di quando l’ho fotografata. Chi me ne fa apparire un piatto qui ora? La ricetta per prepararmela è nel link in bio 😛
🇺🇸 I’m sooo freaking tired today.  I’ve skipped some workout last week due to my stomach illness and yesterday I did squat ramping (3x90 kg) —> today I can’t even walk because of doms. And let me be honest, life it’s incredibly harder when your butt and legs scream. Anyway I’m sure a plate of these asparagus vegetarian baked pasta would have made my day better, unfortunately this pic is from a few weeks ago :( And now I’m craving pasta bake.  Obv my green entry for #eatcaptureshare by @thelittleplantation
#mangioquindisono #mangiosano #pastabake #springcooking #myseasonaltable #asparagusseason #italiansdoitbetter #eatyourgreens #celebratehealthier #IFPgallery #thebakedfeed #goopmake #foodfluffer #naturallight #infoodwetrust #eatcleanrecipes #rincorrerelabellezza #imsomartha #eatyourcolors #appetitejournal #foodtographyschool #shareyourtable
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Non sono il genere di persona che si fa i complimenti da sola, anzi proprio il contrario. Ma amici, dovete credermi, quando ho assaggiato la salsa di quest’insalata di patate mi sono convinta di essere finita in Paradiso. L’ingrediente segreto? L’aglio nero! Lo conoscete? Non è una varietà di aglio ma aglio lasciato invecchiare a temperature e umidità controllate per circa 60 giorni e così fermenta e diventa cremoso, sapido e profumato, quasi dolce, per niente acre. Un ingrediente stupefacente che non ero sicura di saper abbinare ma andando a tentativi è uscita fuori una cosa libidinosa! Per scoprire gli altri ingredienti segreti e la ricetta swipe a destra! 🇺🇸 I’m not the kind of person who easily compliment herself, BUT, when I tasted this potatoes salad dressing I really thought I went to Heaven: most delicious thing I ever made.
And the secret ingredient is… black garlic! Do you know what black garlic is? It is made ageing garlic heads a medium temperature (60° two 77°C) for 60 yo 90 days without any preservatives and additives: the fermentation process turn the cloves black, soft, sweet and sticky like a date!  It’s very common in Asian and Korean dishes and after a few attempts and tasting I made a very flavoured dressing I used to dress a roasted potatoes salad inspired by a @featingathome recipe. If you  want to know the other special ingredients just swipe right! And this I my entry for today’s theme of #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation
•
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodfluffer #getminimal #foodtographyschool #chiaroscuro #foodstyling #thehub_food #thesupperclubmag #vegansofig #potatoessalad #blackgarlic #fermentedfood #mycommontable #foodandwine #foodphotographyandstyling #foodblogfeed #shareyourtable #thekitchn #thefeedfeedglutenfree #senzaglutine #glutenfree #miso #eatforyourgut #IFPgallery #goopmake #f52farmstand #barereaders
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Cosa c’è di meglio di un french toast? Ma un french toast ripieno ovviamente! Se poi è fatto con pane semi integrale fatto in casa (sempre ricetta di @paoletta_sersante) è ancora meglio no? I french toast hanno una brutta nomea, me ne rendo conto, perché l’originale è fritto in tanto burro e piuttosto pesante, anche perchè fatto con pan brioche, ma i miei sono tutta un’altra cosa! Con un pane soffice ma consistente, uova e albumi, pochissimi grassi in cottura e un ripieno di ricotta aromatizzata al cocco e lamponi arrostiti diventa una colazione bilanciata meravigliosa nel weekend o una portata perfetta per un brunch! Sul blog nel link in bio la ricetta e i trucchi per un french toast ripieno a prova di inesperto! 🇺🇸 Is there anything better than having french toast for breakfast? Obv yes, having coconut flavoured ricotta and roasted berries stuffed french toast! And if you use homemade semi whole grain bread, and just a little oil for cooking, we can  even call it a very healthy, balanced and fulfilling breakfast! Look at those shiny berries! The perfect entry for theme 2 of #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation •
•
•
•
•
#mangioquindisonno #frenchtoast #foodfluffer #healthybreakfast #eatrealfood #foodtographyschool #myseasonaltable #lifeandthyme #bakersofinstagram #thefeedfeed #imsomartha #bakedfromscratch #vsco_food #beautifulcuisines #saveurmag #thekitchn #huffposttaste #celebratehealthier #springcooking #theartofslowliving #aquietstyle  #aslowmoment #morningslikethese #beautyinsimplicity
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Sì sono tornate le ciliegie! Finalmente! Pensate che io vivo a pochi chilometri da uno dei luoghi di maggior produzione di ciliegie in Italia, ossia Ceresara! Ogni anno si svolge una festa con tanti piatti a base di ciliegie tra cui il famigerato tortello alle ciliegie che non ho mai avuto l’occasione (o il coraggio9 di assaggiare, ma non manco mai di comprare qualche etto (ehm kilo) di ciliegie locali! E cose ci si fa oltre a mangiarla una dopo l’altra? Perché non una coppa foresta nera? E se vi dicessi che è completamente senza zucchero? Strati alternati di diversa consistenza di cioccolato, ciliegie e panne (finta!). Cosa chiedere di più? Direi la ricetta, dell’anno scorso, che ritrovate in bio! 🇺🇸 I have never met a single person who doesn’t love cherries. Seriously, if you don’t love them, write me, because I really don’t believe you exist! Anyway, I live near Ceresara, in Northern Italy, and there they grow a freaking amount of cherries, they even make pasta with them! Every year I buy some kilos of those local cherries -  to ensure I don’t forgot the flavour, of course - and I make some amazing summer desserts such these sugar free black forest trifles! They are incredibly healthy and make the perfect easy to make dinner dessert! •
•
•
•
•
