ISCRIVITI E SEGUIMI!

Instagram

  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ho sempre amato molto cucinare e ho sempre cucinato molto. Però a posteriori mi rendo conto che ho iniziato a imparare a cucinare davvero quando io e mio marito abbiamo iniziato a convivere. Perchè è stato allora che ho iniziato a cucinare davvero. Tutti i giorni. Tre pasti al giorno. Perché impari a fare qualcosa soltanto facendola, con costanza, tutti i giorni. Molte persone mi dicono che non sanno cucinare e che è difficile. Io rispondo sempre che cucinare non è assolutamente difficile, basta… farlo. Prendere una ricetta, seguirla,  e se non viene riprovarci.  Chi non sa cucinare è semplicemente perché non cucina abbastanza.  Ad esempio io non sapevo legare gli arrosti. Non l’avevo mai fatto. E quando ho pubblicato questa ricetta anni fa l’avevo “fatto su”. Ora invece mi sono guardata un tutorial di @soniaperonaci, l’ho seguito e questo è il risultato del primo tentativo.  Sicuramente il secondo verrà meglio, idem il terzo. Ho solo bisogno di esperienza. E ora su, tutti a legare l’arrosto stasera! 🇺🇸 I’ve always loved cooking. Some of my friends certainly remember that 2008 Thanksgiving Dinner (yes, here in Italy, I’ve always been attracted by foreign things) for 20 people, with that giant stuffed turkey. But recently I’ve realized I learned to cook properly only when me and my husband moved in together. Because I started to cook every day. Every meal. And I think cooking it’s just about that: experience. You try and if you fail you try it again.  When i posted this pork roast, a few years ago, I really had no clues how to tie a roast, this time I watched a tutorial and this is my first attempt. I’m kind happy with the result but I’m sure next time it will be better, I just need… experience. •
#mangioquindisono #foodwriting  #letscooktogether #fromscratch #imsomartha #inmykitchen #eeeeeats #shareyourtable #porkroast #cookmagazine #still_life_gallery #thekitchn #thatsdarling #aseasonalshift #plums #autumnfood #theartofslowliving #storytelling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi sul blog un nuovo post, diverso dal solito. Parliamo di sgarro. E’ sbagliato parlare di sgarro?  Mangiare una pizza è uno sgarro? E il sushi? E questo hamburger homemade? Io ho la mia opinione al riguardo è un discorso complesso e controverso, se vi interessa andate a leggere il post del link in bio. Ci trovate anche la ricetta di questo hamburger che poi è l’hamburger completamente fatto in casa migliore al mondo, provate per crederci! E se volete poi di tutto quanto possiamo discuterne qui sotto insieme. Cioè dello sgarro. O anche di quanto è buono questo hamburger!
🇺🇸 Do you cheat? Ok, let me explain, not your partner! Your diet! With diet meaning “personal rules and habits in eating” not “starvation”. Do you cheat sometimes those rules? I think it’s important to let it go, sometimes. For our sanity at least! Like with these super-delicious, 100% homemade (well 95%: bought pickles!), sumptuous hamburger: homemade semi whole wheat buns, homemade local beef patties, homemade free range eggs mayo and all my love! High quality ingredients always make high quality dishes! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #eatclean #intuitiveeating #nonmangiostranomanosano #IIFYM #cheating #teamsgarro #hamburger #homemadewithlove #fromscratch #eatrealfood #flexiblediet #dietaflessibile #macrotracking #girlswholift #powerlifting #thenewhealthy #letsbake #beef #fattoincasa #cookmagazine #thehubfood #IFPgallery #foodfluffer #munchiesitalia #foodtographyschool #makeitdelicious #infoodwetrust #foodstyling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi, nel programmare la settimana, ho deciso di impegnarmi e postare di più qui su instagram Un tempo non sarei mai riuscita a postare 3, 4 addirittura 5 volte a settimana. Ora invece sono diventata super brava a ottimizzare il tempo e organizzare gli shooting e le 3,4 addirittura 5 foto a settimana sono decisamente fattibili. Solo che manca spesso il tempo per scrivere le ricette! Vorrei giornate di 48 ore: 12 per dormire (ovviamente) 12 per lavorare alle foto, 12 per lavorare al macbook o su lightroom e le rimanenti 12 per… vivere. A tal proposito: io scatto sempre più di una foto della stessa ricetta perché mi piace dare punti di vista diversi, ma finora qui su ig ne ho sempre postata una sola, a voi piacerebbe vedere più foto della stessa ricetta? O lo trovate noioso? Datemi un feedback! Ad esempio oggi vi faccio vedere le carote crude, prossima volta la versione arrostita alla mediorientale! 🇺🇸 I need 48 hours days: 12 hours for sleeping (obv: priority!), 12 hours for shooting, 12 for editing / recipe developing / working on macbook and 12 hours for just… living! Anybody else like this? I’m committing to post more often here on ig, but I would like to post more than one single photo for dish or recipe. I would like to tell more about the story behind a recipe, using two or three pictures… what do you think about that? Boring? Useful? Useless? I need a brainstorming here so let’s talk! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #fromscratch #still_life_gallery #aseasonalshift #embracingtheseason #foodartblog  #infoodwetrust #naturallightonly  #rincorrerelabellezza #eatprettythings #eatyourcolors #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #thatsdarling #beautifulcuisines #hautecuisines #feedfeed #foodtographyschool  #vscofood #flatlaytoday #seekthesemplicity #heresmyfood #eattherainbow #farmtotable #eatyourveggies #5aday
