Moscow Mule di Natale

Moscow mule di Natale (virgin & not virgin)

E’ la vigilia di Natale, quindi sarete tutti indaffarati con gli ultimi acquisti o i preparativi del cenone con amici e parenti, per cui arriverò al dunque. Oggi vi propongo un cocktail molto in voga in questo periodo, il moscow mule, in versione Natalizia! E colgo l’occasione, oltre che per augurare a tutti voi buone feste, per qualche piccola riflessione estemporanea riguardo il tema Natale e cibo.

Leggo in giro di molti post su come limitare le abbuffate Natalizie, come “limitare i danni”, pagine di bodybuilder che capeggiano “niente scuse noi ci alleniamo anche a Natale” e ragazze nel panico che decidono di stare a regime anche il giorno di Natale  e Capodanno. Ora. Voi lo sapete benissimo che un giorno di stacco dalla dieta e dal vostro programma di allenamento, non vi farà magicamente perdere tutto quello che avete ottenuto. Lo sapete benissimo.  Quindi non fatevi prendere dalla smania, prendete queste giornate come un’occasione per stare con chi amate, in pigrizia, con le coccole sotto il piumone, dormendo fino a tardi, giocando a palla di neve con i vostri figli, insomma che sia una festa! 

La mia palestra i giorni festivi chiude, e io non ci penso manco per niente a “inventarmi” un allenamento casalingo da fare la mattina di Natale. La mattina di Natale starò con mio marito e ci berremo un bel caffè scartando i regali. Poi il 27 si torna in palestra senza che il mondo esploda. Banalmente. E anche per il cibo vi dico come la penso: se tutto l’anno stiamo attenti a quello che mangiamo, cuciniamo in maniera sana, con ingredienti di qualità, controlliamo la quantità di carboidrati e grassi, abbondiamo di vegetali, ecco non vedo nessun motivo per cui io a Natale non debba mangiare i crostini di pane caldo col burro e il salmone affumicato! Anche se sono in un pasto i grassi di due giorni normali il corpo è adattabile, non vi accadrà assolutamente niente (a parte forse una certa difficoltà a digerire, tipica di chi solitamente mangia sano).

E vi dirò di più: io sono una di quelle che la vigilia passa ore e ore a cucinare una cena per i propri invitati, una di quelle che pensa al menù in anticipo, che si fa 40 minuti di macchina per andare a prendere il pesce dal pescivendolo migliore della zona, una di quelle che lo fa perchè al cibo ci tiene, ma lo fa anche per fare felice i proprio ospiti, per fare loro un regalo. Cucinare è un atto di amore, ricordatelo sempre. Detto tutto ciò, capite bene che presentarvi a cena dalla nonna (che magari ha 90 anni e ha passato mezza giornata a preparare agnoli e tortelli perchè sa che sono quelli che piacciono a voi) con la vostra scatolina di cibo… ecco io se fossi la nonna un pochino me la prenderei! Non è cattiveria, non è che loro non vi capiscono,  è che per una volta vogliono viziarvi. Lasciateglielo fare! Solo per oggi e domani, non accadrà niente. Mercoledì tornerete a mangiare pesce in bianco e verdura al vapore. Se vi sentite in ansia perchè sapete che mangiare una determinata categoria di alimenti (glutine, insaccati, latticini etc) vi farà star male, andate dalla nonna, parlatene, e vedrete che troverà un modo per adattare il suo menù alle vostre necessità.

Moscow Mule di Natale

E in ultimo vorrei dire la mia riguardo l’alcol. Non sono una grande bevitrice, penso che l’ultima volta che ho bevuto tanto sia stata al mio matrimonio (a Maggio NDR); al di la di qualche simile occasione, mi limito a uno o due bicchieri di vino a settimana (o un cocktail quando voglio fare la milanese giovane aehm). Non penso che ubriacarsi sia necessario per festeggiare e divertirsi preferisco puntare sulla qualità che sulla quantità, decisamente, però è anche vero che il vino fa parte della nostra tradizione enogastronomica in maniera estremamente radicata (eno-gastronomica), e non è un fatto solo goliardico ma anche e soprattutto legato a un’identità culturale e ignorarlo sarebbe rinnegare una delle tradizioni produttive che ci invidiano in tutto il mondo.