#mangioquinndisono  #fsbeforeandafter #foodtographyschool #summerseason #blackforest #sugarfree #senzazucchero #cherryseason #healthydessertideas #eatprettythings #fromscratch #imsomartha #myseasonaltable #foodfluffer #vsco_food #hautecuisines #f52grams #beautifulcuisines #theprettyblog #lifeandthyme #hocsupperclub #fellowmag #getminimal #eatcaptureshare #firstweeat #saveurmag #IFPgallery #thefeedfeedchocolate #don_in_cucina
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Oggi non mi sento granché bene, erano diversi giorni che avevo la pancia sottosopra ma avevo dato la colpa al cambio di dieta, ma ieri sera e oggi sono stata male. Ho portato fuori l’immondizia e sono tornata a casa che avevo il fiatone e mi sentivo morta dentro. Addirittura ho meno fame, siamo tutti sconvolti qui. Insomma per farla breve anzichè dedicarmi agli shooting e all’editing che avevo in programma oggi ho dormito praticamente tutto il pomeriggio. E ovviamente mi sono sentita in colpa per questo. Ma quanto siamo stupide noi donne?
In ogni caso ci tenevo a dirvi che la stagione degli asparagi è davvero agli sgoccioli, ma io ho ancora ben due ricette da proporvi, che arriveranno a brevissimo, nel frattempo vi ricordo che trovate queste galette sul blog, non sono difficili come sembrano e sono una festa per gli occhi!
🇺🇸 Today I haven’t been very well. My stomach has been upset for a few days but I blamed the diet change (yess, another diet, yeeeee… not). But last night and today i’m feeling like crap, completely without strength, so I decided to postpone all my editing and shooting commitments and I had an afternoon long nap. Obv feeling absurdly guilty about that, how can I be that silly? Anyway, luckily,  for @thelittleplantation spring challenge #eatcaptureshare n1 theme I had ready in my files these galettes bretonnes that actually are one of the most delicious thing I cook and shoot at this season! What a pity asparagus season is soon to be over! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #eatcleanrecipes #galettebretonne #myseasonaltable #foodstyling #belightinspired #springcooking #eatseasonal #foodtographyschool #IFPgallery #simpleandstill #f52grams #hereismyfood #lifeandthyme #eatpretty #eatyourveggies #eatrealfood #fromscratch #seekthesemplicity #springmood #eattheworld #foodiefeature #spoonfeed #appetitejournal #foodfluffer #huffposttaste
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Per me è ufficialmente iniziata l’estate. C’erano 30 gradi in casa mia questo weekend. Vi dico solo che dopo essere andata a letto alle 2 e mezza (per finire una cosa, mica per fare baldoria) dicendo “tanto dormo domani mattina” mi sono svegliata alle 7 e mezza che mi sembrava di andare a fuoco, potevo cuocermi un uovo al tegamino sulla testa. Al che ho ceduto e abbiamo acceso entrambi i condizionatori. E’ la vita. Quindi mi sembra il momento giusto per affogare la disperazione preparando questa cheesecake vegana  al cioccolato e mirtilli che vi ricordo trovate sul blog.  Niente tre chili di anacardi nel ripieno, lo giuro! Ed è dolcificata con poco poco sciroppo d’acero, quindi pure leggera dai! 🇺🇸 Summer is here for me. 30° C in my house last weekend. I could’t sleep for the heat, since for some reason when it’s too hot my body stores the heat instead of dissipating it. Not so funny. Headache for the next three months, yeeeeh. Please kill me now. Or at least give me a slice of my vegan blueberries and chocolate cheesecake! No cashew in the filling i swear, and it’s gluten free and sweetened only with a little maple syrup! And to me it’s the perfect entry for @giedre_barauskiene, @kamilekave and @thegreencreator #berriesonmytable challenge! •
•
•
•
•
#mangioquindisonon #berriesseason #summeriscoming #vegancheesecake #healthycheesecake #healthysweet #mysweettooth #imsomartha #IFPgallery #foodfluffer #foodtographyschool #eatcaptureshare #eatprettythings #glutenfree #senzaglutine #vegantreat #beautifulcuisines #foodanadwine #vscofood #eatrealfood #myseasonaltable #eatcolorful #berries #thrivemag #fellowmag
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 La prima volta che mangiai una terrina di carne in crosta avevo 18 anni.  Era ripiena di coniglio e pistacchi. Era Parigi, si congelava e erano giorni che ci cibavamo di baguette e kebab. Fu una rivelazione. Per anni ho pensato di realizzarla senza mai averne il coraggio, finché non ho visto la foto su libro di @thecooksatelier del Duck Paté en Croute e mi sonno convinta a tentare di riproporla alleggerita. Un guscio di frolla all’olio, leggera, basta su una delle tante ricette di @alternativeeating, un ripieno di  maiale, pistacchi e piselli per renderla primaverile e aromatizzato con salvia, noce moscata e macis. Non lasciatevi ingannare, non è una ricetta davvero difficile come sembra - anche se non è per principiati sicuramente - ed è davvero poco condita rispetto all’originale. Servita con mele a fette, senape e sottaceti è un tripudio per le papille gustative che vi farà sentire (quasi) a Parigi per un momento.  Ricetta nel link in bio 🇺🇸 The first time I ate a crusted meat terrine I was 18 years old. It was a rabbit and pistachios terrine. I was in Paris, it was freaking cold and we’ve been eating baguettes and kebabs for days. It was an epiphany. For years I’ve been thinking about it  but I finally made up my mind when I saw the Duck Patè en Croute on @thecookstatelier book. I developed a lighten up version of the classic french meat terrine, with lean pork, pistachios and peas, seasoned with sage, nutmeg and macis, all packed in a  evoo crust. Surprisingly healthy, this terrine, served with pickles, apple slices and mustard, it’s like a time machine that brought me back to that time in Paris. •
•
•
•
#mangioquinndisoon #frenchcooking #myseasonaltable #cuisinnesworld #eattheworld #wetravelwithgusto #healthyish #thenewhealthy #foodfluffer #foodtographyschool #eatcaptureshare #feliceadesso #infoodwetrust #naturallight #foodstyling #flashofdelight #eatpretty #imsomartha #fromscratch #pork #terrina #saveurmag #hautecuisines #thatsdarling