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ultimo giorno della sfida di Kimberly! Oggi  il tema era il “straight on” ero indecisa tra diverse foto perchè ultimamente mi piace un sacco scattare “di lato” e avevo diverse foto pronte ma alla fine ho optato per questo parfait di overnight oatmeal porridge ai fichi e tè chai perché di fatto la stagione dei fichi è praticamente conclusa quindi meglio pubblicare ora la ricetta prima che sia troppo tardi! E’ completamente privo di zuccheri aggiunti (ma si può aggiungere dolcificante se si vuole) e in pratica è una colazione perfetta: tutto lo sforzo lo fai la sera prima, la mattina assembli solo! La ricetta è nel link in bio!
🇺🇸 Last day of Kimberly @thelittleplantation ig #EatCaptureShare challenge! I had an amazing  time and it helped me to think outside of the box, and to discover lots of amazing photographers! And I had to admit this week has been my fav: I loved discovering different shooting angles! For today’s theme “straight on” I was very hesitant  about which photo to post: it turned out straight on is one of my fav shooting angles and I had several images to choose!  I decided to go for this sugar free figs & chai tea overnight porridge parfait because figs season it’s about to end so it’s better hurry up! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #sugarfree #senzazuccheriaggiunti #parfait #overnightoatmeal #porridgelovers #figs #autumnishere #livewellcaptured #inmykitchen #eatprettythings #IFPgallery #breakfastslikethese #infoodwetrust #munchiesitalia #foodfluffer #tastingtable #healthybreakfast #foodtographyschool #imsomartha #wholeFoodsFaves #ahealthynut
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ma da voi fa freddo? Perchè qui da noi assolutamente no. Io sogno ancora il mio cappottino oversize verde militare da espatriata della Berlino Est, perchè giace nell’armadio: con 23° non è il caso di tirarlo fuori.  Però le zuppe e gli stufati io li mangio lo stesso, eccheccavolo è pur sempre metà ottobre!  Per cui ecco una zuppa vegana, quindi senza latticini, super facile, sglutinabile, e super cremosa grazie a un ingrediente segreto Il link della ricetta è in bio! 🇺🇸 This is the second to last entry for @thelittleplantation ig challenge #eatcaptureshare!  This week is all about shooting angles! I admit the 3/4 it’s not now of my fav (I’m a flatlay lady!) but I agree with what Kimberly said to us: it’s a very intimate and cozy angle!  And I think it’s perfect for an autumn comfort dish! Like this vegan mushrooms soup! Perfect for the next weekdays dinner! •
•
•
•
•
#mangioquindsono #healthyeating #fallishere #aseasonalshift #munchiesitalia #IFPgallery #foodtographyschool #foodfluffer #livewellcaptured #comfortfood #whatvegaseat #mycommontable #naturallightonly #thatsdarling #mushrooms #funghi #dairyfree #senzalatticini #thrivemags #vegansofig #veganfoodspot #letscookvegan #soupoftheday #eatyourveggie #eatrealfood #eatsimple
  • (ITA BELOW) 🇺🇸 So. I’ve always loved brunch. First, because you can eat both savory and sweet and nobody will judge you, second, because I love the idea of  spending some good quality time with your significant other, or  family or friends, without watching constantly the clock. I think this is one of the greatest pleasure, luxury and privilege of our life: time.
And I kinda admit I deeply envy places where you can have waffles or pancakes or eggs or savoury & sweet goods together as breakfast. Like Sweden. Oh God I love Sweden, so with this photo I enter @gkstories contest (with @visitsweden) #visitswedenfood, the price is a trip to Sweden! (check out under porridge photo on Green Kitchen profile!).
But these potatoes & spinach savory GF brunch waffles are also my entry for the soon-to-ending ig challenge by @thelittleplantation #eatcaptureshare. I had a great time in this challenge because it boosted my creativity and I really loved every stunning photo that won! Thank you Kimberly so much! 🇮🇹 Sono un’amante - non troppo segreta e molto appassionata - dei brunch. Sempre stata. Da una parte l’idea di passare più tempo a tavola nel weekend, con mio marito che non deve fissare con angoscia l’orologio, è un privilegio inestimabile. Dall’altra il fatto di poter mangiare salato e dolce insieme in un contesto in cui sia socialmente accettabile, ecco mi attrae molto.  Ecco perché questo weekend ci siamo concessi questo piccolo lusso e abbiamo fatto un brunch la cui portata principale sono stati questi waffle salati a base di patate e spinaci, che sono tra l’altro senza glutine, e ce li siamo goduti fino all’ultima briciola, fino all’ultimo sorso di matcha latte. Perchè alla fine il tempo insieme è il lusso più grande. Trovate la ricetta in bio. Con questa foto partecipo anche al contest #visitswedenfood di @gkstories e @visitsweden per vincere… un viaggio in Svezia! Mai ho desiderato così tanto di vincere qualcosa, lo ammetto! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #eatcleanrecipes #savorywaffles #brunchlover #healthybrunch #beautifulcuisine #fromscratch #munchiesitalia #IFPgallery #livewellcaptured #foodfluffer #foodtographyschool #eatprettythings #feliceade