Detto ciò, non bisogna esagerare, mi pare chiaro, anche perchè l’alcol è un cancerogeno di Classe I, ed esistono forti evidenze scientifiche che sia connesso a numerosi tumori del tratto gastrointesinale, oltre a laringe e pancreas. La dose consigliata dall’AIRC è di 20 g di alcol massimo al giorno per gli uomini e 10 g per le donne (più info qui) Aggiungo però che secondo me non conta solo la dose al giorno ma anche la frequenza: bevete uno o due bicchieri in serenità ma non fatelo tutti i giorni anche perchè il fegato ne soffre, anche indipendentemente dal rischio tumorale correlato.  Però se c’è un’occasione in cui brindare pare tutto sommato lecito, è proprio Natale o Capodanno direi! Magari con questo moscow mule natalizio! 

Moscow Mule di Natale

Moscow Mule di Natale

Ora, il caso vuole che io abbia numerose amiche astemie, se anche voi frequentate astemi (o donne incinta, o guidatori designati, o semplicemente bambini) sapete che non è sempre bello brindare in compagnia con un lussuoso e invitante cocktail in mano mentre loro alzano timidamente la loro acqua, quindi io ormai ho preso l’abitudine a scegliere cockatil che possono essere facilmente “virginizzati” cioè proposti in versione non alcolica, e sembrare molto simili. Un esempio? Il mojito, che eliminando il rum diventa una semplicissima ma rinfrescnte bevanda analcolica! Ecco questo mio moscow mule in versione natalizia al melograno nasce un po’ con questa idea: festeggiare e brindare insieme con un cocktail che sa di Natale! E poi la versione virgin di questo moscow mule alla melagrana diventerà una perfetta e sana bibita per altre occasioni! 

Bene ho finito e vi lascio con la ricetta.

E ovviamente, brindando con il Moscow Mule, Buon Natale! 

Moscow Mule di Natale

Moscow Mule di Natale

Moscow Mule di Natale
Serves 1
Per lo sciroppo di zenzero
  1. 300 ml di acqua
  2. 100 gr di zenzero in radice fresco
  3. 90 ml di sciroppo d'agave
Versione Not Virgin
  1. 40 ml di vodka
  2. 60 ml di succo di melograno
  3. 40 ml di ginger beer
  4. 1 cucchiaio di succo di lime
  5. 2 cucchiai di sciroppo di zenzero
Versione virgin
  1. 80 ml di succo frizzante di sambuco
  2. 60 ml di succo di melograno
  3. 1 cucchiaio di succo di lime
  4. 3 cucchiai di sciroppo di zenzero
Per entrambe le versioni
  1. ghiaccio
  2. lime
  3. semi di melograno
  4. foglioline di menta per decorare
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Per lo sciroppo
  1. Frullate in un mixer gli ingredienti fino a ottenere un composto uniforme e trasferitelo in un tegame e portate a bollore a fuoco medio.
  2. Fate bollire per 10 minuti e poi filtrate in un colino, riportate nel tegame e fate sobbollire e asciugare ancora per circa 20 minuti
  3. Lasciate raffreddare
Per i cocktail
  1. Mettete lo sciroppo sul fondo del bicchiere, aggiungete il ghiaccio e il resto degli ingredienti, mescolate poi decorate con melograno, lime e menta
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIO.quindi.SONO

Il Green Smoothie Perfetto

Il green smoothie perfetto!

La ricetta perfetta per un green smoothie che è veramente buono, senza compromessi


Dunque, a me mangiare sano generalmente piace. Nel senso che avocado, burro di mandorle, mango e pesce alla griglia e cavoletti di Bruxelles mi piacciono davvero, e non perchè vanno di moda, sono cibi realmente di cui sono golosa.. Però ecco pollo, albume e yogurt greco li mangio perchè sono versatili, ricchi di proteine e poveri di grassi…  non perchè mi piacciono. Invece cose come la barbabietola e la curcuma proprio non riesco a farmele piacere! Per quanto possano essere veramente ricche di sostanze benefiche per il mio corpo non riesco a passare sopra il fatto che… odio il loro sapore! Questo per dire che nella vita si fanno compromessi, si mangiano cose che magari non ci entusiasmano perchè sappiamo che ci fanno venire una pelle meravigliosa o aiutano il nostro fegato, e a volte invece ci mangiamo i calamari fritti anche se poi ci vengono i bruciori di stomaco perchè ehi i calamari fritti sono deliziosi! 