Seguimi!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario decide di cambiare carriera e dedicarsi completamente alla cucina e alla fotografia di food, tramite il suo blog Mangio Quindi Sono, aperto nel 2014. Ora vive nella campagna mantovana con suo marito, adora collezionare props e stilare liste di cose da fare.Nella sua dispensa non mancano mai miso tahine e avocadoQui trovate ricette salutari, consigli e trucchi per mangiare sano con piatti bilanciati ma deliziosi e che appaghino anche la vista. Mangiare sano non è mai stato così bello, e la vita è troppo corta per mangiare cibo brutto. Mangio quindi Sono vuole essere un luogo inclusivo quindi trovate ricette onnivore così come vegan, gluten free così come dairy free. Ma niente detox e nessun dogma assoluto.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
Mangiare un hamburger è uno sgarro? (E la ricetta l’hamburger fatto in casa migliore al mondo)

NB: l’articolo è lungo, se la questione sgarro o non sgarro non vi interessa e siete qui solo per la ricetta andate direttamente nel riquadro in basso!

Oggi parliamo di una questione annosa e difficile: lo sgarro.  Ho letto di tante persone contrarie alla parola “sgarro” ma ricordiamoci che è solo una parola, quello che conta è il significato che le diamo, e il carico emotivo che rappresenta. C’è chi lo chiama cheat meal, chi pasto libero, chi appunto sgarro.  Spesso mi è capitato di leggere (e partecipare) a diatribe sul fatto che la pizza fosse o meno uno sgarro, che il sushi fosse o meno uno sgarro, che l’hamburger (fatto in casa) fosse  o meno uno sgarro. E le opinioni fioccavano sempre, alcune circostanziate e ben strutturate (anche se magari non concordavano con le mie) altre invece molto superficiali e dettate da ignoranza, non in senso dispregiativo ma fattuale, ossia non conoscenza dei fatti. 

Gli amburger fatti in casa da zero migliori del mondo - e perchè mangiarli è uno sgarro

Ma partiamo dall’inizio, che cosa si intende per sgarro? Lo sgarro, il cheat meal, il pasto libero presuppongono tutti una semplice cosa: lo stare a dieta. Dove dieta non significa necessariamente regime restrittivo, significa semplicemente seguire una regola, qualsiasi essa sia (la parola dieta in effetti deriva dal greco δίαιτα che significa “modo di vivere, abitudine”). Da questa premessa è facile capire che il concetto di sgarro è molo aleatorio perchè ovviamente dipende dalla regola alimentare che si segue solitamente. Per capirci, un vegetariano segue una dieta vegetariana, in cui la “regola”  è non mangiare carne, per cui anche una fettina di pollo alla piastra è ovviamente uno “sgarro” in senso tecnico.  Mentre per un body builder sotto gara, che segue un regime rigidissimo a livello calorico e a bassissimo contenuto di grassi la fettina di pollo non rappresenterebbe affatto uno sgarro ma mangiare un bell’avocado sì. Quindi si sgarra semplicemente quando si fuoriesce dalle proprie abitudini alimentari, create sulla base di una propria regola. 