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Come avrete notato mi sto dedicando al restyling di molte foto sul blog, e questa fa parte di un post che avevo pubblicato nel 2014: un filetto di maiale ripieno di prugne, da accompagnare a patate arrosto e a questa deliziosa salsa alle prugne cotte. Nel cuocerla mi sono innamorata di nuovo del suo colore, così intenso e così lucido, e ho voluto fotografarla anche da sola, ma sul blog trovate anche le altre foto dell’arrosto, che pubblicherò a breve anche qui! Se vi dovesse servire la ricetta perchè avete ospiti domani a pranzo la trovate nel link in bio! 🇺🇸 While simmering these plum sauce for my stuffed pork tenderloin I fell in love with its colour, so shiny, deep and intense. And I thought it would have been the perfect subject for today @thelittelplantation challenge #eatcaptureshare!
The themfor today is purple and I kinda love the special shade of purple you can bring out in plums cooking them! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodfluffer #getmimal #foodtographyschool #shareyourtable #firstweeat #naturallightonly #livethelittlethings #embracingtheseason #vscofood #flatlay #theartofslowliving #thenewhealthy #wholesome #farmtotable #eatrealfood #plums #prugne #autumnishere
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Sto migliorando nei lievitati. Lo dico un po’ sottovoce perchè ho un impasto che sta lievitando sotto un canovaccio proprio ora e non vorrei che fallisse miseramente. Però sto migliorando. Sto migliorando perchè l’anno scorso poco prima di Natale avevo pubblicato la ricetta dei cinnamon rolls, ed era venuta bene, ma ammettiamolo, era stata una gran faticaccia. Ora invece che li ho rifatti… perfetti! Subito. Semplicemente seguendo la mia ricetta (sono stupita io stessa). Tutto questo per dire che ieri o oggi (non ho ben capito in realtà) in Svezia era la giornata nazionale  dei Kanelbullar - cioè loro hanno una giornata nazionale dedicata ai dolcetti alla cannella, ma che cosa meravigliosa non è? - e quindi ho pensato fosse l’occasione giusta per riproporli con un restyling! Stessa ricetta, quindi senza burro, poco zucchero e con l’ingrediente segreto nel ripieno per renderlo più leggero, ma…. forma nuova! E molto più facile di quanto pensassi! Vi ho rimesso il link in bio! 🇺🇸 Today (or yesterday I’m not very sure) is Swedish National Kanelbullar day! How not to fall in love with a nation that dedicates a day to cinnamon rolls??? You simply can’t.  I love cinnamon rolls and last year I developed a healthier kanelbullar recipe (no butter, low fat and low sugar)  that I decided needed a restyling, so here it is: old perfect recipe, new (better) photos! And I think I’m getting better in baking and yeast&kneading goods! It’s really true: practice makes perfection! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #epicurious #IFPgallery  #foodfluffer #foodtographyschool #munchiesitalia #kanelbullarday #cinnamonrolls #healthier #eattheworld #bakersgonnabake #instabake #bakedfromscratch #sweettooth #mycommontable #fromscratch #livewellcaptured #comfortfood #lowsugar #buzzfeedhealth #madetonourish #eatwellbewell #eatrealfood #cannella #dolcisani #nonmangiostranomangiosano
  • (ITA SOTTO) 🇺🇸 Do you like stews, casseroles and soups? I do LOVE  stews and soups. I love the comfort I feel watching them simmering on the stove, and  I love the fact they require so little effort to such a great result! Basically you mix (affordable) ingredients in a pot, turn on the heat, and so whatever you want while the magic happens! Like this middle eastern style lentil stew!  If you use gf pita bread and dairy free yogurt as topping it’s even #glutenfree and #vegan! And of course it’s my entry for today #eatcaptureshare challenge by @thelittleplantation: BROWN! 🇮🇹 A chi piacciono gli stufati?? Io li adoro: metti tutto in pentola, fai cuocere a lungo controllando una volta ogni tanto mentre (a scelta) leggi un libro, fai farei i compiti ai figli, ti bevi un bicchiere di vino con il marito, chatti con l’amica, ti metti sul divano con la copertina a vegetare dopo una giornata allucinante, insomma fai quello che ti senti di fare, e via dopo un’oretta ti ritrovi con una cenetta super comfort a impegno quasi zero, fatta con ingredienti sani (e spesso anche economici!) arricchita di sapore da spezie e aromi. Dai come si fa a non amarli?  Io oggi vi propongo uno stufato di lenticchie in stile mediorientale,  easy peasy, a prova di dummies in cucina, giuro! Pure veg e gluten free se si escludono guarnizioni! La ricetta è sul blog nel link in bio, ma adesso io voglio sapere la vostra classifica dei tre stufati/zuppe/etc preferiti per l’autunno! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodtographyschool #munchiesitalia #goopmake  #f52farmstand  #mycommontable  #bareaders #foodartblog #livethelittlethings #flashofdelight  #imsomartha #aseasonalshift #embracingtheseason  #copmfortfood #lentilstew #middleastern #saveurmag #thekitchn #huffposttaste #flatlaytoday #cuisinesworld  #mynourish  #alimentazionenaturale #healthyfoodie #plantstrong #cookingwithlove #getminimal