Il green smoothie perfetto

Ecco, invece questo green smoothie è… perfetto! Nessun compromesso: il top in fatto di micronutrienti e salubrità, con un sapore che io vi giuro, ha sorpreso me per prima! Bilanciato, fresco, dolce ma non eccessivo! Top! Sono sicura che tutte noi prima o poi abbiamo assaggiato un green smoothie attratte dalle mirabolanti promesse di pelle luminosa e energie rinnovate, ma sono altrettanto sicura che metà delle volte abbiamo finito quello smoothie per coscienza (e perchè magari era costato 5 dollari aehm) e non per il sapore. Diciamo che l’abbiamo bevuto nonostante il sapore! Niente a che vedere con questo mio green smoothie, a patto di non esagerare con spinaci e matcha, il sapore vi sorprenderà! 

Potete usare un mix di frutta congelata e fresca in base alla vostra disponibilità, cambierà leggermente la consistenza ma sarà comunque buono, chiaramente più frutta congelata usate più verrà denso! 

PS Questa ricetta è dedicata specialmente a Marianna delle Sisters in Action, che me l’ha chiesta almeno tre volte e io almeno tre volte le ho detto che l’avrei messa per bene sul blog ma continuavo a dimenticarmene (o non trovavo il mango, o l’ananas era andata a male etc etc) 

Il green smoothie perfetto!

Il green smoothie perfetto!

Il Green Smoothie perfetto!
Serves 2
Ingredients
  1. 150 gr di mango congelato o non
  2. 150 gr di ananas congelato o non
  3. 100 gr di banana congelata o non
  4. 25 gr di cocco fresco
  5. una manciata di spinacini freschi
  6. 1 cucchiaio di tè matcha
  7. Eventuale latte vegetale
  8. (polline e chips di cocco per decorare, facoltativi)
Add ingredients to shopping list
If you don’t have Buy Me a Pie! app installed you’ll see the list with ingredients right after downloading it
Instructions
  1. Mettete tutti gli ingredienti nel mixer e frullate!
  2. Aggiungete eventuale latte vegetale se lo desiderate più liquido
Notes
  1. Il tag veg si riferisce alla versione senza il polline per decorare, chiaramente
Print
Mangio quindi Sono https://www.mangioquindisono.it/

MANGIOquindiSONO

Qualcuno ha detto colazione sana?

Ma quindi, in cosa consiste una colazione sana? 

Un vademecum prezioso e completo di cosa fare e cosa non fare


Untitled design (11)

Vi è venuta voglia di fare una gustosa colazione sana?

 

Avete deciso di cambiare vita. Iniziare a mangiare sano, allenarvi, incrementare l’apporto di frutta e verdura, evitare i cibi confezionati, domani iniziate ma… che si mangia a colazione? 

Spero non tre misere fette biscottate! 

Cambiare abitudini e shiftare verso una colazione sana può sembrare difficile, spesso si è privi di idee, e cadere in errori banali è facile. Per questo una domanda che frequentemente facciamo è “Ma cosa mangio per fare una colazione sana?” 

Tutte le risposte, con consigli teorici e idee pratiche di ricette super veloci lo trovate in questo mio nuovo post su Estetica&Donna: 

http://www.esteticaedonna.it/cosa-mangiare-colazione/

Dovete leggerlo!


Colazione sana per due

Qualche anticipazione per  farvi venire voglia? Ecco qualche foto su cui sbavare

Smoothie & parfait

Sono sicura che questa foto vi farà venire voglia di frutta

Altro che colazione sana!
E voi? cosa mangiate a colazione?

MANGIO.quindi.SONO

aperitivo natalizio

Un aperitivo Natalizio con gli amici!

Natale si avvicina e nella fitta rete di impegni in calendario non manca mai la serata con gli amici storici, per lo scambio di auguri

Quest’anno, al posto della classica – ma impegnativa – cena seduti, perchè non proporre un ricco aperitivo natalizio di finger food


Suggerimenti con pesce, carne e formaggi insieme così ognuno scelga i propri bocconcini per festeggiare Natale in compagnia. 

Idee non certo dietetiche (ma se non si sgarra a Natale quando?) ma con qualche tip, magari da riciclare in altre occasioni, e tanti amici perchè alla fine l’importante è stare insieme

Dove? Ma su Estetica & Donna ovviamente! 

http://www.esteticaedonna.it/antipasti-aperitivi-menu-natale-2014/

Qualche assaggio visivo

aperitivo natalizio

aperitivo natalizio

Un grazie ai miei ospiti per la pazienza e l’aiuto fornitami, con particolare menzione a Matteo Pelladoni e lo chef de partie Tommaso Savino.

E auguri a tutti!

 

aperitivo natalizio

aperitivo natalizio