La ricetta dell'hamburger homemade migliore del mondo

Detto ciò, è importante il valore etico, morale e psicologico che si attribuisce allo sgarro. Se io scelgo di fuoriuscire dai miei standard per una sera e mangiarmi qualcosa che solitamente non mi mangerei (questo di fatto è lo sgarro!) non c’è niente di male, non cadrà il mondo, non mi verrà un tumore e non prenderò 10 kg, e altrettanto non c’è niente di male a chiamare quel pasto, magari a base di più portate al ristorante di pesce comprendenti anche un fritto misto, sgarro. L’importante è che io sappia dentro di me che non c’è niente di negativo nell’uscire fuori dagli schemi di tanto in tanto. 

Gli hamburger fatti in casa da zero migliori del mondo - e perchè mangiarli è uno sgarro

Tornando a noi, ma quindi un hamburger fatto in casa è uno sgarro? E il sushi? E la pizza? La risposta, che sembra molto una citazione da Andrea Biasci di Project Invictus, è: dipende. Dipende dalla nostra regola, delle nostre abitudini, che – ricordiamo – non sono imposte dall’alto o da un’entità acefala ma antropomorfa impersonificata dalla rivista femminile più in voga, ma dipendono dalle nostre necessità. Necessità di salute (ridurre lo zucchero per i diabetici) o personali (voler mettere su massa muscolare) o professionali (perdere peso per rientrare in una categoria di peso per una gara) o semplicemente etici (per l’appunto il vegetariano di cui sopra). Per un vegetariano la pizza margherita non è uno sgarro. Per un celiaco è veleno puro. Un vegetariano (proababilmente) non mangerà mai un hamburger di carne. Anche se fatto con i migliori ingredienti.

La ricetta dell'hamburger fatti in casa migliore del mondo

Per me la pizza E’ uno sgarro. E’ uno sgarro perchè, conti alla mano, contiene molti più carboidrati e grassi (e meno fibre e proteine) di quello che mangio solitamente. Vuol dire che non mangio mai la pizza? Ovviamente no, la pizza il sabato sera in casa mia è un rito praticamente religioso, vuol dire che lo considero uno sgarro. Amen. E che magari se mi viene voglia di nuovo di pizza il martedì sera (sì, succede) non la mangio nuovamente ma magari mi faccio la mia finta pizza di zucchine che NO non è come la pizza normale, ma è buona e inganna un po’ la mente. Idem il sushi. Se io mangiassi 8 pezzettini di sushi potrei non considerarlo uno sgarro, ma io che amo il sushi voglio mangiarne di più e non scegliere quelli senza salse senza fritti senza avocado, voglio scegliere quello che ho voglia di ordinare. Quindi è uno sgarro. Poi magari una volta a pranzo prendo solo sashimi e va bene così, oppure mi preparo la mia poke bowl e non è uno sgarro, gli ingredienti sono gli stessi ma non lo è perchè rientra nel mio regime, nella mia dieta, nella mia “regola”, nella mia abitudine.

La ricetta dell'hamburger homemade migliore del mondo

E la qualità allora? E gli ingredienti? Non fanno la differenza? Certo che fanno la differenza, ovviamente.  La pizza congelata del discount non è certo paragonabile alla pizza fatta lievitare 48 h con farina integrale e mozzarella campana.  Ma sempre grassi e carboidrati alti sono.  Una pizza o un hamburger fatto in casa sono più “sani” riespetto ai corrispettivi industriali? Io penso proprio dì sì, perchè hanno un valore nutritivo maggiore, oltre al fatto che la qualità degli ingredienti determina un migliore profilo organolettico del piatto (non mi direte che l’insalata di mare confezionata del supermercato di infima categoria con olio di non si sa cosa sia paragonabile in gusto e godimento a quella che potete mangiare in un ristorante stellato o anche solo nel vostro ristorante preferito sul mare). Purtroppo però per quanto siano “più sani” non possono comunque rientrare nella suddetta dieta, perchè più sano non significa necessariamente che si adatti alle regole del singolo. 

Indendiamoci: se siete tra qui fortunati esseri umani a cui basta mangiare globalmente sano, cioè con frutta e verdura, niente ingredienti industriali e con ingredienti semplici e preparazioni casalinghe, per stare in salute e in forma, cioè se non avete altra regola se non “cibo sano” allora probabilmente una pizza, un sushi di qualità e la ricetta dell’hamburger che vi propongo, non saranno sgarri per voi. 