Seguimi!

About Me

Chiara Gavioli nasce e cresce a Milano, dove frequenta la facoltà di Medicina e Chirurgia. Verso la fine del suo percorso universitario, tuttavia, capisce che alla classificazione delle mucopolisaccaridosi preferisce la preparazione di insalate e torte salate. Lascia così gli studi universitari per dedicarsi completamente alla cucina. Nel 2014 apre Mangio Quindi Sono, blog di ricette salutari e naturali e di trucchi per mangiare sano senza patire la fame. Il bagaglio di competenze acquisite durante i 6 anni di Medicina le consentono di approfondire da autodidatta i tanti e complessi aspetti della nutrizione, arrivando così a creare piatti non solo interessanti e deliziosi, ma anche salubri e bilanciati; in chiave onnivora (ma non solo!), ma adatti anche ad intolleranze varie. Imparare a fotografare i piatti realizzati, prima da autodidatta e poi seguendo svariati corsi, è stata la naturale evoluzione del corso degli eventi, nata dalla volontà di fissare nella memoria e condividere non solo l’immagine di ciò che esce dal forno, ma anche l’emozione che si prova assaggiandolo. Ora vive nella campagna Mantovana con suo marito, adora collezionare props, stilare liste di cose da fare e spiazzare i suoi fornitori locali chiedendo le verdure e gli ingredienti più improbabili da trasformare in piatti che coniugano la tradizione italiana a sapori più esotici o orientali. Nella sua dispensa non mancano mai la pasta di miso, la tahine e l’avocado.

La mia gallery su Healthy Aperture

my healthy aperture gallery

La mia gallery su Foodgawker

my foodgawker gallery
8 trucchi per iniziare a mangiare sano

Come iniziare a mangiare sano (senza impazzire)

8 tips pratici e mentali


Ogni tanto oltre a condividere ricette scrivo qualche post dal carattere più generico, con considerazioni (pratiche o teoriche) sull’alimentazione e la salute. Solitamente questi post o risultano controversi e quindi suscitano polemiche (e insulti) oppure non vengono granchè presi in considerazione. Eppure secondo me sono importanti perchè è questo il genere di post che al tempo avrei voluto leggere quando, circa nel 2013, ho iniziato ad approcciarmi a un tipo diverso di alimentazione e cucina. 

Oggi vi propongo 8 suggerimenti da mettere in pratica se avete iniziato a guardarvi attorno da poco nel mondo dell’alimentazione salutistica e vi sentite un po’ spaesati e sopraffatti; probabilmente se siete dei “veterani” dell’eatclean saranno cose scontate, ma all’inizio è bene avere qualche idea che rassereni un po’! 

Non si tratta di COSA mangiare per mangiare sano. Nè di QUANTO mangiare, perchè non sta a me dirvelo, sono più trucchi a carattere generico, psicologico se vogliamo, insomma consigli su come approcciarsi mentalmente alla cosa senza uscire di testa e scappare in un angolo a piangere dopo la prima ricerca su google.  Una specie di guida alla sopravvivenza del cibo sano senza impazzire! 

Dopo questa premessa: partiamo! 

1) Non pretendete tutto subito

Avete googlato come mangiare sano e avete scoperto che nel tonno sono presenti metalli pesanti tossici, che la carne grass fed è l’unica che non vi farà ingrassare e che la plastica dei contenitori dove tenete la pasta vi renderà sterili.  E avete avuto una crisi isterica. Ok, keep calm! Alcune di queste cose sono sicuramente vere, altre magari no, ma la verità è che se fino a ieri vi cibavate di quattro salti in padella e sofficini, difficilmente sono la plastica dei contenitori e i metalli pesanti del tonno che mangiate una volta al mese al sushi il vostro vero problema. Partite con le cose basic, non pretendete di passare dal discount al bio e alla carne grass fed nel giro di 48 ore  Che ci porta al punto due.

2) Scegliete le vostre battaglie

Mangiare sano è un concetto estremamente ampio e non è assolutamente detto che ciò che per il mio corpo è “sano” lo sia anche per un’altra persona: abbiamo tutti esigenze particolari.  Quindi siete VOI a decidere cosa vuol dire mangiare sano. Informatevi, leggete, pensate a quali sono i vostri problemi nello specifico (avete entrambi i genitori diabetici? Oppure il colesterolo alto? Ci sono casi di tumore intestinale in famiglia? Siete costipate? Non digerite bene?) e cercate di priorizzare scelte che risolvano per iniziare quelli. E’ auspicabile che magari consultiate anche il vostro medico per capire dove dirigervi, anche se è possibile che non vi sia di grande aiuto perchè potrebbe limitarsi a darvi suggerimenti ultra generici, ma non disperate: capite quali sono le cose che per voi sono più importanti e iniziate da li. Nel mio caso si è trattato sicuramente di puntare sul consumo di frutta e verdura e sul limitare tantissimo zuccheri etc, ma non è detto che per voi sia lo stesso! Solo voi potete saperlo! 

3) Imparate a cucinare

Allora, dobbiamo chiarire. Si può mangiare sano anche senza grande sforzo in cucina, ma questo è possibile solo se A) avete una notevole notevole notevole disponibilità economica che vi permette di comprare l’insalata di quinoa e verdura già fatta da whole foods oppure il sandwich di tacchino kosher e pane alla spirulina di quel bar nuovo super hipster dietro l’angolo; oppure B) siete super fan del riso bollito e e della carne alla piastra senza niente. Se non rientrate in questi due casi dovete rassegnarvi a imparare qualche trucchetto in cucina, niente di troppo difficile, non si tratta di diventare Cracco dall’oggi al domani, però ecco se non sapete cucinare le zucchine bollite potremmo avere qualche problema. Imparate qualche tecnica base, gettatevi in ricette super semplici del tipo unisci gli ingredienti e cuoci, e vedrete che in poco tempo avrete un bagaglio di ricette collaudate per andare avanti

4) Non andate a fare la spesa quando avete fame. Andateci quando avete SETE.