La ricetta dell'hamburger homemade migliore del mondo

Ma lo sono per me. Perchè nonostante abbia scelto carne di prima qualità, allevata localmente, che ho scelto personalmente e ho fatto macinare al mio macellaio, nonostante il panino fatto in casa e impastato da me con farine integrali di qualità, nonostante la maionese l’abbia fatta io con uova allevate all’aperto, nonostante il formaggio scelto è un formaggio veneto di qualità e non una sottiletta industriale… nonostante tutto ciò, questo hamburger ha…. troppo.  Troppo di un po’ di tutto: troppi grassi saturi, troppi carboidrati, troppe calorie. Quindi sì per me è stato uno sgarro.  Per me questa è la ricetta dell’hamburger migliore del mondo (un po’ rubacchiata a Gordon Ramsay l’ammetto!) ed è fatto con ingredienti di qualità eccelsa, completamente homemade (tranne i cetriolini perchè davvero i cetriolini sott’aceto fatti in casa non ce la potevo fare), ed è stato meraviglioso mangiarlo. Lo considero anche sano da un certo punto di vista. Ma no, non rientrava nella mia dieta. E sapete una cosa? Va bene così. Non è un a tragedia. Sgarrare è normale, è giusto, ha un suo senso.  

Quindi in definitiva: sì l’hamburger, la pizza e il sushi, sono uno sgarro PER ME (e per molte persone, ma non necessariamente per tutti!), e sì, lo chiamo sgarro, perchè per me non ha un’eccezione tipicamente negativa. Vuole solo dire che ho mangiato qualcosa di eccezionalmente buono, che mi ha reso felice, e che domani riprendo la mia δίαιτα, le mie solite abitudini. Con serenità.

I panini fatti in casa sono una meraviglia e la ricetta è sempre la stessa che uso ogni volta e che trovate già qui (con anche i link ai video per capire come formare i panini bene) 

L'hamburger fatto in casa migliore al mondo
Serves 4
Per i panini
  1. 125 gr di farina manitoba
  2. 125 gr di farina 00 integrale (per me molino rossetto)
  3. 150 ml di latte intero tiepido
  4. 4 gr di lievito di birra fresco
  5. 3 gr di malto (o miele)
  6. 15 gr di burro morbido ma non sciolto
  7. 10 gr di zucchero
  8. 5 gr di sale
  9. poco uovo sbattuto e semi di sesamo per decorare
Per il burger
  1. 400 gr di trita di manzo scelta, possibilmente tritata al momento, non eccessivamente grassa, ma non completamente magra
  2. 1 uovo
  3. 1 cucchiaio di parmigiano
  4. 1 cucchiaio di salsa di soia fermentata
  5. 1 cucchiaio di paprika affumicata
  6. 1 cucchiaino di senape di digione
  7. 1 cucchiaino di salsa Worcestershire
  8. 1 spicchio d'aglio
  9. mezza cipolla rossa
  10. 3 o 4 pomodorini essiccati
  11. sale e pepe qb
Per la maionese (ne viene un vasetto)
  1. un uovo freschissimo di galline allevate a terra
  2. 1 cucchiaio di succo di limone
  3. 1 cucchiaino di senape
  4. sale e pepe
  5. olio di semi di girasole spremuto a freddo (circa 200 ml)
Per servire
  1. cetriolini, cipolla fresca tagliata sottilissima, insalata, fettine di pomodori e qualche fettina di formaggio a pasta dura che fonda bene (io ho scelto un formaggio veneto simile all'Emmental)
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Per i panini
  1. Setacciate insieme le due farine
  2. Fate intiepidire il latte e scioglieteci dentro il lievito insieme al malto e lasciate riposare per 10 minuti
  3. Versate poi il latte piano piano sulle farine mescolando e facendo assorbire tutto il liquido
  4. Aggiungete zucchero, sale e burro e impastate (a mano o con l'impastatrice) per almeno 15 min
  5. Quando il composto è bello liscio formate una palla e lasciatela lievitare in una ciotola coperta da un panno umido per un'ora e mezza o fino al raddoppio.
  6. Sgonfiate l'impasto e fate le pieghe: appiattite leggermente l'impasto fino a ottenere una "lastra" lunga tre volte la sua larghezza, infarinate leggermente, poi piegate "a libro" cioè in terzi prima una metà sul centro e poi l'altra metà.
  7. Girate di 90% l'impasto e fate la medesima operazione nell'altro senso
  8. Lasciate riposare per 20 min
  9. Dividete poi l'impasto in 4 parti e formate dei panini
  10. Disponete i panini su una placca con carta da forno e lasciate lievitare per 1 h
  11. Spennellate di uovo sbattutto e cospargete di semi di sesamo
  12. Infornate in forno preriscaldato a 190° per circa 30 min o comunque fino a doratura
Per i burger
  1. Mescolate tutti gli ingredienti in una ciotola, senza maneggiare troppo la carne
  2. Riponete in frigo per 10 minuti a riposare
  3. Accendete una piastra scaldandola a fuoco alto
  4. Dividete l'impasto in 4 burger cercando di farli di uguale dimensioni e non troppo sottili
  5. Cuocete su ogni lato un paio di minuti, senza schiacciarli durante la cottura, poi aggiungete le fettine di formaggio, abbassate al minimo, coprite con un coperchio che non tocchi i burger e fate sciogliere il formaggio per un paio di minuti
Per la maionese
  1. Mettete l'uovo con il succo di limone e le senape nel bicchiere di un frullatore a immersione
  2. Iniziate a frullare e mentre frullate fate scendere l'olio a filo, muovendo il frullatore verso l'alto e verso il basso alternativamente
  3. Quando avete ottenuto la consistenza desiderata condite con sale e pepe e riponete in frigo
Per servire
  1. Se vi piace tostate i panini per hamburger sotto il grill per un paio di minuti, spalmateci sopra un cucchiaio di maionese, aggiungete pomodori e insalata, il burger di carne con il formaggio e completate con cipolla e cetriolini
  2. Servite caldo
Notes
  1. Non omettete i pomodori secchi nella carne: aggiungono gusto umami ai burger!
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

Print Friendly, PDF & Email

Instagram

  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Questa foto inutile per dire che… è online! Parlo del mega post (è lunghissimo!!! 😱) che è uscito oggi sul blog, la guida definitiva su come scegliere e dove comprare i vostri props per la food photography e i famosi fondali di cui tutti mi chiedete! Un post in italiano per italiani, quindi negozi (online o fisici) italiani o EU based, per evitare spese di spedizione folli, con i link e i miei consigli per gli acquisti, dedicati anche e soprattutto ai principianti.  Con anche un elenco di altri account da seguire per avere più info su tema props & styling. Mi è costato anni di vita, ve lo dico, soprattutto perché in fondo in fondo in fondo al post trovate da SCARICARE GRATIS il pdf con il riassuntone e i link da salvare! Andate SUBITO nel link in bio a leggere se siete interessati, e se avete altri suggerimenti scrivetemeli qua sotto o in dm che li aggiungiamo!  In collaborazione con il gruppo degli allievi di @moniquedanna_ph 🇺🇸 This white photo, because of today’s theme of #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation , but also because I wrote on the blog a food props and backdrops guide for italian food photographers and stylist! Featuring also some useful account to follow, but - sorry people - only in Italian💔(You, english or american people, already have a lot of useful posts to read  about that on lots of blogs!)
•
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodtographyschool #foodstyling #italianfoodblogger #foodfotography #igersitalia #foodbloggeritaliani #fooditaly #still_life_gallery #props #foodphotographybackdrops #propstore #consiglipergliacquisti #vscofood #thehub_food #f52grams #foodblogfeed #flatlaytoday #backdrop #ceramics
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Cosa faccio quando ho caldo, poco tempo, poca voglia, poca forza e devo fare colazione o spuntino ricco di proteine? Un frullato proteico. Sì ma niente a che vedere con quei beveroni che sanno di morte. Questa è la mia ricetta segreta (beh mica tanto segreta, alla fine è banalissima) per un frullato proteico buonissimo, saziante e veloce, che ti risolve la colazione quando ci sono 40 gradi all’ombra. 5 ingredienti in dosi variabili a seconda delle esigenze, io vi metto quelle che uso di solito ma potete variarle: 15gr whey (alla vaniglia), 120 frutti di bosco congelati, 2 cucchiaiate di yogurt, latte (anche veg) e una punta di  cucchiaino di xantano.  Mettete i primi tre ingredienti nel frullatore e frullate, aggiungete latte e xantano e frullate ancora per almeno un minuto per avere la consistenza densa e “gelatosa”. Gustate subito! 🇺🇸 Ok this smoothie is my summer secret weapon. You know when you’re so  tired, flushed, hungry, and it’s so hot you can’t think? Well, usually you eat ice cream in that situation I know, but if you are on  a low cal diet and you have to make a high protein easy breakfast or snack, this is for you friend. Just 5 ingredients (dose for me, but you can make some changes if you need): 15 gr of vanilla whey powder, 120 gr of frozen mixed berries, 2 tbs yogurt, a splash of milk and 1/2 tsp xanthan gum. Add first 3 ingredients to the mixer and blend, then add milk and xanthan and blend again for about 1 min untile it get frothy and thick! Enjoy immediately! And also this is my entry for “pink” #eatcaptureshare challenge  by @thelittleplantation (btw pink always makes me struggle!) #mangioquindisono #eatprettythings #eatcolorful #foodtographyschool #eatyourfruit #summeriscoming #myseasonaltable #healthysnack #proteinshake #highprotein #lowcal #fitfam #IFPgallery #foodfluffer #IIFYM #eatcleanrecipes  #foodtographyschool  #naturallight #summerbreakfast #howissummer #thekitchn #thehub_food #hautecuisines #girlswholift
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Stanca distrutta e sfatta da questa eterna giornata. Per via dei miei malesseri di settimana scorsa ho saltato qualche giorno palestra e dopo il ramping in squat (3x90 kg) stamattina facevo fatica non solo a scendere le scale, a sedermi, a chinarmi, ma anche solo a camminare in piano. Ma sono solo io o quando si hanno così tanti doms sembra tutto più faticoso? Essere tornata in palestra stamattina non ha aiutato. Sapete cosa potrebbe tirarmi su di morale? Questo piatto che vedete in foto, una bella porzione di pasta al forno vegetariana agli asparagi in versione super leggera, ma arricchita di fave, basilico e burrata affumicata… fenomenale! E per niente pesante! Purtroppo è solo un vago ricordo di quando l’ho fotografata. Chi me ne fa apparire un piatto qui ora? La ricetta per prepararmela è nel link in bio 😛