Ok, quello di andare al supermercato con lo stomaco pieno penso sia nella top 10 di consigli più diffusi, sono sicura che ognuno di voi l’avrà letto almeno una volta su una rivista o un wellness blog.  La logica dietro è semplice: se andate a fare scorta quando avete una fame mostruosa il vostro cervello sarà saturato dagli stimoli del supermercato e vi guiderà verso alimenti alti in sodio, alti in grassi e zuccheri e poveri di fibre. Perchè per il cervello quello è ciò che vi serve in quel momento. Invece andandoci dopo mangiato ci saranno maggiori probabilità che vi atterrete alla lista che avete stilato. Io invece aggiungo il fattore “sete” all’equazione perchè l’ho provato sulla mia pelle: non importa quanta fame avete o non avete, se avrete sete,  il vostro cervello vi guiderà automaticamente verso ciò di cui avete bisogno, quindi alimenti idratati e ricchi di vitamine e sali minerali quali frutta, verdura etc, snobbando completamente patatine e snack. Certo così facendo sarete attratti anche dalla coca cola, ma insomma cercate di mediare il vostro cervello!

5) Non rinunciate ai vostri piatti preferiti, ma cercatene una versione alleggerita e sana!

E’ inutile che cercano di convincerci che dopo una settimana, un mese, un anno, una vita senza dolci o schifezze si smette di desiderarle. Perchè non è vero. O almeno non è necessariamente vero. Non c’è niente di male: la pizza con la mozzarella filante è buonissima e come dico sempre “qualsiesi cosa fritta è più buona”. Facciamocene una ragione e piuttosto di escluderli completamente concediamoceli di tanto in tanto… ma… se ci viene voglia di sgarrare più spesso? Che si fa? Si imbroglia! O meglio si cercano ricette alternative per i nostri cibi “spazzatura” preferiti. E io vi posso garantire che pressochè di ogni cibo “cheat” esiste una versione “clean”. Voglia di pizza di martedì ma l’avete mangiata il giorno prima? Provate la mia di cavolfiore o quella di zucchine! Siete dei fan della kinder fetta al latte? Eccola in versione proteica! Il gelato? Ecco il nanaicecream senza sensi di colpa. E ricordatevi: tutto ciò che fate fritto lo potete tranquillamente fare al forno spruzzato di olio (comprate un’oliera spray! vi cambierà la vita!). Ok non sarà la stessa cosa, ma non sarà nemmeno male! 

6) Non aspettatevi di dimagrire (anche se è possibile/proababile che accada)

C’è un bias tremendo nella testa delle persone, ossia che siccome un cibo è considerato sano questo automaticamente non faccia ingrassare, anzi! Chiaramente non è vero. E mi spiace deludervi ma non è nemmeno vero che mangiando sano dimagrirete certamente, il dimagrimento è una cosa complessa fatta di stimoli ormonali e metabolici adeguati, deficit calorico e bilancio tra i macronutrienti.  E’ anche vero però che la maggior parte dei cibi racchiusi in una dieta sana (verdura, frutta, fonti nobili di proteine, etc) hanno una minore densità calorica rispetto a patatine fritte, biscotti, dolcetti e cibi precotti. Il che significa che vi sazierete con volumi di cibo che avranno calorie probabilmente inferiori. Detto in altre parole: mangiare 3000 kcal di mozzarelline fritte, pizza e gelato è nettamente più facile che mangiarne 3000 di broccoli, riso integrale, petto di pollo e mandorle. Quindi è possibile che nel cambiare alimentazione il vostro corpo migliori dal punto di vista sovrappeso, ma non è strettamente detto, perchè ad esempio io senza impormi delle restrizioni potrei mangiare 3000 kcal di cibo perfettamente sano! Sicuramente è vero che avrete un corpo che funziona meglio, un corpo più sano, quindi quasi certamente miglioreranno le vostre prestazioni sportive ad esempio, fattore anch’esso che potrebbe portarvi a dimagrire! 