🇺🇸 I’m sooo freaking tired today.  I’ve skipped some workout last week due to my stomach illness and yesterday I did squat ramping (3x90 kg) —> today I can’t even walk because of doms. And let me be honest, life it’s incredibly harder when your butt and legs scream. Anyway I’m sure a plate of these asparagus vegetarian baked pasta would have made my day better, unfortunately this pic is from a few weeks ago :( And now I’m craving pasta bake.  Obv my green entry for #eatcaptureshare by @thelittleplantation
#mangioquindisono #mangiosano #pastabake #springcooking #myseasonaltable #asparagusseason #italiansdoitbetter #eatyourgreens #celebratehealthier #IFPgallery #thebakedfeed #goopmake #foodfluffer #naturallight #infoodwetrust #eatcleanrecipes #rincorrerelabellezza #imsomartha #eatyourcolors #appetitejournal #foodtographyschool #shareyourtable
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Non sono il genere di persona che si fa i complimenti da sola, anzi proprio il contrario. Ma amici, dovete credermi, quando ho assaggiato la salsa di quest’insalata di patate mi sono convinta di essere finita in Paradiso. L’ingrediente segreto? L’aglio nero! Lo conoscete? Non è una varietà di aglio ma aglio lasciato invecchiare a temperature e umidità controllate per circa 60 giorni e così fermenta e diventa cremoso, sapido e profumato, quasi dolce, per niente acre. Un ingrediente stupefacente che non ero sicura di saper abbinare ma andando a tentativi è uscita fuori una cosa libidinosa! Per scoprire gli altri ingredienti segreti e la ricetta swipe a destra! 🇺🇸 I’m not the kind of person who easily compliment herself, BUT, when I tasted this potatoes salad dressing I really thought I went to Heaven: most delicious thing I ever made.
And the secret ingredient is… black garlic! Do you know what black garlic is? It is made ageing garlic heads a medium temperature (60° two 77°C) for 60 yo 90 days without any preservatives and additives: the fermentation process turn the cloves black, soft, sweet and sticky like a date!  It’s very common in Asian and Korean dishes and after a few attempts and tasting I made a very flavoured dressing I used to dress a roasted potatoes salad inspired by a @featingathome recipe. If you  want to know the other special ingredients just swipe right! And this I my entry for today’s theme of #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation
•
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodfluffer #getminimal #foodtographyschool #chiaroscuro #foodstyling #thehub_food #thesupperclubmag #vegansofig #potatoessalad #blackgarlic #fermentedfood #mycommontable #foodandwine #foodphotographyandstyling #foodblogfeed #shareyourtable #thekitchn #thefeedfeedglutenfree #senzaglutine #glutenfree #miso #eatforyourgut #IFPgallery #goopmake #f52farmstand #barereaders
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Cosa c’è di meglio di un french toast? Ma un french toast ripieno ovviamente! Se poi è fatto con pane semi integrale fatto in casa (sempre ricetta di @paoletta_sersante) è ancora meglio no? I french toast hanno una brutta nomea, me ne rendo conto, perché l’originale è fritto in tanto burro e piuttosto pesante, anche perchè fatto con pan brioche, ma i miei sono tutta un’altra cosa! Con un pane soffice ma consistente, uova e albumi, pochissimi grassi in cottura e un ripieno di ricotta aromatizzata al cocco e lamponi arrostiti diventa una colazione bilanciata meravigliosa nel weekend o una portata perfetta per un brunch! Sul blog nel link in bio la ricetta e i trucchi per un french toast ripieno a prova di inesperto! 🇺🇸 Is there anything better than having french toast for breakfast? Obv yes, having coconut flavoured ricotta and roasted berries stuffed french toast! And if you use homemade semi whole grain bread, and just a little oil for cooking, we can  even call it a very healthy, balanced and fulfilling breakfast! Look at those shiny berries! The perfect entry for theme 2 of #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation •
•
•
•
•
#mangioquindisonno #frenchtoast #foodfluffer #healthybreakfast #eatrealfood #foodtographyschool #myseasonaltable #lifeandthyme #bakersofinstagram #thefeedfeed #imsomartha #bakedfromscratch #vsco_food #beautifulcuisines #saveurmag #thekitchn #huffposttaste #celebratehealthier #springcooking #theartofslowliving #aquietstyle  #aslowmoment #morningslikethese #beautyinsimplicity
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Sì sono tornate le ciliegie! Finalmente! Pensate che io vivo a pochi chilometri da uno dei luoghi di maggior produzione di ciliegie in Italia, ossia Ceresara! Ogni anno si svolge una festa con tanti piatti a base di ciliegie tra cui il famigerato tortello alle ciliegie che non ho mai avuto l’occasione (o il coraggio9 di assaggiare, ma non manco mai di comprare qualche etto (ehm kilo) di ciliegie locali! E cose ci si fa oltre a mangiarla una dopo l’altra? Perché non una coppa foresta nera? E se vi dicessi che è completamente senza zucchero? Strati alternati di diversa consistenza di cioccolato, ciliegie e panne (finta!). Cosa chiedere di più? Direi la ricetta, dell’anno scorso, che ritrovate in bio! 🇺🇸 I have never met a single person who doesn’t love cherries. Seriously, if you don’t love them, write me, because I really don’t believe you exist! Anyway, I live near Ceresara, in Northern Italy, and there they grow a freaking amount of cherries, they even make pasta with them! Every year I buy some kilos of those local cherries -  to ensure I don’t forgot the flavour, of course - and I make some amazing summer desserts such these sugar free black forest trifles! They are incredibly healthy and make the perfect easy to make dinner dessert! •
•
•
•
•
#mangioquinndisono  #fsbeforeandafter #foodtographyschool #summerseason #blackforest #sugarfree #senzazucchero #cherryseason #healthydessertideas #eatprettythings #fromscratch #imsomartha #myseasonaltable #foodfluffer #vsco_food #hautecuisines #f52grams #beautifulcuisines #theprettyblog #lifeandthyme #hocsupperclub #fellowmag #getminimal #eatcaptureshare #firstweeat #saveurmag #IFPgallery #thefeedfeedchocolate #don_in_cucina
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Oggi non mi sento granché bene, erano diversi giorni che avevo la pancia sottosopra ma avevo dato la colpa al cambio di dieta, ma ieri sera e oggi sono stata male. Ho portato fuori l’immondizia e sono tornata a casa che avevo il fiatone e mi sentivo morta dentro. Addirittura ho meno fame, siamo tutti sconvolti qui. Insomma per farla breve anzichè dedicarmi agli shooting e all’editing che avevo in programma oggi ho dormito praticamente tutto il pomeriggio. E ovviamente mi sono sentita in colpa per questo. Ma quanto siamo stupide noi donne?
In ogni caso ci tenevo a dirvi che la stagione degli asparagi è davvero agli sgoccioli, ma io ho ancora ben due ricette da proporvi, che arriveranno a brevissimo, nel frattempo vi ricordo che trovate queste galette sul blog, non sono difficili come sembrano e sono una festa per gli occhi!
🇺🇸 Today I haven’t been very well. My stomach has been upset for a few days but I blamed the diet change (yess, another diet, yeeeee… not). But last night and today i’m feeling like crap, completely without strength, so I decided to postpone all my editing and shooting commitments and I had an afternoon long nap. Obv feeling absurdly guilty about that, how can I be that silly? Anyway, luckily,  for @thelittleplantation spring challenge #eatcaptureshare n1 theme I had ready in my files these galettes bretonnes that actually are one of the most delicious thing I cook and shoot at this season! What a pity asparagus season is soon to be over! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #eatcleanrecipes #galettebretonne #myseasonaltable #foodstyling #belightinspired #springcooking #eatseasonal #foodtographyschool #IFPgallery #simpleandstill #f52grams #hereismyfood #lifeandthyme #eatpretty #eatyourveggies #eatrealfood #fromscratch #seekthesemplicity #springmood #eattheworld #foodiefeature #spoonfeed #appetitejournal #foodfluffer #huffposttaste
  • / ENG BELOW / 🇮🇹 Per me è ufficialmente iniziata l’estate. C’erano 30 gradi in casa mia questo weekend. Vi dico solo che dopo essere andata a letto alle 2 e mezza (per finire una cosa, mica per fare baldoria) dicendo “tanto dormo domani mattina” mi sono svegliata alle 7 e mezza che mi sembrava di andare a fuoco, potevo cuocermi un uovo al tegamino sulla testa. Al che ho ceduto e abbiamo acceso entrambi i condizionatori. E’ la vita. Quindi mi sembra il momento giusto per affogare la disperazione preparando questa cheesecake vegana  al cioccolato e mirtilli che vi ricordo trovate sul blog.  Niente tre chili di anacardi nel ripieno, lo giuro! Ed è dolcificata con poco poco sciroppo d’acero, quindi pure leggera dai! 🇺🇸 Summer is here for me. 30° C in my house last weekend. I could’t sleep for the heat, since for some reason when it’s too hot my body stores the heat instead of dissipating it. Not so funny. Headache for the next three months, yeeeeh. Please kill me now. Or at least give me a slice of my vegan blueberries and chocolate cheesecake! No cashew in the filling i swear, and it’s gluten free and sweetened only with a little maple syrup! And to me it’s the perfect entry for @giedre_barauskiene, @kamilekave and @thegreencreator #berriesonmytable challenge! •
•
•
•
•
#mangioquindisonon #berriesseason #summeriscoming #vegancheesecake #healthycheesecake #healthysweet #mysweettooth #imsomartha #IFPgallery #foodfluffer #foodtographyschool #eatcaptureshare #eatprettythings #glutenfree #senzaglutine #vegantreat #beautifulcuisines #foodanadwine #vscofood #eatrealfood #myseasonaltable #eatcolorful #berries #thrivemag #fellowmag

Seguimi!