7) Non pensate che vegano/vegetariano = sano 

Ok scusate vegani, dovevo dirlo. Mangiare vegano o vegetariano non vi rende  automaticamente sani.  Una cosa che ripeto sempre quando si discute della questione è che si può essere vegani e mangiare sano o mangiare da schifo, esattamente così come si può essere onnivori e mangiare sano o mangiare da schifo (e tutte le vie di mezzo esistenti).  Questo per un motivo molto semplice: gran parte degli alimenti più spazzatura di sempre possono tranquillamente essere vegetariani o vegani. Perchè lo zucchero non è un derivato animale.  E perchè i grassi che utilizzano nei prodotti industriali da forno vegani sono tra i grassi peggiori esistenti al mondo. Non so come dirvelo, ma gli oreo sono vegani!  Il punto non è cosa mangiate, se carne e pesce o formaggio e soia, il punto è sotto che forma lo mangiate.   Se mangiate cotolette di soia prefritte, dolci vegani pieni di margarina e grassi idrogenati, e altri ameni prodotti industriali senza carne e pesce… non sarete più sani.  La scelta veg è una scelta primariamente etica, dunque se a voi non interessa mangiare sano (ed è e rimane un vostro diritto non interessarvene!) ma scegliete per questioni di etica e morale personale, probabilmente questo discorso non vi interessa, ma se invece volete contemporaneamente fare una scelta per la vostra salute, sappiate che mangiare sano da vegetariano e vegano è più impegnativo che farlo da onnivori, vi serve più tempo e impegno. Perchè dovete ammollare i ceci, dovete trovare un modo per cucinare il tofu al naturale in maniera gustosa, dovete prepararvi il seitan, etc etc. Non è impossibile! Assolutamente! Ma dovrete impegnarvi di più ed evitare a tutti i costi i prodotti pronti, senza farvi imbrogliare da quel fuorviante “senza burro” in verde, perchè se al posto del burro troviamo altri grassi ben più dannosi per la salute siamo punto e da capo! Se cercate in rete trovate un sacco di articoli su come organizzare la propria alimentazione veg in maniera sana e sensata, studiateveli bene e non avrete problemi.  Dite sì alla zuppa di lenticchie e no al gelato senza colesterolo ma ricco di zuccheri e additivi! 

8) Ma nemmeno vegano/vegetariano = schifo. SPERIMENTATE

Fatta la premessa al punto prima, cercate di essere onnivori mentalmente aperti. Io mangio tutto ma adoro cucinare piatti vegetariani e vegani, perchè possono essere davvero deliziosi! Inoltre inserire proteine vegetali nella dieta ci permette di variare notevolmente la nostra alimentazione e variare è fondamentale per avere una dieta sana. Uscire dagli schemi mentali in cui siamo incasellati è un utilissimo esercizio per l’elasticità mentale. Se non siete abituati a mangiare determinati alimenti (legumi in primis) provate a inserirli con qualche ricetta particolare, usando spezie etc, poi decidete se inserire quel piatto nell’elenco dei pranzi “collaudati da rifare” oppure provare altro! 


E con questo direi che ho finito. Che ne dite? Consigli scontati? Avete qualche consiglio aggiuntivo da dare a chi si approccia per la prima volta al mondo dell’alimentazione sana? 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Instagram

  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ho sempre amato molto cucinare e ho sempre cucinato molto. Però a posteriori mi rendo conto che ho iniziato a imparare a cucinare davvero quando io e mio marito abbiamo iniziato a convivere. Perchè è stato allora che ho iniziato a cucinare davvero. Tutti i giorni. Tre pasti al giorno. Perché impari a fare qualcosa soltanto facendola, con costanza, tutti i giorni. Molte persone mi dicono che non sanno cucinare e che è difficile. Io rispondo sempre che cucinare non è assolutamente difficile, basta… farlo. Prendere una ricetta, seguirla,  e se non viene riprovarci.  Chi non sa cucinare è semplicemente perché non cucina abbastanza.  Ad esempio io non sapevo legare gli arrosti. Non l’avevo mai fatto. E quando ho pubblicato questa ricetta anni fa l’avevo “fatto su”. Ora invece mi sono guardata un tutorial di @soniaperonaci, l’ho seguito e questo è il risultato del primo tentativo.  Sicuramente il secondo verrà meglio, idem il terzo. Ho solo bisogno di esperienza. E ora su, tutti a legare l’arrosto stasera! 🇺🇸 I’ve always loved cooking. Some of my friends certainly remember that 2008 Thanksgiving Dinner (yes, here in Italy, I’ve always been attracted by foreign things) for 20 people, with that giant stuffed turkey. But recently I’ve realized I learned to cook properly only when me and my husband moved in together. Because I started to cook every day. Every meal. And I think cooking it’s just about that: experience. You try and if you fail you try it again.  When i posted this pork roast, a few years ago, I really had no clues how to tie a roast, this time I watched a tutorial and this is my first attempt. I’m kind happy with the result but I’m sure next time it will be better, I just need… experience. •
#mangioquindisono #foodwriting  #letscooktogether #fromscratch #imsomartha #inmykitchen #eeeeeats #shareyourtable #porkroast #cookmagazine #still_life_gallery #thekitchn #thatsdarling #aseasonalshift #plums #autumnfood #theartofslowliving #storytelling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi sul blog un nuovo post, diverso dal solito. Parliamo di sgarro. E’ sbagliato parlare di sgarro?  Mangiare una pizza è uno sgarro? E il sushi? E questo hamburger homemade? Io ho la mia opinione al riguardo è un discorso complesso e controverso, se vi interessa andate a leggere il post del link in bio. Ci trovate anche la ricetta di questo hamburger che poi è l’hamburger completamente fatto in casa migliore al mondo, provate per crederci! E se volete poi di tutto quanto possiamo discuterne qui sotto insieme. Cioè dello sgarro. O anche di quanto è buono questo hamburger!
🇺🇸 Do you cheat? Ok, let me explain, not your partner! Your diet! With diet meaning “personal rules and habits in eating” not “starvation”. Do you cheat sometimes those rules? I think it’s important to let it go, sometimes. For our sanity at least! Like with these super-delicious, 100% homemade (well 95%: bought pickles!), sumptuous hamburger: homemade semi whole wheat buns, homemade local beef patties, homemade free range eggs mayo and all my love! High quality ingredients always make high quality dishes! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #eatclean #intuitiveeating #nonmangiostranomanosano #IIFYM #cheating #teamsgarro #hamburger #homemadewithlove #fromscratch #eatrealfood #flexiblediet #dietaflessibile #macrotracking #girlswholift #powerlifting #thenewhealthy #letsbake #beef #fattoincasa #cookmagazine #thehubfood #IFPgallery #foodfluffer #munchiesitalia #foodtographyschool #makeitdelicious #infoodwetrust #foodstyling
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Oggi, nel programmare la settimana, ho deciso di impegnarmi e postare di più qui su instagram Un tempo non sarei mai riuscita a postare 3, 4 addirittura 5 volte a settimana. Ora invece sono diventata super brava a ottimizzare il tempo e organizzare gli shooting e le 3,4 addirittura 5 foto a settimana sono decisamente fattibili. Solo che manca spesso il tempo per scrivere le ricette! Vorrei giornate di 48 ore: 12 per dormire (ovviamente) 12 per lavorare alle foto, 12 per lavorare al macbook o su lightroom e le rimanenti 12 per… vivere. A tal proposito: io scatto sempre più di una foto della stessa ricetta perché mi piace dare punti di vista diversi, ma finora qui su ig ne ho sempre postata una sola, a voi piacerebbe vedere più foto della stessa ricetta? O lo trovate noioso? Datemi un feedback! Ad esempio oggi vi faccio vedere le carote crude, prossima volta la versione arrostita alla mediorientale! 🇺🇸 I need 48 hours days: 12 hours for sleeping (obv: priority!), 12 hours for shooting, 12 for editing / recipe developing / working on macbook and 12 hours for just… living! Anybody else like this? I’m committing to post more often here on ig, but I would like to post more than one single photo for dish or recipe. I would like to tell more about the story behind a recipe, using two or three pictures… what do you think about that? Boring? Useful? Useless? I need a brainstorming here so let’s talk! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #fromscratch #still_life_gallery #aseasonalshift #embracingtheseason #foodartblog  #infoodwetrust #naturallightonly  #rincorrerelabellezza #eatprettythings #eatyourcolors #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #thatsdarling #beautifulcuisines #hautecuisines #feedfeed #foodtographyschool  #vscofood #flatlaytoday #seekthesemplicity #heresmyfood #eattherainbow #farmtotable #eatyourveggies #5aday
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ultimo giorno della sfida di Kimberly! Oggi  il tema era il “straight on” ero indecisa tra diverse foto perchè ultimamente mi piace un sacco scattare “di lato” e avevo diverse foto pronte ma alla fine ho optato per questo parfait di overnight oatmeal porridge ai fichi e tè chai perché di fatto la stagione dei fichi è praticamente conclusa quindi meglio pubblicare ora la ricetta prima che sia troppo tardi! E’ completamente privo di zuccheri aggiunti (ma si può aggiungere dolcificante se si vuole) e in pratica è una colazione perfetta: tutto lo sforzo lo fai la sera prima, la mattina assembli solo! La ricetta è nel link in bio!
🇺🇸 Last day of Kimberly @thelittleplantation ig #EatCaptureShare challenge! I had an amazing  time and it helped me to think outside of the box, and to discover lots of amazing photographers! And I had to admit this week has been my fav: I loved discovering different shooting angles! For today’s theme “straight on” I was very hesitant  about which photo to post: it turned out straight on is one of my fav shooting angles and I had several images to choose!  I decided to go for this sugar free figs & chai tea overnight porridge parfait because figs season it’s about to end so it’s better hurry up! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #sugarfree #senzazuccheriaggiunti #parfait #overnightoatmeal #porridgelovers #figs #autumnishere #livewellcaptured #inmykitchen #eatprettythings #IFPgallery #breakfastslikethese #infoodwetrust #munchiesitalia #foodfluffer #tastingtable #healthybreakfast #foodtographyschool #imsomartha #wholeFoodsFaves #ahealthynut
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Ma da voi fa freddo? Perchè qui da noi assolutamente no. Io sogno ancora il mio cappottino oversize verde militare da espatriata della Berlino Est, perchè giace nell’armadio: con 23° non è il caso di tirarlo fuori.  Però le zuppe e gli stufati io li mangio lo stesso, eccheccavolo è pur sempre metà ottobre!  Per cui ecco una zuppa vegana, quindi senza latticini, super facile, sglutinabile, e super cremosa grazie a un ingrediente segreto Il link della ricetta è in bio! 🇺🇸 This is the second to last entry for @thelittleplantation ig challenge #eatcaptureshare!  This week is all about shooting angles! I admit the 3/4 it’s not now of my fav (I’m a flatlay lady!) but I agree with what Kimberly said to us: it’s a very intimate and cozy angle!  And I think it’s perfect for an autumn comfort dish! Like this vegan mushrooms soup! Perfect for the next weekdays dinner! •
•
•
•
•
#mangioquindsono #healthyeating #fallishere #aseasonalshift #munchiesitalia #IFPgallery #foodtographyschool #foodfluffer #livewellcaptured #comfortfood #whatvegaseat #mycommontable #naturallightonly #thatsdarling #mushrooms #funghi #dairyfree #senzalatticini #thrivemags #vegansofig #veganfoodspot #letscookvegan #soupoftheday #eatyourveggie #eatrealfood #eatsimple
  • (ITA BELOW) 🇺🇸 So. I’ve always loved brunch. First, because you can eat both savory and sweet and nobody will judge you, second, because I love the idea of  spending some good quality time with your significant other, or  family or friends, without watching constantly the clock. I think this is one of the greatest pleasure, luxury and privilege of our life: time.
And I kinda admit I deeply envy places where you can have waffles or pancakes or eggs or savoury & sweet goods together as breakfast. Like Sweden. Oh God I love Sweden, so with this photo I enter @gkstories contest (with @visitsweden) #visitswedenfood, the price is a trip to Sweden! (check out under porridge photo on Green Kitchen profile!).
But these potatoes & spinach savory GF brunch waffles are also my entry for the soon-to-ending ig challenge by @thelittleplantation #eatcaptureshare. I had a great time in this challenge because it boosted my creativity and I really loved every stunning photo that won! Thank you Kimberly so much! 🇮🇹 Sono un’amante - non troppo segreta e molto appassionata - dei brunch. Sempre stata. Da una parte l’idea di passare più tempo a tavola nel weekend, con mio marito che non deve fissare con angoscia l’orologio, è un privilegio inestimabile. Dall’altra il fatto di poter mangiare salato e dolce insieme in un contesto in cui sia socialmente accettabile, ecco mi attrae molto.  Ecco perché questo weekend ci siamo concessi questo piccolo lusso e abbiamo fatto un brunch la cui portata principale sono stati questi waffle salati a base di patate e spinaci, che sono tra l’altro senza glutine, e ce li siamo goduti fino all’ultima briciola, fino all’ultimo sorso di matcha latte. Perchè alla fine il tempo insieme è il lusso più grande. Trovate la ricetta in bio. Con questa foto partecipo anche al contest #visitswedenfood di @gkstories e @visitsweden per vincere… un viaggio in Svezia! Mai ho desiderato così tanto di vincere qualcosa, lo ammetto! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #mangiosano #eatcleanrecipes #savorywaffles #brunchlover #healthybrunch #beautifulcuisine #fromscratch #munchiesitalia #IFPgallery #livewellcaptured #foodfluffer #foodtographyschool #eatprettythings #feliceade
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Come avrete notato mi sto dedicando al restyling di molte foto sul blog, e questa fa parte di un post che avevo pubblicato nel 2014: un filetto di maiale ripieno di prugne, da accompagnare a patate arrosto e a questa deliziosa salsa alle prugne cotte. Nel cuocerla mi sono innamorata di nuovo del suo colore, così intenso e così lucido, e ho voluto fotografarla anche da sola, ma sul blog trovate anche le altre foto dell’arrosto, che pubblicherò a breve anche qui! Se vi dovesse servire la ricetta perchè avete ospiti domani a pranzo la trovate nel link in bio! 🇺🇸 While simmering these plum sauce for my stuffed pork tenderloin I fell in love with its colour, so shiny, deep and intense. And I thought it would have been the perfect subject for today @thelittelplantation challenge #eatcaptureshare!
The themfor today is purple and I kinda love the special shade of purple you can bring out in plums cooking them! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodfluffer #getmimal #foodtographyschool #shareyourtable #firstweeat #naturallightonly #livethelittlethings #embracingtheseason #vscofood #flatlay #theartofslowliving #thenewhealthy #wholesome #farmtotable #eatrealfood #plums #prugne #autumnishere
  • (ENG BELOW) 🇮🇹 Sto migliorando nei lievitati. Lo dico un po’ sottovoce perchè ho un impasto che sta lievitando sotto un canovaccio proprio ora e non vorrei che fallisse miseramente. Però sto migliorando. Sto migliorando perchè l’anno scorso poco prima di Natale avevo pubblicato la ricetta dei cinnamon rolls, ed era venuta bene, ma ammettiamolo, era stata una gran faticaccia. Ora invece che li ho rifatti… perfetti! Subito. Semplicemente seguendo la mia ricetta (sono stupita io stessa). Tutto questo per dire che ieri o oggi (non ho ben capito in realtà) in Svezia era la giornata nazionale  dei Kanelbullar - cioè loro hanno una giornata nazionale dedicata ai dolcetti alla cannella, ma che cosa meravigliosa non è? - e quindi ho pensato fosse l’occasione giusta per riproporli con un restyling! Stessa ricetta, quindi senza burro, poco zucchero e con l’ingrediente segreto nel ripieno per renderlo più leggero, ma…. forma nuova! E molto più facile di quanto pensassi! Vi ho rimesso il link in bio! 🇺🇸 Today (or yesterday I’m not very sure) is Swedish National Kanelbullar day! How not to fall in love with a nation that dedicates a day to cinnamon rolls??? You simply can’t.  I love cinnamon rolls and last year I developed a healthier kanelbullar recipe (no butter, low fat and low sugar)  that I decided needed a restyling, so here it is: old perfect recipe, new (better) photos! And I think I’m getting better in baking and yeast&kneading goods! It’s really true: practice makes perfection! •
•
•
•
•
#mangioquindisono #foodforfuel #inmykitchen #firstweeat #epicurious #IFPgallery  #foodfluffer #foodtographyschool #munchiesitalia #kanelbullarday #cinnamonrolls #healthier #eattheworld #bakersgonnabake #instabake #bakedfromscratch #sweettooth #mycommontable #fromscratch #livewellcaptured #comfortfood #lowsugar #buzzfeedhealth #madetonourish #eatwellbewell #eatrealfood #cannella #dolcisani #nonmangiostranomangiosano

Seguimi!